Pallalcesto Amatori Udine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la società fondata nel 1944, vedi Associazione Pallacanestro Udinese.
Pallalcesto Amatori Udine
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body thinsidesonwhite.png
Kit body basketball.png
Kit shorts blanksides.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body thinblacksides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts blacksides.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Colori sociali 600px Arancione Bianco Nero e Arancione.png Arancio, nero e bianco
Dati societari
Città Udine
Paese Italia Italia
Confederazione FIBA Europe
Federazione FIP
Fondazione 1999
Scioglimento 2011
Denominazione Pallacesto Amatori Udine (1998-2011)
Palazzetto PalaCarnera
(3.850 posti)

La Pallalcesto Amatori Udine è stata la principale squadra di pallacanestro della città di Udine dal 1999 al 2011.

Nelle stagioni 2000-01, 2001-02 e 2005-06 ha raggiunto i playoff di Serie A, venendo eliminata sempre al primo turno. Giocava le partite casalinghe al palasport "Primo Carnera" di Udine.

Storiamodifica | modifica sorgente

Erede della storica A.P.U., società che ha rappresentato l'élite della pallacanestro friulana fin dai primi anni Settanta, la Pau Snaidero ha assunto il ruolo di club leader del Friuli-Venezia Giulia cestistico.

La Pau ha esordito in Serie A2 nella stagione 1999-00 grazie all'acquisizione del diritto sportivo del Vicenza Basket, neopromossa dalla Serie B d'Eccellenza al termine del campionato 1998-99, riportando nel capoluogo friulano la massima serie italiana, dopo la sparizione della Libertas Udine nel 1997.

Nel 2009, dopo una stagione sfortunata, a causa di problemi societari e di acquisti non azzeccati, la squadra è retrocessa in Legadue con tre turni di anticipo, dopo aver disputato le nove stagioni consecutive nella massima serie. A nulla sono valsi i cambi di panchina a stagione in corso, che ha visto alternarsi Attilio Caja, Romeo Sacchetti e infine Mario Blasone.

L'estate 2009 è stata caratterizzata da una svolta societaria: il presidente Edi Snaidero ha infatti ceduto parte delle quote della società ad altri investitori, tra cui Giampaolo Pozzo, patron dell'Udinese Calcio.

Nell'estate 2011 ha rinunciato alla partecipazione alla Legadue cessando ogni attività[1].

Cronistoriamodifica | modifica sorgente

stagione denominazione serie posiz. Pt G V P PF PS post-season formazione
2010-2011 Snaidero Basket L2 7 34 30 17 13 2250 2299 Play-off elim. quarti. Cessa l'attività sportiva
2009-2010 Snaidero Basket L2 7 34 30 17 13 2283 2236 Play-off elim. quarti
2008-2009 Snaidero Basket A 16 12 30 6 24 2329 2587 Retrocessa in Legadue
2007-2008 Snaidero Basket A 16 26 34 13 21 2591 2760 no
2006-2007 Snaidero A 11 30 34 15 19 2753 2811 no
2005-2006 Snaidero A 5 44 34 22 12 2819 2793 Play-off elim. quarti
2004-2005 Snaidero Cucine A 15 26 34 13 21 2675 2834 no
2003-2004 Snaidero Cucine A 12 30 34 15 19 2850 2881 no
2002-2003 Snaidero A 17 26 34 13 21 2656 2698 no
2001-2002 Snaidero A 12 28 36 14 22 2858 2951 Play-off elim. turno preliminare
2000-2001 Snaidero A1 7 32 34 16 18 2829 2845 Play-off elim. quarti
1999-2000 Snaidero A2 6 30 30 15 15 2279 2327 Vinc. play-off A - promossa in A1

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Campionati Professionistici. La comunicazione della ComTec in FIP, 4 luglio 2011. URL consultato il 5 luglio 2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License