Paolo Attivissimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Attivissimo nel 2011 al Festival della Scienza "Aperta...mente" di Trento

Paolo Domenico Attivissimo (York, 28 settembre 1963) è un giornalista, scrittore, conduttore radiofonico e traduttore italiano. Di professione traduttore tecnico-scientifico italiano-inglese, è noto al pubblico per le sue pubblicazioni e i suoi blog, nei quali svolge opera di debunking delle più diffuse teorie complottiste (in particolare per quanto riguarda gli attentati dell'11 settembre 2001, la teoria del complotto lunare e le scie chimiche) e delle cosiddette "bufale informatiche".[1][2][3]

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nato a York, in Inghilterra, da famiglia italiana, si è poi trasferito in Italia. Dal 1980 al 1990 ha lavorato come conduttore nelle emittenti Pavia Radio City e Radio Luna Pavia, per poi passare a World Music Radio (in quest'ultima con lo pseudonimo di John Sinclair). Successivamente, per motivi di scelta personale e fiscali, come dichiara sul proprio sito[4] si è trasferito nel Lussemburgo, poi in Gran Bretagna per cinque anni e infine dal 2005 a Lugano nel Canton Ticino in Svizzera dove vive tuttora. Quando è in Italia risiede nella zona di Pavia.[5]

Dal 1997 al 2001 ha curato una rubrica settimanale d'informatica su La Gazzetta dello Sport. Cura sul proprio sito web il cosiddetto "Servizio Antibufala", una rubrica impegnata a verificare i numerosi appelli e "catene di sant'Antonio" che periodicamente circolano via e-mail, oppure le cosiddette "bufale" in cui spesso incappano quotidiani o telegiornali. Il cosiddetto "Servizio Antibufala" si è occupato anche, in maniera quasi sistematica, di Voyager - Ai confini della conoscenza, affermando che la trasmissione spesso realizza dei servizi su presunti misteri, la cui spiegazione scientifica in realtà è nota già da tempo, oppure spacciando per esperti personaggi che in realtà non hanno i titoli o le conoscenze per parlare dei relativi argomenti[6].

Dal 2006 è conduttore del programma radiofonico Il disinformatico su RSI Rete Tre, canale della Radio svizzera di lingua italiana.[7]

Collabora con alcune riviste online (Wired, The Register, Apogeonline, Zeus News) e cartacee (PC Magazine, Linux Magazine, Computer idea, Le Scienze).

È sposato e ha tre figli. È inoltre un membro del Cicap.

Operemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Due o tre parole su di me, Il Disinformatico.
  2. ^ festival del giornalismo.com.
  3. ^ ibtimes.com.
  4. ^ Perché ho vissuto in Inghilterra
  5. ^ Curriculum
  6. ^ Articoli su Voyager
  7. ^ Il Disinformatico radiofonico, rsi.ch.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License