Paolo De Magistris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo De Magistris

Sindaco di Cagliari
Durata mandato 1967 –
1970
Predecessore Giuseppe Brotzu
Successore Angelo Lai

Durata mandato 1984 –
1990

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana

Paolo De Magistris (Cagliari, 1925Cagliari, 1998) è stato un politico e storico italiano, esponente della Democrazia Cristiana, della quale fu uno dei fondatori in Sardegna. Fu sindaco di Cagliari per due volte e consigliere regionale.

Biografiamodifica | modifica sorgente

De Magistris accoglie Papa Giovanni Paolo II a Cagliari nel 1985

Nacque a Cagliari da una nobile famiglia sarda di origine piemontese[1], figlio di Edmondo, conte di Castella, famoso medico della nobiltà e dei poveri del Castello, e di sua moglie, la nobile Agnese Ballero. Sposò Orazia De Magistris, sua cugina di primo grado, che gli diede un figlio. È suo fratello monsignor Luigi De Magistris.

Studiò nella sua città natale fino all'università, dove frequentò la facoltà di giurisprudenza, senza tuttavia concludere gli studi. Fu direttore dei servizi all'assessorato dell'industria della Regione autonoma della Sardegna.

In particolare dopo la scomparsa della moglie, la sua vita è stata dedicata agli studi sulla sua città ed all'attività politica. Profondamente religioso, in politica "Don Paolo" aveva un consenso personale molto forte, dovuto anche all'austerità della sua condotta: uno dei simboli di tale etica erano i suoi spostamenti su una Fiat 126 blu[2]. Nel 1990, poco dopo la rielezione in Consiglio comunale, si dimise ed abbandonò la politica.

Da sindaco accolse in città nel 1970 Papa Paolo VI e nel 1985 Papa Giovanni Paolo II.

Opere principalimodifica | modifica sorgente

  • Infanzia come una sinfonia, 1970
  • Sul filo della memoria, 1984
  • Liberty, 1991
  • Dalla peste alla festa: la devozione per sant'Efisio, 1993
  • Cagliari: dal grigio-verde alla camicia nera, 1998
  • Ancu ti currat sa giustizia, 2001 (postumo).

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ http://www.araldicasardegna.org/genealogie/alberi_genealogici/albero_famiglia_de_magistris.htm
  2. ^ Paolo Matta, prefazione a Paolo De Magistris e Paolo Matta, Ancu ti currat sa giustizia, Capoterra, R&DT, edizione 2006. ISBN 88-88190-12-0

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • La grande enciclopedia della Sardegna, La Nuova Sardegna, Sassari, 2006.







Creative Commons License