Paolo Scheggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paolo Scheggi (Firenze, 1940Roma, 1971) è stato un artista italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nato a Settignano (una frazione del comune di Firenze) nel 1940, si forma all'Istituto Statale d'Arte ed all'Accademia di Belle Arti della città. Nel 1960 fonda la rivista d'arte e letteratura Il malinteso. Si trasferisce a Milano nel 1961 dove entra a far parte del mondo culturale milanese. Le sue ricerche, fortemente interdisciplinari, sono rivolte a problematiche legate alla percezione visiva, all'integrazione tra spazi reali e spazi virtuali. Suoi compagni di sperimentazioni sono, tra gli altri, Agostino Bonalumi, Enrico Castellani, Dadamaino. Scheggi rielabora lo Spazialismo di Lucio Fontana che nel 1962 lo presenta alla mostra tenutasi alla Galleria Il Cancello di Bologna. Importanti sono anche gli scambi e le collaborazioni con gruppi internazionali (Gruppo Nul, Gruppo Zero, Nove Tendencjie). Nel 1965 entra nella redazione della rivista Marcatré. La sua attività si alterna tra le prime pitture-oggetto a elementi modulari e le Intersuperfici curve o a zone riflesse, utilizzando per tutta la sua ricerca il monocromo. Nel 1966 è presente alla XXXIII Biennale di Venezia dove presenta quattro Intersuperfici curve dal bianco, dal giallo, dal rosso e dal blu, e al XXI Salon de Réalités Nouvelles al Musée d'Art Moderne di Parigi. Importanti sono anche le ambientazioni, che lo portano a collaborare con il mondo della moda, del teatro, del cinema: in esse la modularità dei suoi quadri viene estesa allo spazio come accade, per esempio, nell’Intercamera plastica allestita alla Galleria del Naviglio di Milano nel 1967. Nello stesso anno espone a Foligno nella rassegna Lo spazio dell'immagine. Negli ultimi anni della sua vita, oltre a proseguire le ricerche verso una sempre maggiore programmaticità dell’opera (è il periodo delle lamiere modulari), Scheggi si accosta all’ambito teatrale e performativo, partecipando a manifestazioni pubbliche e facendo proprie le sperimentazioni concettuali. Nel 1969 gli viene assegnata la cattedra di Psicologia della forma all'Accademia di Belle Arti dell'Aquila. Nel 1970 partecipa alla collettiva Amore mio organizzata da A. Bonito Oliva in Palazzo Ricci a Montepulciano e volta a documentare proposizioni di tipo installativo e ambientale. Nello stesso anno lo troviamo in Vitalità del negativo nell'arte italiana 1960/1970, a Roma a rappresentare insieme a Castellani, Colombo e De Vecchi la linea dell'arte programmata con esiti ambientali. Dopo la sua morte, avvenuta a Roma nel 1971, le ultime opere di Scheggi vengono presentate alle Biennali di Venezia del 1972 e del 1976 (G. Celant, Ambiente/Arte dal Futurismo alla Body Art). Nello stesso anno una retrospettiva sull'artista viene organizzata dalla Galleria d'Arte Moderna di Bologna.[1]

Nel 2000 dalla collaborazione tra la Galleria d'arte Niccoli di Parma e gli eredi Scheggi, nasce l'Archivio Paolo Scheggi.

Nel gennaio 2013 è stata costituita a Milano l'Associazione Paolo Scheggi, volta ad autenticare, archiviare, conservare e catalogare sia le opere di Paolo Scheggi, sia tutti gli scritti, i documenti, i dati, le testimonianze, le notizie e qualsiasi altro materiale di interesse, avente ad oggetto l’opera e la vita di Paolo Scheggi; a promuovere e collaborare a congressi, conferenze, convegni, seminari, mostre, esposizioni riguardanti l’opera artistica e la vita di Paolo Scheggi. Tra le attività fondamentali dell'Associazione, è la realizzazione del Catalogo Ragionato dell’opera di Paolo Scheggi, attualmente in corso.

Esposizioni personalimodifica | modifica sorgente

  • 1961 Itinerario plastico prestabilito. 18 monotipi dal bianco e dal nero, Galleria della Vigna Nuova, Firenze
  • 1962 Intersuperfici curve a zone riflesse, Galleria Il Cancello, Bologna
  • 1964 Sette Intersuperfici curve bianche + una Intersuperficie curva dal rosso + compositori spaziali, Galleria del Deposito, Genova; Intersurfaces courbes + compositeurs spatiaux + projets d'intégration plastique, Galerie Smith, Bruxelles
  • 1965 Paolo Scheggi/Intersuperfici curve, Galleria Il Chiodo, Palermo; "Paolo Scheggi", Galleria Il Cavallino, Venezia; Problemi sul cerchio-10 Intersuperfici curve bianche, Centro Arte Viva, Trieste; Oeuvres plastiques et appliquèes (Getulio Alviani, Marina Apollonio, Paolo Scheggi), Galerie Smith, Bruxelles
  • 1966 Intersuperfici curve, Ewan Phillips Gallery, London; Nuova tendenza in Italia, Galleria del Naviglio, Milano
  • 1967 Paolo Scheggi, Galleria del Naviglio, Milano
  • 1968 Otto Intersuperfici modulari + un progetto di integrazione plastica, Galerie Kuckeh, Bochum
  • 1969 Intersuperfici curve, Modern Art Agency, Napoli; Oplà-stick, Passione secondo Paolo Scheggi, Galleria del Naviglio, Milano; Oplà-azione-lettura-teatro + Intersuperfici modulari, Galleria Flori e strade, Firenze
  • 1971 Sei profeti per sei geometrie, Galleria del Naviglio, Milano
  • 1973 Personale, Studio 2B, Bergamo
  • 1974 Paolo Scheggi, Galleria Il Centro, Napoli; Paolo Scheggi, Galleria del Naviglio, Milano
  • 1976 Paolo Scheggi, Galleria d'Arte Moderna, Bologna
  • 1983 Paolo Scheggi, Sala d'Arme di Palazzo Vecchio, Firenze
  • 1990 Paolo Scheggi, Galleria Elleni, Bergamo; Omaggio a Paolo Scheggi, Galleria del Naviglio, Milano
  • 2002 Paolo scheggi - la breve e intensa stagione, Galleria d'arte Niccoli, Parma
  • 2007 Paolo Scheggi - la profondità della superficie, Colossi Arte Contemporanea, Brescia
  • 2007 Intercamera Plastica, MIART, Milano, stand Galleria d'arte Niccoli, Parma
  • 2008 Paolo Scheggi, Galleria il Ponte, Firenze - Galleria Tornabuoni, Firenze
  • 2010 Paolo Scheggi, Galleria d'arte Niccoli, Parma
  • 2011 Sala personale di Paolo Scheggi, ArteFiera, Bologna, stand Galleria d'arte Niccoli, Parma
  • 2011 Agostino Bonalumi, Paolo Scheggi. Una mostra, Galleria Vinciana, Milano
  • 2011 Elementi Spaziali. Bonalumi, Castellani, Dadamaino, Scheggi, Galleria Tega, Milano - in collaborazione con Galleria d'arte Niccoli, Parma
  • 2012 Zone Riflesse. La vita e le opere di Paolo Scheggi nella fotografia di Ada Ardessi, Palazzo Broggi-Sotheby's, Milano
  • 2013 Postwar. Protagonisti italiani (Paolo Scheggi, sala personale), Collezione Peggy Guggenheim, Venezia
  • 2013 Zone riflesse. La vita e le opere di Paolo Scheggi nella fotografia di Ada Ardessi, Sotheby's, Palazzo Broggi, Milano
  • 2013 Paolo Scheggi. Intercamera plastica e altre storie, Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, Prato
  • 2013 Paolo Scheggi. Selected works from European Collections, Ronchini Gallery, London - in collaborazione con Galleria d'arte Niccoli, Parma

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Pirovano 1993, p. 863.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Lo spazio dell'immagine, Venezia, Alfieri edizioni d'arte, 1967.
  • Achille Bonito Oliva (a cura di), Amore mio : Montepulciano, Palazzo Ricci, 30 giugno-30 settembre 1970, Firenze, Centro Di, 1970.
  • Franca Scheggi; Deanna Farneti (a cura di), Paolo Scheggi : 6 ottobre - 10 novembre 1976, Bologna, Comune di Bologna, Galleria d'arte moderna, 1976.
  • Paolo Scheggi : Firenze, Sala d'arme di Palazzo vecchio, 28 maggio-26 giugno 1983, Firenze, Vallecchi, 1983.
  • Carlo Pirovano (a cura di), Scheggi, Paolo in La pittura in Italia : Il Novecento/2 : 1945-1990, vol. 2, Milano, Electa, 1993. ISBN 88-435-3982-5.
  • Scheggi. La breve e intensa stagione di Paolo Scheggi : 23 novembre 2002 - 22 febbraio 2003 / testi di Luca Massimo Barbero e Gillo Dorfles, Parma, Galleria d'arte Niccoli, 2002-2003.
  • Bruno Corà (a cura di), Paolo Scheggi : 6 ottobre 2007 - 19 gennaio 2008, Firenze, Edizioni Galleria Il Ponte, 2007-2008.
  • Giuseppe Niccoli; Franca Scheggi (a cura di), Paolo Scheggi : 20 novembre 2010 - 26 febbraio 2011, Parma, Galleria d'arte Niccoli, 2010.
  • Flaminio Gualdoni (a cura di), Agostino Bonalumi, Paolo Scheggi. Una mostra : 15 marzo - 12 maggio 2011, Milano, Galleria Vinciana, 2011.
  • Elena Forin (a cura di), Elementi spaziali: Bonalumi, Castellani, Dadamaino, Scheggi : 16 maggio - 23 luglio 2011, Galleria Tega, Milano, Silvana, 2011. ISBN 978-88-366-2070-8.
  • Stefano Pezzato (a cura di), Paolo Scheggi. Intercamera plastica e altre storie : 23 marzo - 30 giugno 2013, Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, Prato, 2013. ISBN 978-88-366-2070-8.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte







Creative Commons License