Paolo Tomasoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Tomasoni
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Pro Vercelli Pro Vercelli (Berretti)
Ritirato 1995 - giocatore
Carriera
Giovanili
Varese Varese
Squadre di club1
1979-1981 Varese Varese 21 (2)
1981-1982 Sant'Angelo Sant'Angelo 28 (4)
1982 Alessandria Alessandria 6 (0)
1982-1983 Parma Parma 14 (0)
1983-1985 Varese Varese 62 (3)
1985-1988 Piacenza Piacenza 83 (16)
1988-1989 Triestina Triestina 30 (1)
1989-1993 Giarre Giarre 127 (12)
1993-1994 Venezia Venezia 17 (0)
1994-1995 Barletta Barletta 28 (5)
1995 Borgosesia Borgosesia  ? (?)
Carriera da allenatore
 ????-???? Solbiatese Solbiatese Giovanili
 ????-2003 Varese Varese Giovanili
2003-2011 Inter Inter Giovanili
2011-2012 Varese Varese Primavera
2012-2013 Pro Vercelli Pro Vercelli Allievi
2013- Pro Vercelli Pro Vercelli Berretti
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 novembre 2013

Paolo Tomasoni (Gallarate, 22 febbraio 1962) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Caratteristiche tecnichemodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Ricoprì per la maggior parte della carriera il ruolo di libero[1][2]. Nel corso della sua esperienza piacentina, tuttavia, fu impiegato frequentemente come terzino fluidificante a sinistra[3].

Era inoltre dotato di un tiro potente (per il quale era soprannominato Bombarda[4]), che gli consentì di mettere a segno numerose reti su calcio piazzato.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Prodotto del vivaio del Varese, esordì in prima squadra nel vittorioso campionato di Serie C1 1979-1980, collezionando 2 presenze. Nella stagione successiva fece il suo debutto nella serie cadetta, disputando 19 partite con 2 reti.

Nel 1981 viene ceduto in prestito in Serie C1, al Sant'Angelo[1]; con la formazione lodigiana si mise in luce, realizzando 4 reti in 28 presenze, non sufficienti tuttavia ad evitare la retrocessione in Serie C2. Rientrato al Varese, viene nuovamente ceduto in prestito, dapprima all'Alessandria[5][6] e poi, dopo poche gare, al Parma[7], squadrà in cui non riuscì ad imporsi come titolare collezionando 14 presenze. Fece quindi ritorno al Varese, con il quale disputò due campionati di Serie B e fu impiegato con continuità: nella prima stagione contribuì con 33 presenze e 2 reti alla conquista del decimo posto finale, mentre l'anno successivo i biancorossi lombardi, guidati da Giampiero Vitali, retrocessero in C1 per un solo punto di distacco dal Cagliari[8].

Dopo la retrocessione, venne acquistato dal Piacenza[3], inizialmente come sostituto dell'infortunato Giorgio Mastropasqua[9]. Con il rientro in campo del compagno di reparto, Tomasoni venne spostato sulla fascia sinistra, posizione che gli consentì di essere particolarmente prolifico dal punto di vista realizzativo: mise a segno 8 reti in 33 partite, laureandosi capocannoniere della squadra (giunta al terzo posto in Serie C1) insieme a Roberto Simonetta e Gianfranco Serioli[3]. Conquistò inoltre la Coppa Anglo-Italiana, competizione nella quale andò anche a segno nella finale vinta per 5-1 sul Pontedera di Marcello Lippi[10].

Nella stagione 1986-1987 riprese il proprio posto di libero[11] e contribuì con 27 presenze e 3 reti alla promozione in Serie B degli emiliani. Riconfermato anche in cadetteria, si alternò in difesa con Claudio Gentile e Luca Marcato[12], e mise a segno altre 5 reti in campionato, concluso con la salvezza della squadra piacentina.

A fine stagione venne ceduto alla Triestina, appena retrocessa in Serie C1[13]. Con gli alabardati riconquistò immediatamente la cadetteria (terza promozione personale), quindi si trasferì in Sicilia, al Giarre, sempre in C1[8]. Con la formazione gialloblù disputò quattro campionati consecutivi in terza serie, ottenendo due terzi posti e un quarto posto sotto la guida di Giampiero Ventura, ed indossando ripetutamente la fascia di capitano della squadra[8].

Nel 1993, a 31 anni, ritornò in Serie B per una stagione, vestendo la maglia del Venezia. In Veneto fu impiegato saltuariamente, e collezionò 17 presenze in campionato, scendendo in campo anche in occasione della vittoria in Coppa Italia contro la Juventus allo Stadio Pierluigi Penzo[14]. A fine stagione tornò in terza serie, accasandosi al Barletta, che nel 1995 scomparve per problemi finanziari[8], e Tomasoni si trasferì al Borgosesia, formazione piemontese del Campionato Nazionale Dilettanti[15]. Già nel mese di novembre, tuttavia, la società rescisse il contratto con il giocatore[16].

In totale ha collezionato 121 presenze e 10 reti in Serie B, e 289 presenze con 32 reti in Serie C1.

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Dopo gli esordi nelle giovanili della Solbiatese[17] e del Varese[17], passò all'Inter; dal 2003 allenò «Berretti» (con cui sfiorò per due volte il titolo nazionale)[17] e Allievi Regionali[18][19] del club nerazzurro.

Nel luglio 2011 assume l'incarico di allenatore della formazione Primavera del Varese, finalista scudetto nella stagione precedente[17]. Lascia la formazione lombarda a fine stagione, e dal novembre 2012 diventa allenatore degli Allievi della Pro Vercelli[20]. Nel settembre 2013 passa alla guida della formazione Berretti[21].

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Competizioni nazionalimodifica | modifica sorgente

Varese: 1979-1980
Piacenza: 1986-1987

Competizioni internazionalimodifica | modifica sorgente

Piacenza: 1986

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Sant'Angelo 1981-1982 Acsantangelo.com
  2. ^ Il Venezia si ferma contro i pali, Il Corriere della Sera, 6 gennaio 1994, pag.32
  3. ^ a b c Rosa 1985-1986 Storiapiacenza1919.it
  4. ^ Stagione 1985-1986 Storiapiacenza1919.it
  5. ^ Roberto Gelato. Con Scarrone in campo i grigi sono più forti, La Stampa, 31 ottobre 1982, p. 21
  6. ^ Beltrami, 1983, op. cit., 299
  7. ^ Stagione 1982-1983 Storiadelparmacalcio.com
  8. ^ a b c d Profilo e statistiche su Giarrestory.altervista.org
  9. ^ C.Fontanelli, G.Bottazzini, Piacenza90: partite, protagonisti, immagini, Geo Edizioni, 2009, pag.316
  10. ^ Torneo Anglo-Italiano 1986 Storiapiacenza1919.it
  11. ^ Rosa 1986-1987 Storiapiacenza1919.it
  12. ^ Rosa 1987-1988 Storiapiacenza1919.it
  13. ^ Stagione 1988-1989 Unionetriestina.it
  14. ^ Venezia-Juventus 4-3 Myjuve.it
  15. ^ Sparta e Borgosesia, giù le carte, La Stampa, 27 agosto 1995, pag.41
  16. ^ Il Borgo a caccia del libero, La Stampa, 7 novembre 1995, pag.47
  17. ^ a b c d Scapini: "Per la Primavera è ora di voltare pagina" Varesenews.it
  18. ^ Allievi Regionali: Inter-Pavia 5-1 Fcinternews.it
  19. ^ Allievi Regionali: buona la prima Tuttomercatoweb.com
  20. ^ UFFICIALE: Pro Vercelli, Paolo Tomasoni nuovo tecnico degli Allievi Tuttomercatoweb.com
  21. ^ Berretti Pro Vercelli: partita la nuova stagione Ilcorrieresportivopiemonte.it

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1984. Modena, Panini, 1983.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License