Paolo Vidoz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Vidoz
Vidozpeter1.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Pugilato Boxing pictogram.svg
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Bronzo Sydney 2000 supermassimi
Gnome-emblem-web.svg  Mondiali
Bronzo Budapest 1997 supermassimi
Bronzo Houston 1999 supermassimi
Wikiproject Europe (small).svg  Europei
Argento Tampere 2000 supermassimi
Statistiche aggiornate al 28 aprile 2009

Paolo Vidoz (Gorizia, 21 agosto 1970) è un ex pugile italiano, che ha combattuto nella categoria del pesi massimi.

Carriera dilettantisticamodifica | modifica sorgente

I successi internazionalimodifica | modifica sorgente

Vidoz muove i primi passi nel pugilato sotto la guida del maestro Bruno Piccotti dell'Unione Pugilistica Goriziana.

Esordisce nel 1988, iniziando una lunga carriera da dilettante che durerà 10 anni e lo vedrà vincere per 6 volte il titolo italiano dei supermassimi, una medaglia d'argento ai campionati Europei, due medaglie di bronzo ai Mondiali, l'oro ai giochi del Mediterraneo, i Goodwill Games di New York e la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Sydney del 2000.

Sydney 2000modifica | modifica sorgente

A Sydney, il 23-9-2000 Vidoz affronta negli ottavi di finale lo statunitense Calvin Brock. Il goriziano gli infligge una standing eight count, lo costringe al tappeto nella terza ripresa con un gancio al fegato e lo ferma per TKO nel 4º tempo grazie alla regola dei 15 punti (21-5).

Paolo Vidoz batte Samuel Peter

Nei quarti di finale, il 29-9-2000 l'avversario è il nigeriano Samuel Peter e Vidoz vince ai punti (14-3). In semifinale Vidoz affronta il britannico Audley Harrison che vince nettamente l'incontro ai punti (32-16) e concluderà successivamente l'olimpiade vincendo la medaglia d'oro. Vidoz con la sconfitta si ferma al bronzo, riportando comunque una medaglia al pugilato italiano che non ne conquistava dal 1988 (Giovanni Parisi, oro nei piuma).

Carriera professionisticamodifica | modifica sorgente

Il suo primo match da professionista si tenne al Madison Square Garden il 27 gennaio del 2001 ( W KO1). Dopo una serie positiva di vittorie contro collaudatori americani subisce la prima sconfitta in carriera contro il journeyman Zuri Lawrence, che in passato ha battuto anche il top-contender Jameel McCline.

La risalitamodifica | modifica sorgente

Tornato in Italia, combatte in riunioni di basso profilo fino a quando, il 9 ottobre del 2004, accetta di affrontare con 16 giorni di preavviso l'imbattuto russo Nikolai Valuev (2.13m, 148 kg.). Durante il 3º round subisce la frattura della mascella che lo condizionerà nel prosieguo dell'incontro fino alla sconfitta per TKO subita nella 9ª ripresa. Si rende necessaria un'operazione chirurgica al Policlinico di Udine e l'inserimento di una placca di titanio per ridurre la frattura.

Il titolo europeomodifica | modifica sorgente

Audley Harrison batte Paolo Vidoz

Nel giugno del 2005, lo sfidante al titolo Europeo dei pesi massimi Michael Sprott è costretto a rinunciare all'incontro che avrebbe dovuto disputare 5 giorni dopo contro il tedesco Timo Hoffmann a causa di un'intossicazione alimentare. Vidoz viene contattato dal promoter tedesco Sauerland e accetta di sostituire l'inglese con 5 giorni di preavviso. L'11 giugno 2005 Vidoz vince l'incontro diventando così campione Europeo dei pesi massimi: il verdetto è di SD (115-112, 113-115, 114-113).

Dopo una prima difesa del titolo contro Sprott, Vidoz si riconferma campione europeo il 28 gennaio 2006 battendo per UD il tedesco Cengiz Koc.

In marzo Vidoz firma un contratto con la Sauerland Event e per la sua terza difesa del titolo Europeo. Dopo un periodo di incertezza la posizione di sfidante ufficiale viene occupata dall'ucraino Vladimir Virchis, sotto contratto con la Spotlight, la costola della Universum di proprietà del suocero del promoter Klaus Peter Kohl.

L'incontro vede un sostanziale equilibro fino alla sesta ripresa quando Vidoz, intento a schivare sul tronco con il sinistro basso aderente al corpo, viene raggiunto da un micidiale corto destro dell'ucraino. Durante la caduta il goriziano subisce un infortunio al ginocchio ( successivamente si scopre anche una sospetta lesione al timpano). L'esperto belga Van De Wiele comincia la conta, Vidoz prova ad alzarsi e ci riesce, ma è in piedi proprio mentre l'arbitro decreta l'out.(Virchis KO6 Paolo Vidoz.)

Passato sotto la gestione del manager Sergio Cavallari, Vidoz firma nel febbraio 2007 per una rivincita con Virchis, il 19 maggio 2007 ad Amburgo, in palio ancora il titolo Europeo. In quell'occasione l'italiano arriva alla fine delle 12 riprese ma perde ai punti in maniera netta (109-119/112-116/111-117) limitato nella prestazione da una microfrattura alla mano destrasenza fonte.

Fine carrieramodifica | modifica sorgente

Il 16 dicembre 2011 chiude la sua carriera mettendo in palio la cintura italiana dei massimi contro il più giovane Matteo Modugno. Il pugile goriziano si presenta sul ring evidentemente in sovrappesosenza fonte, ma riesce comunque ad arrivare fino alla fine dell'incontro dove viene sconfitto ai punti.

Palmares come dilettantemodifica | modifica sorgente

  • 1990: 3° Campionati Italiani pesi massimi.
  • 1991: 1° Campionati Italiani pesi supermassimi.
  • 1992: 2° Campionati Italiani pesi supermassimi.
  • 1993: 1° Campionati Italiani pesi supermassimi.
  • 1994: 3° Campionati Italiani pesi supermassimi.
  • 1995: 1° Campionati Italiani pesi supermassimi.
  • 1996: Ottavi di finale Olimpiadi di Atlanta pesi supermassimi.
  • 1996-1997: 1° Campionati Italiani pesi supermassimi.
  • 1997: 1° Giochi del Mediterraneo pesi supermassimi.
  • 1997: 3° Campionati Mondiali pesi supermassimi.
  • 1998: Finale Campionati Italiani pesi supermassimi (il titolo resta vacante per forfeit dell'avversario).
  • 1998: 1° Goodwill Games pesi supermassimi.
  • 1999: 3° Campionati Mondiali pesi supermassimi.
  • 1999: 1° Campionati Italiani pesi supermassimi.
  • 2000: 2° Campionati Europei pesi supermassimi.
  • 2000: Medaglia di bronzo Olimpiadi di Sydney pesi supermassimi.

Record dilettantistico complessivo: 135 incontri: 114 vittorie, 19 sconfitte, 2 pareggi.

Oltre il ringmodifica | modifica sorgente

Vidoz, oltre a essere pugile, è anche agricoltore.

Nel settembre del 2011 è entrato come concorrente nella prima edizione italiana del reality culinario MasterChef Italia in onda su Cielo, dove è stato eliminato durante la quinta puntata.

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 3 ottobre 2000. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[1]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Paolo Vidoz. URL consultato il 9 aprile 2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License