Patrizia Rossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Patrizia Rossi (Milano, 2 giugno 1951) è una scrittrice italiana.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Patrizia Rossi nasce a Milano, frequenta il liceo classico e durante gli studi universitari, oltre a diplomarsi in regia alla Scuola del Piccolo Teatro fa teatro attivamente: nel 1971 con il Gruppo Teatro Acquarius (Roberto Agostini, Gabriele Salvatores, Denise Petriccione, Erika Rossi, Tonino Donato) mette in scena a Milano al Teatro Uomo il Doctor Faust, rielaborazione del mito faustiano prendendo spunto da Marlowe, Thomas Mann e Goethe. Nel 1972 con il Teatro Aperto (Roberto Agostini, Gabriele Salvatores, Denise Petriccione, Erika Rossi) mette in scena in un capannone di viale Zara a Milano La morte rossa e Saltarospo tratti da Edgar Allan Poe. Nel 1972/73 fonda insieme a Roberto Agostini, Nereo Rapetti e il comitato di quartiere Pontenuovo il Teatro Officina, che viene inaugurato con L’Antigone di Sofocle di Brecht del Gruppo delle Rocca. Nel 1975 torna ad organizzare il Teatro Officina per poi abbandonarlo definitivamente per disaccordi sulle scelte artistiche. Nel 1976 si laurea in filosofia con una tesi in critica d'arte, relatore Enrico Castelnuovo (110 e lode). Dal 1976 al 1981 (quando diventa mamma) si afferma nella sua professione di fotografa dell'avanguardia teatrale, collaborando a riviste specializzate, libri, oltre che a Panorama, L'Europeo, La Repubblica e l'annuario Il Patalogo. In quegli anni crea alcune performance d’appartamento: Re e Regina, Punto di vista del gioco, Effetto Speciale. Nel '79 partecipa alla Mostra del Fumetto di Lucca. Negli anni '80 si dedica al disegno e lavora come creativa con varie società pubblicitarie. Dal 1990 in poi collabora con la Ferrero nella creazione dei personaggi e delle storie degli ovetti Kinder.

Opinioni della criticamodifica | modifica sorgente

Della sua personalità di scrittrice e del suo universo romanzesco ha scritto Antonio Faeti: "Ci sono scrittori avari e scrittori prodighi. Patrizia Rossi è generosissima con i suoi lettori, vuole trattarli come si faceva un tempo nelle case ricche e ospitali, tutto dev'essere messo a disposizione di questi amatissimi visitatori, le pagine sussultano, piene, colme, di avvenimenti, di umori, di frenetiche informazioni. Gli scrittori molto prodighi amano il mondo, amano la vita, amano i lettori e odiano profondamente la noia."

Operemodifica | modifica sorgente

Dall’esordio, nel 1992, ha pubblicato numerosi romanzi per ragazzi con i maggiori editori italiani, ottenendo riconoscimenti (il Premio Bancarellino 1996 con Brividi d'estate e il Premio Martoglio 1996 con Il gioco delle perle di drago, entrambi pubblicati nella collana “I Delfini” Bompiani/Fabbri; il Premio Guidonia 2000 per Robin dei boschi pubblicato da Giunti). Fra gli altri titoli ricordiamo: Giallo di Natale; L'albero degli smemorati; Che fine ha fatto Mariella-san?; Un fantasma in sala professori; Il bambino della valigia verde; Il ritorno degli umanoidi; Il cucciolo di Pompei; I biscotti del coraggio; Mi chiamo Druw. Negli ultimi anni ha creato anche testi per la narrativa scolastica (Goldoni racconta; Il cinema raccontato ai giovani; Ridere con Shakespeare; Come sarò...). Alcuni suoi romanzi sono pubblicati in Spagna e in Svizzera. Nel settembre del 2005 è uscito nella collana Contrasti della Fabbri, Chris prima della guerra, una riflessione sul mondo adolescente alle prese con il futuro. Per le Edizioni Archimede-Paravia-Bruno Mondadori ha pubblicato nel 2007 Non serve andare lontano (una ragazza in viaggio alla ricerca delle sue origini) e nello stesso anno per le stesse edizioni, il libro-dossier a quattro mani con Roberto Agostini, Parla, ti ascolto. Alla fine di maggio del 2008 presso l'editore Fanucci ha pubblicato un fantasy, Il carillon di Ludwig, protagonista il giovane Armin che cerca Dio e trova invece Claudia, e la difende da incredibili nemici; è un viaggio, tra i castelli della Baviera e antichi monasteri, sulle note di un misterioso carillon, fino a perdersi nel "Mondo delle Ombre". Nel 2012 pubblica in coppia con Roberto Agostini per Archimede Edizioni Un mondo imperfetto.

Traduzionimodifica | modifica sorgente

Libri tradotti:

  • Linda Aronson, Una salute di ferro (I Delfini/Fabbri, 2002)
  • Errol Broome, Il Saltarocce (I Delfini/Fabbri, 2002)
  • Alan Arkin, Cassie ama Beethoven (I Delfini/Fabbri, 2002)
  • Graeme Base, CaniCamion (I Delfini/Fabbri, 2002)
  • Matthews, L. S., Il Pesce (I Delfini/Fabbri, 2004)
  • Alan Gibbons, Io, Julie e il nemico numero 10 (Narrativa Fabbri, 2004)
  • Catherine Forde, Fat boy swim (Narrativa Fabbri, 2004)
  • Ann Brashares, Quattro amiche e un paio di jeans - Per sempre in blu (Fabbri, 2004)
  • Linda Aronson, Ma quanto sei Rude (I Delfini/Fabbri, 2005)
  • Jan Mark, Dentro ho qualcosa che non si può mostrare (Fabbri Contrasti, 2006)
  • John Boyne, Il bambino con il pigiama a righe (Fabbri, 2006)
  • Frances Hardinge, Volo nella notte (Narrativa Fabbri, 2006) (trad: Patrizia Rossi, Berenice Capatti, Maria Concetta Scotto di Santillo)
  • Peadar O' Guilin, La Trilogia delle ossa - L'inferiore (Rizzoli, 2007)
  • Cristopher Paolini, Brisingr (Rizzoli, 2008) (trad: Maria Concetta Scotto di Santillo, Valeria Bastia, Patrizia Rossi)
  • Junot Diaz, Drown ( Oscar Mondadori 2008) (trad: Roberto Agostini, Patrizia Rossi)
  • Lesléa Newman, Hachikō, (Burextra Rizzoli, 2010)

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

http://utenti.multimania.it/patriziarossilibri/index.html http://utenti.multimania.it/xardo/








Creative Commons License