Paul Guillaume (psicologo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paul Guillaume (Chaumont, 1878Lannes, 1962) è stato uno psicologo francese, principale rappresentante francese della Psicologia della forma o Psicologia della Gestalt[1].

Egli è l'autore, nel suo libro del 1937, della definizione: « "Una forma è qualcosa di diverso o qualcosa di più della somma delle sue parti. Essa ha delle proprietà che non risultano dalla semplice addizione dei suoi elementi..." »

Insegnò psicologia generale, dal 1940 al 1948, presso l'università della Sorbona di Parigi.

Scrisse numerose opere tra cui si distinguono:

  • L'imitation chez l'enfant (Alcan, 1925)
  • Psychologie (1931), successivamente ripubblicato con il titolo Manuale di psicologia (1947)
  • La formation des habitudes (Alcan, 1936)
  • La psychologie de la forme (Flammarion, 1937)
  • La psychologie animale (Colin, 1940)
  • La psychologie de l'enfant en 1938-1939 (Hermann, 1941)
  • La psychologie des singes (Presses Universitaires, 1942)
  • Introduction à la psychologie (Vrin, 1943).

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ W. Köhler, cfr. bibliografia.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • W. Köhler, Psychologie de la forme, 1929, Paris, Gallimard, 1964
  • A. Gurwitsch, Développement historique de la Gestalt-Psychologie, 1935, Thalès, pp. 167-176
  • P. Guillaume, La psychologie de la forme, 1937, Paris, Flammarion, 1979

Voci correlatemodifica | modifica sorgente








Creative Commons License