Pedemonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Pedemonte (disambigua).
Pedemonte
comune
Pedemonte – Stemma
Pedemonte visto da Forte Belvedere (Werk Gschwendt)
Pedemonte visto da Forte Belvedere (Werk Gschwendt)
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Vicenza-Stemma.png Vicenza
Sindaco Roberto Carotta (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°55′00″N 11°19′00″E / 45.916667°N 11.316667°E45.916667; 11.316667 (Pedemonte)Coordinate: 45°55′00″N 11°19′00″E / 45.916667°N 11.316667°E45.916667; 11.316667 (Pedemonte)
Altitudine 446 m s.l.m.
Superficie 12 km²
Abitanti 769[1] (31-12-2010)
Densità 64,08 ab./km²
Frazioni Casotto
Comuni confinanti Lastebasse, Lavarone (TN), Luserna (TN), Valdastico
Altre informazioni
Cod. postale 36040
Prefisso 0445
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 024076
Cod. catastale G406
Targa VI
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti pedemontani
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Pedemonte
Posizione del comune di Pedemonte all'interno della provincia di Vicenza
Posizione del comune di Pedemonte all'interno della provincia di Vicenza
Sito istituzionale

Pedemonte (Pedemonte in cimbro[2]) è un comune di 767 abitanti[3] della provincia di Vicenza.

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[4]

Storiamodifica | modifica sorgente

Dal 1535 i comuni di Pedemonte e Casotto fecero parte del Tirolo e dell'Impero Austroungarico fino al 1918. Fino al 1929 fecero parte del Trentino in maniera stabile. Passati poi alla provincia di Vicenza nel 1929, hanno conservato il Catasto ex austriaco (Teresiano) con l'Ufficio Tavolare e quello del Libro Fondiario che hanno sede a Trento. La popolazione vorrebbe far ritornare i due comuni parte della Provincia Autonoma di Trento.

Personaggi illustrimodifica | modifica sorgente

  • Danilo Longhi, (1933-2005), presidente di Unioncamere nazionale, vice presidente delle Camere di Commercio europee e per 19 anni a capo della Camera vicentina.
  • Mons. Daniele Longhi.
  • Padre Gabriele Sartori di Casotto.
  • Giovanbattista Sartori da Casotto, Comandante della Compagnia degli Schuetzen di Caldonazzo, morto nel 1810 combattendo contro le truppe napoleoniche che avevano invaso il Tirolo.

Centri abitatimodifica | modifica sorgente

Attualmente Pedemonte è formato da 8 contrade: Carotte, Ciechi, Quadri, Brancafora, Longhi, Scalzeri, Casotto Alto, Casotto Basso.

Storicamente invece ne erano presenti soltanto 3:

  • Carotte, fino al Rio Torto
  • Longhi, fino al Gorgo Santo
  • Scalzeri, fino alla Val Grossa

Variazionimodifica | modifica sorgente

La circoscrizione territoriale ha subito le seguenti modifiche: nel 1929 con decreto in epoca di governo fascista Pedemonte e Casotto vennero staccati dalla provincia di Trento ed aggregati a quella di Vicenza; nel 1980 aggregazione dell'ex Comune di Casotto, staccatosi con referendum, dal comune di Valdastico.[5] Il 9 e il 10 marzo 2008 si è svolto il referendum per il passaggio alla Provincia Autonoma di Trento. La percentuale dei favorevoli al cambio di regione è del 51,05% sul totale degli aventi diritto, superando il quorum per 8 voti (414/811). Il 6 luglio 2009 il Senatore Sergio Divina, della Lega Nord, ha presentato in Parlamento un Disegno di Legge per il passaggio del Comune di Pedemonte alla Provincia Autonoma di Trento.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Hans Tyroller, Grammatische Beschreibung des Zimbrischen von Lusern, Wiesbaden, Franz Steiner, 2003, p. 222. ISBN 3-515-08038-4.
  3. ^ Fonte: ISTAT - Bilancio demografico al 31/10/2010 [1].
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License