Pelugo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pelugo
comune
Pelugo – Stemma
La chiesa di Sant'Antonio Abate
La chiesa di Sant'Antonio Abate
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Sindaco Stefano Pietro Galli (lista civica) dal 17/05/2010
Territorio
Coordinate 46°05′00″N 10°43′00″E / 46.083333°N 10.716667°E46.083333; 10.716667 (Pelugo)Coordinate: 46°05′00″N 10°43′00″E / 46.083333°N 10.716667°E46.083333; 10.716667 (Pelugo)
Altitudine 675 m s.l.m.
Superficie 22 km²
Abitanti 391[2] (31-12-2010)
Densità 17,77 ab./km²
Comuni confinanti Caderzone, Daone, Massimeno, Montagne, Spiazzo, Strembo, Vigo Rendena, Villa Rendena
Altre informazioni
Cod. postale 38079
Prefisso 0465
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022138
Cod. catastale G429
Targa TN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti pelughesi (i pilùch[1])
Patrono Sagra dell'Angelo
Giorno festivo ultima domenica di luglio
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Pelugo

Pelugo (Pilùch in dialetto trentino[3]) è un comune italiano di 385 abitanti della provincia di Trento.

Storiamodifica | modifica sorgente

Sorge, in Val Rendena, nei pressi dell´imbocco della Valle di Borzago che sale ai ghiacciai del Lares e del Carè Alto verso i quali si possono fare gite splendide. Il territorio vanta un indiscusso patrimonio ambientale e consente di praticare sport e attività all’aria aperta, come escursionismo e mountain bike. Pelugo è un antico paese dominato dal castelliere preistorico di S. Zeno. Sul piano a sud est si trovavano i casolari di Arena, nominati nel 1364, probabilmente distrutti da un’alluvione. Il paese fu ricostruito dopo l´incendio del 4 marzo 1922 e oggi vive l’operoso benessere della Rendena. Notevole è la Chiesa di Sant’Antonio Abate che conserva begli affreschi del ‘400 di Cristoforo Baschenis, appartenente alla famosa famiglia di pittori itineranti bergamaschi. Attività tradizionali sono l´industria del legname, della seta, l´artigianato del ferro battuto (fucine sul Bedù) e la torchiatura dell´olio di noce.

Monumenti e luoghi di interessemodifica | modifica sorgente

  • Chiesa cimiteriale di Sant'Antonio Abate
  • Chiesa parrocchiale di San Zeno

Societàmodifica | modifica sorgente

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[4]

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 480.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License