Pete Maravich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pete Maravich
Dati biografici
Nome Peter Press Maravich
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 196 cm
Peso 90 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Playmaker
Ritirato 1980
Hall of Fame Naismith Hall of Fame (1987)
Carriera
Giovanili
1961-1963
1963-1965
1965-1966
1966-1970
Daniel High School
Needham B. Broughton High School
Edwards Military Institute
LSU Tigers LSU Tigers
Squadre di club
1970-1974 Atlanta Hawks Atlanta Hawks 302
1974-1979 New Orleans Jazz New Orleans Jazz 313
1979-1980 Utah Jazz Utah Jazz 17
1980 Boston Celtics Boston Celtics 26
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Peter Press "Pete" Maravich (Aliquippa, 22 giugno 1947Pasadena, 5 gennaio 1988[1]) è stato un cestista statunitense, membro del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame dal 1987.

Noto per le sue capacità realizzative, la creatività nel gioco e l'abilità nel palleggio, era figlio di Press Maravich, che fu giocatore in NBL e in BAA, oltreché allenatore nella NCAA.

Soprannominato "Pistol Pete", detiene il record di punti realizzati nella NCAA, dove giocò per Louisiana State University, con una media di 44,2 punti a partita quando ancora non esisteva il tiro da tre. Nella NBA ha militato negli Atlanta Hawks, nei New Orleans Jazz (poi Utah Jazz), e infine nei Boston Celtics.

Nel 1996 stato inserito nella lista dei 50 migliori giocatori della storia dell'NBA, mentre nel 2005 è stato nominato miglior cestista universitario della storia.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Collegemodifica | modifica sorgente

Già famoso per le sue abilità a livello di high school, nel 1966 sceglie di entrare a LSU, perché l'allenatore della squadra è suo padre. Le regole dell'epoca proibiscono alle matricole di giocare nella squadra principale dell'università, così Maravich segna quasi 50 punti a uscita con la squadra delle matricole, che si esibisce prima di quella titolare. Dopo aver assistito alle sue esibizioni, il pubblico torna a casa e non rimane alle partite dei titolari, che del resto nella stagione vincono solo tre partite.

Nei tre anni successivi, Pete segna 44,2 punti a partita, supera i 50 per 28 volte, e realizza un massimo di 69 contro Alabama nel 1970, anno in cui The sporting news lo nomina giocatore dell'anno e in cui vince il prestigioso Naismith Award. Non vince mai nulla di importante con la squadra, che non è ai suoi livelli. I suoi 3.667 punti, realizzati in soli tre anni e senza il tiro da 3 punti, sono ancora oggi record NCAA.

NBAmodifica | modifica sorgente

Nel 1970 entra nella NBA, con gli Atlanta Hawks: terza scelta assoluta del draft NBA 1970, segna oltre 23 punti a uscita nella sua stagione da rookie. Dopo quattro stagioni poco fortunate, passa ai New Orleans Jazz, dove si mette in mostra come uno dei migliori giocatori della lega, con il suo gioco spettacolare fatto di entrate contro tempo, passaggi dietro alla schiena, ma anche grande concretezza, con un solido tiro da fuori.

Nel 1977 realizza 68 punti contro i New York Knicks, e vince la classifica realizzatori con 31,1 punti di media. Nominato nel miglior quintetto NBA nel 1976 e nel 1977, chiude la carriera nel 1980, giocando mezza stagione a fianco del giovane Larry Bird nei Boston Celtics.

Il suo grande talento individuale non fu mai premiato da una grande squadra, così chiuse la carriera senza titoli. Con 15.948 punti, è uno dei giocatori con più punti segnati nella NBA.

Dopo il ritiromodifica | modifica sorgente

Ritiratosi per un infortunio alla gamba, diventa molto chiuso, e abbraccia religioni e pratiche orientali, dallo yoga e l'induismo, fino a pseudoculti all'ufologia e al macrobiotico, convertendosi infine al Cristianesimo. Il 5 gennaio 1988, mentre gioca una partita con gli amici al campetto sotto casa, muore improvvisamente per un infarto. Analisi successive rivelano che in realtà aveva una malattia congenita mai diagnosticata: non aveva l'arteria coronaria sinistra[2].

Queste le parole del suo allenatore a LSU, "Quando vedremo un ragazzino con i capelli arruffati e i calzettoni che gli calano che tira un pallone su un campetto avvolto nella semioscurità o nel cortile di casa quando tutti gli altri sono già andati via, ci ricorderemo di Pete"[3].

Il ricordomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pete Maravich Assembly Center.

Già inserito nella Basketball Hall of Fame nel 1987, ad oggi ancora il più giovane di sempre, dopo la sua morte gli è stato intitolato il palazzetto dello sport della sua università.

Nel 2007 è stata pubblicata la biografia ufficiale definitiva di Pete Maravich. Maravich, scritta da Wayne Federman e Marshall Terrill in collaborazione con la vedova di Pete, Jackie.

Statistichemodifica | modifica sorgente

NBAmodifica | modifica sorgente

Stagione regolaremodifica | modifica sorgente

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
1970-1971 Stati Uniti Atlanta Hawks NBA 81 n.d. 2926 738/1613 × 404/505 298 355 n.d. n.d. 1880
1971-1972 Stati Uniti Atlanta Hawks NBA 66 n.d. 2302 460/1077 × 355/438 256 393 n.d. n.d. 1275
1972-1973 Stati Uniti Atlanta Hawks NBA 79 n.d. 3089 789/1788 × 485/606 346 546 n.d. n.d. 2063
1973-1974 Stati Uniti Atlanta Hawks NBA 76 n.d. 2903 819/1791 × 469/568 374 396 111 13 2107
1974-1975 Stati Uniti New Orleans Jazz NBA 79 n.d. 2853 655/1562 × 390/481 422 488 120 18 1700
1975-1976 Stati Uniti New Orleans Jazz NBA 62 n.d. 2373 604/1316 × 396/488 300 332 87 23 1604
1976-1977 Stati Uniti New Orleans Jazz NBA 73 n.d. 3041 886/2047 × 501/600 374 392 84 22 2273
1977-1978 Stati Uniti New Orleans Jazz NBA 50 n.d. 2041 556/1253 × 240/276 178 335 101 8 1352
1978-1979 Stati Uniti New Orleans Jazz NBA 49 n.d. 1824 436/1035 × 233/277 121 243 60 18 1105
1979-1980 Stati Uniti Utah Jazz NBA 17 n.d. 522 114/283 7/11 41/50 40 54 15 4 290
gen.-mar. 1980 Stati Uniti Boston Celtics NBA 26 n.d. 442 120/245 3/4 50/55 38 29 9 2 299
Totale carriera 658 n.d. 24316 6177/14010
44,1%
10/15
66,7%
3564/4344
82%
2747 3563 587+ 108+ 15948

Playoffsmodifica | modifica sorgente

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
1971 Stati Uniti Atlanta Hawks NBA Playoffs 5 n.d. 199 46/122 × 18/26 26 24 n.d. n.d. 110
1972 Stati Uniti Atlanta Hawks NBA Playoffs 6 n.d. 219 54/121 × 58/71 32 28 n.d. n.d. 166
1973 Stati Uniti Atlanta Hawks NBA Playoffs 6 n.d. 234 65/155 × 27/34 29 40 n.d. n.d. 157
1980 Stati Uniti Boston Celtics NBA Playoffs 9 n.d. 104 23/45 2/6 2/3 6 6 3 0 54
Totale carriera 26 n.d. 756 188/443
42,4%
2/6
33,3%
105/134
78,4%
95 98 3+ 0+ 487

NCAAmodifica | modifica sorgente

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
1967-1968 Stati Uniti LSU Tigers NCAA 26 n.d. n.d. 432/1022 × 274/338 195 n.d. n.d. n.d. 1138
1967-1968 Stati Uniti LSU Tigers NCAA 26 n.d. n.d. 433/976 × 282/378 169 n.d. n.d. n.d. 1148
1967-1968 Stati Uniti LSU Tigers NCAA 31 n.d. n.d. 522/1168 × 337/436 174 n.d. n.d. n.d. 1381
Totale carriera 83 - - 1387/3166
43,8%
893/1152
77,5%
538
6,5 p/p
- - - 3667
44,2 p/p

Premi e riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Pur non avendo centrato alcun successo di squadra nell'arco della propria carriera, Maravich ha conseguito numerosi riconoscimenti personali. A livello di college, è stato nominato tre volte (1968, 1969, 1970) nell'All-America First Team dalla Associated Press, che lo elegge Player of the Year nel 1970. Nello stesso anno fa incetta di riconoscimenti, vincendo il Naismith College Player of the Year, lo Sporting News Player of the Year e lo United Press International Player of the Year.

Approdato in NBA, viene inserito nell'All-Rookie First Team al termine della sua prima stagione da professionista. Nel 1972-1973 è inserito nell'All-NBA Second Team, riconoscimento che viene bissato nel 1977-1978. Altrettante sono le nomine nell'All-NBA First Team: 1975-1976 e 1976-1977. Maravich ha partecipato a cinque edizioni dell'NBA All Star Game: 1973, 1974, 1977, 1978 e 1979. Al termine della stagione regolare 1976-1977, conquista il riconoscimento di miglior marcatore stagionale.

Nel maggio 1987, a 39 anni, è stato inserito tra i membri del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame: è il più giovane giocatore della storia ad essere stato premiato con tale riconoscimento[4][5]. Nel 1996, a otto anni di distanza dalla morte, Maravich viene inserito dalla NBA nell'elenco dei 50 migliori giocatori della storia della lega.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (EN) Pete Maravich, a Hall of Famer Who Set Basketball Marks, Dies in The New York Times, 6 gennaio 1988. URL consultato il 13 febbraio 2014.
  2. ^ Autopsy of Maravich Discloses Heart Defect The New York Times, 12 gennaio 1988
  3. ^ Articolo con citazioni di interviste fatte in seguito alla scomparsa di Maravich. The Sun Sentinel, 6 gennaio 1988
  4. ^ (EN) Sixty Cool Pistol Pete Facts, nba.com. URL consultato il 14 febbraio 2014.
  5. ^ David Blevins, The Sports Hall of Fame Encyclopedia, Rowman & Littlefield, 2011, p. 628.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 60326959 LCCN: n50068305








Creative Commons License