Piero Gallina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Template-info.svg

Piero Gallina (Cesena, 3 maggio 1942) è un politico italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

È stato eletto sindaco di Cesena nel 1986 e rieletto nel 1990. Nel 1992 ha dato le dimissioni per contrasti col proprio partito (P.R.I) ed è tornato all'insegnamento.

È stato presidente della Provincia di Forlì-Cesena dal 1995 al 2004, quando militava nel Partito Repubblicano Italiano. Nel 2004, scaduto il suo mandato, è uscito dal PRI, aderendo successivamente al Partito Democratico.

Nel 2010 viene condannato[1] in secondo grado a una pena di dieci mesi per falso ideologico in atto pubblico, a causa dei dubbi sulla liceità di una firma. Nel gennaio 2011 la Corte di Cassazione ha "annullato con rinvio" alla Corte d'Appello di Bologna la condanna, la stessa ha poi assolto Gallina "perché il fatto non sussiste".

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Il Resto del Carlino Forlì - Firma falsa in Provincia Condannato Gallina.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente


Predecessore Sindaco di Cesena Successore Cesena-Stemma.png
Archimede Casadei Lucchi dal 1986 al 1992 Edoardo Preger
Predecessore Presidente della Provincia di Forlì-Cesena Successore Provincia di Forlì-Cesena-Stemma.png
Maria Luisa Bargossi 23 aprile 1995 - 12 giugno 2004 Massimo Bulbi
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License