Pietra (classificazione commerciale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una pietra, nella terminologia commerciale (che in Italia è regolata dalla normativa UNI-8458), è una roccia, di norma non lucidabile, e dalla svariata composizione mineralogica, usata sia come materiale da costruzione che da decorazione, che non rientra nelle tipologie marmo, granito o travertino definite dalla medesima normativa.

Tipologiamodifica | modifica sorgente

Vengono suddivise in due gruppi:

  • rocce tenere e/o poco compatte: rocce sedimentarie clastiche (areniti, calcareniti, etc.) e vulcanoclastiche (tufi, peperini, ecc.)
  • rocce dure e/o compatte: pietre a spacco naturale (quarziti, micascisti, gneiss, ardesie, ecc.) e rocce magmatiche effusive (basalti, trachiti, etc.)

Vanno ricordate tra le altre varietà di pietra, la pietra serena, la pietra leccese e l'ardesia.

Utilizzo del termine in altri contestimodifica | modifica sorgente

Massoneriamodifica | modifica sorgente

La pietra nella simbologia massonica, è un simbolo importante ed è uno dei Gioielli immobili presenti in loggia. Rappresenta simbolicamente quanto necessario ai Fratelli Apprendisti per istruirsi nel lavoro latomistico, con il fine di pulimentarla, metafora del cambiamento da operare su se stessi, per il proprio miglioramento umano e spirituale.[1]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Domenico V. Ripa Montesano, Vademecum di Loggia, Edizione Gran Loggia Phoenix – Roma Italia 2009 ISBN 978-88-905059-0-4.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License