Pietro Piller Cottrer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Piller Cottrer
Pietro Piller Cottrer.jpg
Pietro Piller Cottrer in gara in Val di Fiemme
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 70 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra Carabinieri Carabinieri
Ritirato 2013
Palmarès
Olimpiadi 1 2 1
Mondiali 1 0 2
Campionati italiani 5 5 4
Coppa del Mondo - Distanza 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Pietro Piller Cottrer (Pieve di Cadore, 20 dicembre 1974) è un ex fondista italiano.

È diventato campione del mondo nella 15 km a tecnica libera a Oberstdorf il 17 febbraio 2005. Il 19 febbraio 2006 è stato uno dei quattro staffettisti italiani che hanno vinto la 4x10 km ai XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Originario di Sappada[1] e soprannominato "Caterpiller"[2], ha debuttato in campo internazionale ai Mondiali juniores di Breitenwang nel 1994, senza conseguire risultati di rilievo.

In Coppa del Mondo ha esordito il 17 dicembre 1994 nella 15 km a tecnica libera di Sappada (90°), e ha ottenuto la prima vittoria, nonché primo podio, il 15 marzo 1997 nella 50 km a tecnica libera di Oslo. Con tale successo è così diventato il primo italiano a vincere la classica di Holmenkollen.

In carriera ha partecipato a otto edizioni dei Campionati mondiali e a quattro dei Giochi olimpici invernali, Nagano 1998 (16° nella 50 km), Salt Lake City 2002 (4° nella 30 km, 6° nell'inseguimento, 2° nella staffetta), Torino 2006 (5° nella 50 km, 3° nell'inseguimento, 1° nella staffetta) e Vancouver 2010 (2° nella 15 km, 26° nella 50 km, 14° nell'inseguimento, 9° nella staffetta). Nella gara di inseguimento di Torino fu battuto in volata dal russo Evgenij Dement'ev e dal norvegese Frode Estil; tra il vincitore, Dement'ev, e il terzo, Piller Cottrer, il distacco fu di appena 0,9 secondi, il minore registrato fino ad allora nella storia dell'inseguimento olimpico[3]. Alcuni giorni dopo, nella staffetta 4x10 km, l'atleta veneto contribuì sensibilmente alla vittoria azzurra marcando il miglior tempo tra i frazionisti italiani e riuscendo così a passare un ottimo testimone all'ultimo azzurro in gara, Cristian Zorzi[4].

Nel febbraio del 2013 ha annunciato il suo ritiro[5].

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Olimpiadimodifica | modifica sorgente

Mondialimodifica | modifica sorgente

Coppa del Mondomodifica | modifica sorgente

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 3º nel 2008
  • Vincitore della Coppa del Mondo di distanza nel 2009
  • 36 podi (21 individuali, 15 a squadre[7]), oltre a quello conquistato in sede iridata e valido ai fini della Coppa del Mondo:
    • 7 vittorie (5 individuali, 2 a squadre)
    • 18 secondi posti (8 individuali, 10 a squadre)
    • 11 terzi posti (8 individuali, 3 a squadre)

Coppa del Mondo - vittoriemodifica | modifica sorgente

Data Luogo Paese Disciplina
15 marzo 1997 Oslo Norvegia Norvegia 50 km TL
24 novembre 2002 Kiruna Svezia Svezia 4x10 km
(con Giorgio Di Centa, Fulvio Valbusa e Cristian Zorzi)
22 novembre 2003 Beitostølen Norvegia Norvegia 15 km TL
15 dicembre 2005 Canmore Canada Canada 15 km TL
14 gennaio 2006 Val di Fiemme Italia Italia 4x10 km
(con Giorgio Di Centa, Valerio Checchi e Cristian Zorzi)
14 marzo 2008 Bormio Italia Italia 3,3 TL
17 gennaio 2009 Whistler Canada Canada 30 km PU

Legenda:
PU = inseguimento
TC = tecnica classica
TL = tecnica libera

Coppa del Mondo - competizioni intermediemodifica | modifica sorgente

  • 1 podio di tappa:
    • 1 vittoria
Coppa del Mondo - vittorie di tappamodifica | modifica sorgente
Data Località Nazione Competizione Disciplina
1 gennaio 2008 Nové Město na Moravě Rep. Ceca Rep. Ceca Tour de Ski 20 km PU

Legenda:
PU = inseguimento
TC = tecnica classica
TL = tecnica libera

Campionati italianimodifica | modifica sorgente

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 26 aprile 2002. Di iniziativa del Presidente della Repubblica[8].
Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 9 marzo 2006. Di iniziativa del Presidente della Repubblica[9].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Scheda FISI. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  2. ^ Primo argento olimpico per l'Italia con il fondista Piller Cottrer in Il Sole 24 ORE, 15 febbraio 2010. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  3. ^ Scheda Sports-reference sulla gara. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  4. ^ Scheda Sports-reference sulla gara. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  5. ^ Pietro Piller Cottrer annuncia il ritiro in Wintersport-news.it, 27 febbraio 2013. URL consultato il 23 marzo 2013.
  6. ^ Gara valida anche ai fini della Coppa del Mondo.
  7. ^ Fino al 2000 dati parziali per le prove a squadre.
  8. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Pietro Piller Cottrer. URL consultato il 10 aprile 2011.
  9. ^ Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Pietro Piller Cottrer. URL consultato il 10 aprile 2011.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License