Polaritone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un polaritone è una quasiparticella risultante dall'accoppiamento di un eccitone con un fotone. Essendo l'eccitone a sua volta una quasiparticella a carattere bosonico, ed essendo il fotone un bosone, il polaritone ha le caratteristiche di un bosone.

Il polaritone resta comunque un modello, utile a rappresentare e caratterizzare in equazioni particolari fenomeni: è infatti un quasiparticella, ovvero un'astrazione, un artificio matematico.

Condensato di polaritonimodifica | modifica sorgente

La condensazione di Bose-Einstein è un fenomeno quantistico a catena che porta la maggior parte delle particelle a carattere bosonico di un sistema in uno stesso stato finale, a partire da differenti stati iniziali. È causa di fenomeni come la superconduttività e la superfluidità. Nel 2006 all'École polytechnique fédérale de Lausanne per la prima volta è stato creato un condensato di Bose-Einstein di polaritoni alla temperatura di 14 K. Sono in corso esperimenti per raggiungere tale condizione a temperatura ambiente[1].

Archiviazione datimodifica | modifica sorgente

Nel dicembre 2012 al Caltech è stato annunciato che attraverso polaritoni plasmonici di superficie che concentrano la luce in uno spazio ristretto si potrà memorizzare una quantità di dati pari a 50TB per pollice quadrato.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Un condensato di Bose-Einstein di polaritoni | Le Scienze

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • U. Fano: Atomic Theory of Electromagnetic Interactions in Dense Materials, Phys. Rev. 103, 1202 (1956) DOI:10.1103/PhysRev.103.1202
  • J.J. Hopfield: Theory of the Contribution of Excitons to the Complex Dielectric Constant of Crystals, Phys. Rev. 112, 1555 (1958) DOI:10.1103/PhysRev.112.1555

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Fisica







Creative Commons License