Premio Cinearti La chioma di Berenice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Cinearti La Chioma di Berenice è un premio cinematografico italiano assegnato annualmente dal 1998 agli artigiani e artisti attivi nel mondo del cinema (acconciatori, truccatori, costumisti, scenografi ed arredatori).

Storiamodifica | modifica sorgente

Il premio è stato istituito nel centenario della nascita del cinema (1898). La prima edizione del 1998, svoltasi a Cattolica, assegnò tre riconoscimenti alla carriera, ai quali, dalla successiva edizione di Bologna nel 1999, si sono aggiunti due premi annuali, riferiti alla precedente stagione cinematografica, ed un premio speciale.

Dal 2002 nell'ambito del premio sono istituiti due premi speciali per i giovani talenti del Cinema, con il riconoscimento Cinecittà Studios (premio speciale per uno scenografo e targa speciale per un truccatore, in collaborazione con la Max Factor).

Dal 2004 la cerimonia del premio si è trasferita a Roma, con l'istituzione delle categorie dei premi per la fiction televisiva, per acconciatori, truccatori e costumisti.

Nel 2008 il premio viene inserito all’interno della sezione “Risonanze” del Festival del Cinema di Roma ed insignito di una Medaglia d’Argento da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Nel 2009 il premio Berenice viene confermato nella categoria “Risonanze” del Festival del Cinema di Roma e riceve una seconda Medaglia speciale dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Nel 2010 viene presentato all’interno del Festival Internazionale del Film di Roma il volume monografico “Un premio tra Arte e bellezza”, celebrativo delle prime dodici edizione del premio Berenice.

Nel 2011 il premio Berenice promuove all’interno del Festival internazionale del Film di Roma il documentario “In arte Lilia Silvi” di Mimmo Verdesca ed assegna due riconoscimenti speciali alla Carriera per le categorie di Acconciatura e Recitazione.

Organizzazionemodifica | modifica sorgente

Dalla prima edizione i riconoscimenti sono stati conferiti ai film presentati nel corso dell'anno commerciale.

A partire dal 2006 si è adottato il sistema di votazione dell'Academy Awards: i vincitori emergono dall'esito di una votazione della Giuria tecnica (nominata annualmente dai promotori del premio) sulla base di cinquine di candidati individuati dalle associazioni di categoria: l"Associazione italiana scenografi costumisti e arredatori" e l'"Associazione nazionale truccatori e parrucchieri del cineaudiovisivo".

Statuetta del premiomodifica | modifica sorgente

Il premio prende il nome dal personaggio storico della regina ellenistica Berenice e dall'elegia che le dedicò il poeta Callimaco. La regina è raffigurata nella statuetta, alta 25 cm, che viene assegnata ai vincitori durante la cerimonia di premiazione. Dal 1998 al 2011, la statuetta del premio è stata realizzata dall'orafo bolognese Marco Casagrande e il suo disegno è ispirato alle statuette fittili dell'epoca della regina. La statuetta è in bronzo, rivestita in oro e argento.

Premi alla carrieramodifica | modifica sorgente

A partire dalla prima edizione sono stati attribuiti premi alla carriera a diverse categorie di professionisti del cinema, nelle categorie degli acconciatori, dei truccatori, e dei costumisti. Dal 2006 è stato istituito anche un premio alla carriera per gli attori. Dal 2009 su indicazione dei promotori la giuria può assegnare riconoscimenti a professionisti appartenenti a tutte le categorie professionali del cinema.

  • 1998: Mirella Ginnoto (acconciatrice)
  • 1998: Maria Teresa Corridoni (acconciatrice)
  • 1998: Piero Tosi (costumista)
  • 1999: Jole Cecchini (acconciatrice)
  • 1999: Manlio Rocchetti (truccatore)
  • 1999: Milena Canonero (costumista)
  • 2000: Grazia De Rossi (acconciatrice)
  • 2000: Otello Sisi (truccatore)
  • 2000: Franco Corridoni (truccatore)
  • 2000: Gabriella Pescucci (costumista)
  • 2001: Elda Magnanti (acconciatrice)
  • 2001: Nilo Iacoponi (truccatore)
  • 2001: Maurizio Millenotti (costumista)
  • 2002: Giancarlo De Leonardis (acconciatore)
  • 2002: Walter Cossu (truccatore)
  • 2002: Danilo Donati (costumista)
  • 2003: Mauro Tamagnini (acconciatore)
  • 2003: Fabrizio Sforza (truccatore)
  • 2003: Franca Squarciapino (costumista)
  • 2004: Amalia Paoletti (acconciatrice)
  • 2004: Francesco Freda (truccatore)
  • 2004: Alberto Verso (costumista)
  • 2005: Aldo Signoretti (acconciatore)
  • 2005: Gino Zamprioli (truccatore)
  • 2005: Gianna Gissi (costumista)
  • 2006: Leo Gullotta (attore)
  • 2007: Dario Fo (attore, regista e scenografo)
  • 2008: Giuliano Montaldo (attore e regista)
  • 2008: Giovanna Ralli (attrice)
  • 2008: Mariangela Melato (attrice)
  • 2009: Lisa Gastoni (attrice)
  • 2009: Mario Monicelli (regista)
  • 2009: Vittorio Storaro (direttore della fotografia)
  • 2011: Lilia Silvi (attrice)
  • 2011: Adriano Carboni (acconciatore)

Premi assegnati annualmentemodifica | modifica sorgente

Migliori acconciature cinematografichemodifica | modifica sorgente

Il premio non è stato assegnato nel 2000 e nel periodo 2003-2005. Dal 2007 vengono assegnati due premi, per le produzioni internazionali e per quelle nazionali.

Miglior trucco cinematograficomodifica | modifica sorgente

Il premio non è stato assegnato nel 2000 e nel periodo 2004-2005. Dal 2007 vengono assegnati due premi, per le produzioni internazionali e per quelle nazionali.

Migliori costumi cinematograficimodifica | modifica sorgente

Istituito a partire dal 2000, il premio non è stato assegnato nel periodo 2003-2005. Dal 2007 vengono assegnati due premi, per le produzioni internazionali e per quelle nazionali, ma nel 2007 il premio per le produzioni internazionali non è stato assegnato.

Miglior scenografia cinematograficamodifica | modifica sorgente

Istituito nel 2007 su proposta dell'Associazione italiana scenografi, costumisti e arredatori.

Miglior arredamento cinematograficomodifica | modifica sorgente

Istituito nel 2008 su proposta dell'Associazione italiana scenografi, costumisti e arredatori.

Riconoscimenti per la fiction televisivamodifica | modifica sorgente

Nel 2007 sono stati istituiti, su proposta dell'Associazione nazionale truccatori e parrucchieri del cineaudiovisivo, i riconoscimenti per le migliori acconciature e per il miglior trucco, e, su proposta dell'Associazione italiana scenografi costumisti e arredatori, i riconoscimenti per i migliori costumi, per la miglior scenografia e per il miglior arredamento nell'ambito della fiction televisiva.

Migliori acconciature per la fictionmodifica | modifica sorgente

Miglior trucco per la fictionmodifica | modifica sorgente

Migliori costumi per la fictionmodifica | modifica sorgente

Miglior scenografia per la fictionmodifica | modifica sorgente

Miglior arredamento per la fictionmodifica | modifica sorgente

Riconoscimenti per il teatromodifica | modifica sorgente

Nel 2007, su proposta dell'Associazione italiana scenografi, costumisti ed arredatori, vengono istituti i premi per i migliori costumi e per la migliore scenografia nel teatro lirico e nel teatro di prosa. Nell'edizione 2009 la distinzione tra lirica e prosa viene superata con l'assegnazione di due sole statuette per il teatro.

Migliori costumi per il teatro liricomodifica | modifica sorgente

Migliore scenografia per il teatro liricomodifica | modifica sorgente

Migliori costumi per il teatro di prosamodifica | modifica sorgente

Migliore scenografia per il teatro di prosamodifica | modifica sorgente

Migliore scenografia per il teatromodifica | modifica sorgente

Migliori costumi per il teatromodifica | modifica sorgente

  • 2009: Domenico Franchi (per l'edizione di Il carro e i canti di Alessandro Solbiati con la regia di Ignacio Garcia presso il Teatro Verdi di Trieste)

Premi specialimodifica | modifica sorgente

I premi speciali sono stati istituiti a partire dal 2002 e vengono assegnati ad aziende, istituzioni e professionisti che si sono contraddistinti nel proprio ambito lavorativo.

  • 1999: Dante Ferretti (costumista)
  • 2002: Sartoria Tirelli (sartoria cineatrale)
  • 2004: Silvano Rocchetti (acconciatore)
  • 2005:
    • Sabrina Ferilli (attrice)
    • Elisa di Rivombrosa di Cinzia Th Torrini, fiction televisiva (con menzione per le acconciature di Giusy Bovino, il trucco di Bruno Tarallo e i costumi di Claudio Cordaro)
    • Enrico Lucherini (press agent)
    • Sartoria Annamode'68 (sartoria cineatrale)
  • 2006:
    • John Richardson (effetti speciali visivi)
    • Edda di Giorgio Capitani, fiction televisiva (con menzione per le acconciature di Mauro Tamagnini, il trucco di Walter Cossu e i costumi di Elena Biscossi
  • 2007:
  • 2009:
  • 2012:
    • Giuseppina Maurizi (riconoscimento speciale giovani)
    • Pompei (calzature cineteatrali)

Targhe specialimodifica | modifica sorgente

Dal 2002 la giuria ha attribuito delle targhe speciali per le categorie di acconciatura, trucco, scenografia ed arredamento.

Targa speciale Cinecittà A.S.C.modifica | modifica sorgente

La targa speciale è stata assegnata tra il 2002 e il 2006 per le categorie di scenografia ed arredamento.

Targa speciale Max Factormodifica | modifica sorgente

La targa speciale è stata assegnata tra il 2002 e il 2005 per la categoria trucco.

Targhe speciali Wella e L'Oreal Professionelmodifica | modifica sorgente

  • 2005 (Targa speciale Wella): a Mauro Tamagnini (riconoscimento speciale alla carriera)
  • 2007 (Targa speciale L'Oreal Professionel): a Desireé Corridoni (per Marie Antoinette di Sofia Coppola)

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Giuseppe Ricci, La Chioma di Berenice, Rimini 1998 (distribuito durante la manifestazione "Adriatico Cinema")
  • Stefania Giacomini, Alla scoperta del set, Rai Eri, 2004
  • Alexander Galiano, Un premio tra Arte e Bellezza, Roma 2008 (distribuito durante la serata di gala della manifestazione)
  • Alexander Galiano, Un premio tra Arte e Bellezza, Roma 2011 (terza edizione)

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License