Prossedi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prossedi
comune
Prossedi – Stemma
Prossedi – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Latina-Stemma.png Latina
Sindaco Franco Greco (UDC) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate 41°31′00″N 13°16′00″E / 41.516667°N 13.266667°E41.516667; 13.266667 (Prossedi)Coordinate: 41°31′00″N 13°16′00″E / 41.516667°N 13.266667°E41.516667; 13.266667 (Prossedi)
Altitudine 206 m s.l.m.
Superficie 36,08 km²
Abitanti 1 238[1] (31-12-2010)
Densità 34,31 ab./km²
Frazioni Pisterzo
Comuni confinanti Amaseno (FR), Giuliano di Roma (FR), Maenza, Priverno, Roccasecca dei Volsci, Villa Santo Stefano (FR)
Altre informazioni
Cod. postale 04010
Prefisso 0773
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 059020
Cod. catastale H076
Targa LT
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 453 GG[2]
Nome abitanti prossedani
Patrono sant'Agata
Giorno festivo festeggiata l'ultima domenica di maggio
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Prossedi
Posizione del comune di Prossedi nella provincia di Latina
Posizione del comune di Prossedi nella provincia di Latina
Sito istituzionale

Prossedi (Prùssedi in dialetto locale[3]) è un comune italiano di 1.273 abitanti della provincia di Latina nel Lazio.

Geografia fisicamodifica | modifica sorgente

Territoriomodifica | modifica sorgente

Il paese sorge sopra una ripida collina ubicata sui Monti Lepini ed è ben visibile dalla Statale 156, a metà strada fra Priverno e Frosinone. È attraversato dall' Amaseno (fiume) e dal suo principale affluente, il fiume Monteacuto

Climamodifica | modifica sorgente

Classificazione climatica: zona D, 1453 GR/G

Storiamodifica | modifica sorgente

Prossedi è stato fondato da un gruppo di abitanti dell’antica Privernum (Priverno) che vi si rifugiarono nel VII secolo d.C. Di questo fatto si ha testimonianza dal libro "La Regia & antica Piperno" di Fra Teodoro Valle da Piperno (1673) in cui si legge che, a seguito della distruzione dell'antica città che allora era ubicata in pianura, i suoi abitanti si divisero formando diversi gruppi che andarono a fondare alcuni importanti paesi di collina, quali Maenza, Sonnino, Roccagorga e, per l'appunto, Prossedi.

La storia del paese è stata segnata da continui passaggi di proprietà tra famiglie nobiliari.

  • 1125: annoverata fra le proprietà terriere di Papa Onorio I.
  • 1128: seguirono i Conti di Ceccano
  • 1391: successivamente divenne di proprietà di Raimondo De Cabanis;
  • 1425: ritorna poi alla famiglia Conti
  • 1534: poi passa in mano ai Chigi di Siena
  • 1544: passa a Luca De Massimi ed Anna De Massimi lo lascia in eredità a suo nipote - Cardinale Lorenzo Altieri
  • 1726: diviene di proprietà del Marchese Livio De Carolis
  • 1746: passa al Marchese Girolamo Belloni
  • 1750: rientra fra le proprietà di Girolamo Altieri
  • 1758: per ultimo, diventa di proprietà del Marchese Angelo Gabrielli

Monumenti e luoghi d'interessemodifica | modifica sorgente

Architetture religiosemodifica | modifica sorgente

  • Chiesa di Sant'Agata, la cui facciata è realizzata in pietra con un'ampia porta d’ingresso.
  • Chiesa di S.Nicola; la sua facciata è uno splendido esempio di arte romanica, con una porta avente due colonnette laterali e sovrastata da un grosso rosone di pietra.
  • Chiesa si Santa Maria Extra-Moenia, cappella privata della Famiglia Gabrielli che è adiacente al Palazzo Comunale. Sul portale della chiesa v’è un mosaico che raffigura la Madonna col Bambino.

Architetture civilimodifica | modifica sorgente

  • Giunti all'interno del borgo ci si trova in Piazza Umberto I ove è visibile l'imponente Palazzo Baronale a pianta quadrata, che possiede un cortile interno con pozzo al centro.
  • Monumento ai caduti delle guerre edificato nel 1922, rappresentato da una stele con all'apice un’aquila di bronzo.
  • All’imbocco del centro storico v’è una grande porta formata da un arco su cui è ubicato un grande orologio risalente al 1899.
  • "La Loggetta", che risale ad epoca medievale, un tempo era adibita a mercato.

Altromodifica | modifica sorgente

Fuori dal paese, sulla strada che conduce a Frosinone, v'è una grande fontana fatta erigere dal Marchese Livio De Carolis nel 1727 in occasione della visita di Papa Benedetto XIII in quell'anno.

Societàmodifica | modifica sorgente

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[4]

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Nel 1934 passa dalla provincia di Roma, alla nuova provincia di Littoria, costituita dal governo fascista dell'epoca.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Franco Greco Unione dei Democratici Cristiani e di Centro Sindaco
2009 in carica Franco Greco Unione dei Democratici Cristiani e di Centro Sindaco

Altre informazioni amministrativemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 522.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28 dicembre 2012.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio







Creative Commons License