Quoziente-reti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine quoziente-reti (scritto anche senza trattino) indicava nel calcio una regola utilizzata per definire la posizione di classifica in caso di parità (ex-aequo).

Questa regola fu utilizzata soprattutto nel periodo tra la fine degli anni trenta e l'inizio degli anni quaranta per la Serie C italiana.

In alcuni casi fu decisiva per l'assegnazione del titolo: nella stagione 1948-1949 del campionato di calcio greco il Panathinaikos vinse lo scudetto per un miglior quoziente-reti nei confronti dell'Olympiacos Pireo.[1]

Nel campionato mondiale di calcio fu utilizzato fino al 1966 venendo successivamente sostituito come criterio per determinare la posizione all'interno di un girone dalla differenza reti.

Il quoziente-reti consisteva nel dividere le reti segnate per le reti subite. La squadra che aveva il rapporto più alto guadagnava automaticamente, in caso di parità di punteggio, una posizione di classifica migliore.

La regola, in Italia, fu abolita nel 1942.[2]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Stagione 1948-1949 del campionato greco. URL consultato il 28 gennaio 2014.
  2. ^ Storia della stagione. Magliarossonera.it

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Marco Sappino, Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano, II volume, Baldini Castoldi Dalai, 2000, p. 2138. ISBN 88-8089-862-0.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio







Creative Commons License