Raúl González Blanco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Raul" rimanda qui. Se stai cercando informazioni sul nome, vedi Raul (nome).
Raúl
Raul 2012-05-13-2.jpg
Raúl con la maglia dell'Al-Sadd nel 2012
Dati biografici
Nome Raúl González Blanco
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 180 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Al-Sadd Al-Sadd
Carriera
Giovanili
1987-1990
1990-1992
1992-1994
San Cristobal de los Angeles San Cristóbal de los Ángeles
Atletico Madrid Atlético Madrid
Real Madrid Real Madrid
Squadre di club1
1994 Real Madrid C Real Madrid C 8 (16)
1994 Real Madrid B Real Madrid B 1 (0)
1994-2010 Real Madrid Real Madrid 550 (228)
2010-2012 Schalke 04 Schalke 04 66 (28)
2012- Al-Sadd Al-Sadd 39 (11)
Nazionale
1994
1995
1996
1996
1996-2006
Spagna Spagna U-18
Spagna Spagna U-20
Spagna Spagna U-21
Spagna Spagna olimpica
Spagna Spagna
2 (4)
5 (3)
9 (8)
4 (2)
102 (44)
Palmarès
 Europei di calcio Under-21
Argento Spagna 1996
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 febbraio 2014

Raúl González Blanco, noto semplicemente come Raúl (Madrid, 27 giugno 1977), è un calciatore spagnolo, attaccante e capitano dell'Al-Sadd.

È il giocatore con più gol (71) e il secondo con più presenze (144) nella storia della Champions League, nonché il miglior marcatore delle competizioni UEFA per club con 77 reti. Inoltre con 44 gol è il secondo miglior marcatore della Nazionale spagnola, alle spalle di David Villa (56).[1] Rientra inoltre nella ristretta cerchia dei calciatori con almeno 1000 presenze in carriera.

Con il Real Madrid ha vinto 3 volte la Champions League e 2 volte la Coppa Intercontinentale, oltre a 6 campionati nazionali. È anche il giocatore con più presenze (741) e il miglior marcatore nella storia del club madrileno con 323 reti.[2] Nella Liga è il secondo giocatore per numero di presenze[3] (550) e il terzo per gol realizzati[4] (228).[5]

Inserito da Pelé nella FIFA 100,[6] ha conquistato il titolo di Pichichi nel 1999 e nel 2001,[7] anno in cui è arrivato secondo nella classifica del Pallone d'oro e terzo in quella del FIFA World Player.[8]

Biografiamodifica | modifica sorgente

Terzo figlio[9] di Pedro González, un elettricista, e María Luisa "Marisa"[10] Blanco, una casalinga,[11] Raúl è cresciuto nella Colonia Marconi[8] di San Cristóbal de los Ángeles, un modesto barrio della periferia sud madrilena.[12]

Si è sposato con Mamen Sanz,[11] ex modella spagnola nata due anni prima di Raúl, il 1º luglio 1999 a Villafranca del Castillo[10] (Villanueva de la Cañada, area metropolitana di Madrid). Dal matrimonio sono nati cinque figli: Jorge (2000), Hugo (2002), i gemelli Héctor e Mateo (2005), e María (2009).[12] La sua esultanza caratteristica, che lo vede baciare la fede nuziale dopo ogni rete,[13] è in onore della moglie[11] ed è accompagnata anche da un doppio colpo al cuore, come dedica ai suoi quattro figli maschi e, quando la compagna era in attesa della figlia, da un gesto che mimava la maternità della moglie.[14]

Nel 2004 Raúl è stato nominato Ambasciatore di buona volontà della FAO.[15]

Caratteristiche tecnichemodifica | modifica sorgente

Raúl è un giocatore carismatico,[16] che può ricoprire tutti i ruoli dell'attacco, in particolare quello di seconda punta. Ha un ottimo senso del gol,[17] una grande capacità di dialogo con i compagni e buone doti fisiche.[16] Mancino naturale, è tecnicamente molto dotato e anche un buon colpitore di testa. È un giocatore molto intelligente e corretto: in carriera, da professionista, non è mai stato espulso[18] e ha ricevuto poche ammonizioni.[5][19][20]

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Inizi e giovanili dell'Atlético Madridmodifica | modifica sorgente

Raúl ha iniziato a giocare a calcio nella squadra del suo quartiere, il San Cristóbal de los Ángeles,[17] nelle categorie alevin e infantil.[21] Il suo primo tesserino calcistico, come da lui stesso ammesso, era falso: riportava il nome "Dani" e un'età errata, perché non era ancora abbastanza grande per giocare con gli alevin.[22] In totale, Raúl ha giocato tre anni nel San Cristóbal.[23]

Nel 1990, quando Raúl aveva ormai 13 anni, il padre Pedro, tifoso dei Colchoneros,[24] lo ha fatto firmare per l'Atlético Madrid.[25] Con l'Atlético Madrid, allenato da Francisco de Paula, Raúl ha vinto subito il campionato giovanile nella categoria Preferente infantil, giocando come esterno sinistro di centrocampo e segnando 65[8][23] dei 308 gol totali realizzati dalla squadra.[9][26] L'anno successivo, da capitano, ha vinto nuovamente il titolo nella categoria Primera cadete segnando 55 reti, 8 delle quali in una sola partita vinta 25-0.[21] Nel 1992, tuttavia, il presidente dell'Atlético Madrid Jesús Gil, motivato da gravi problemi economici, ha deciso di sopprimere le squadre giovanili.[25] Raúl ha chiuso così la sua esperienza nell'Atlético con 146 reti in 67 partite ufficiali[27] e il Real Madrid non ha perso l'opportunità di portarlo nella propria cantera.

Real Madridmodifica | modifica sorgente

Giovanili e filialimodifica | modifica sorgente

Anche nelle giovanili del Real Madrid Raúl ha confermato le sue ottime doti, soprattutto in fase di realizzazione. Il suo debutto in partite ufficiali risale al 20 settembre 1992 contro l'Alcalá, quando ha realizzato una rete guidando la sua squadra, il Cadete A, alla vittoria per 5-0.[28] In quella stagione Raúl ha vinto la Copa de Madrid, la fase di qualificazione per il campionato spagnolo e il campionato spagnolo Cadete. Nella fase finale, a Málaga, ha segnato 7 reti con prestazioni sempre decisive e con lui in campo la sua squadra non ha mai perso una partita in tutto l'anno.[29]

Nel 1993-1994 ha giocato prima con lo Juvenil B per poi passare allo Juvenil A, con cui ha segnato 45 gol[8] nella División de Honor Juvenil. Il 9 febbraio 1994, contro l'Alcalá, ha ricevuto l'unica espulsione di tutta la sua carriera.[18] In aprile ha vinto la XV edizione della Dallas Cup, torneo giovanile americano, dove ha giocato 6 partite e segnato 5 gol partendo sempre dalla panchina; nella finale il Real Madrid si è imposto sul Kaiserslautern per 8-0.[30] Al ritorno dagli Stati Uniti, ha disputato la Copa del Rey Juvenil, torneo nel quale sono continuati i difficili rapporti con l'allenatore Palmero. Raúl è stato relegato in panchina per tutta la competizione ma, alla vigilia della finale di Saragozza, il tecnico Merengue aveva comunicato al giocatore l'intenzione di farlo partire titolare, salvo poi cambiare idea il giorno della partita. Alla notizia dell'esclusione, Raúl si è rifiutato di andare in panchina per la gara che la squadra madrilena ha perso per 2-1 contro il Barcellona.[30] In totale, nella cantera del Real Madrid, Raúl ha segnando 180 gol nelle partite ufficiali disputate.[31]

Nel 1994 è stato protagonista col Real Madrid C, allenato da Toni Grande,[32] di un folgorante inizio di stagione, nel quale è andato a segno nelle prime 5 partite di Segunda División B[33] e successivamente, dopo una gara senza segnare, ha realizzato 5 reti in una sola partita contro il Corralejos[8][21] di Fuerteventura.[34] Rafa Benítez, all'epoca allenatore del Real Madrid B, lo ha quindi convocato per una partita contro il Palamós, per quella che è stata la sua unica presenza nella seconda squadra madridista.[35] Dopo il passaggio in prima squadra Raúl è tornato per un altro incontro con il Real Madrid C contro il Móstoles nel novembre 1994, nel quale ha segnato una doppietta.[36] In totale con il Real Madrid C ha realizzato 16 gol in 8 partite[37] di Segunda División B.

L'affermazionemodifica | modifica sorgente

Jorge Valdano, allenatore delle Merengues, date le ottime prestazioni con le giovanili, ha fatto debuttare Raúl in prima squadra in un'amichevole contro il Real Oviedo, il 6 settembre 1994. Il giovane attaccante ha superato la prova segnando un gol su assist di Butragueño.[38] A causa degli infortuni di Alfonso[32] e Martín Vázquez,[39] Valdano ha deciso di scommettere ancora su Raúl, facendolo esordire nella Liga il 29 ottobre 1994 contro il Real Saragozza (sconfitta per 3-2).[40] In quella gara Raúl non ha segnato alcuna rete nonostante diverse occasioni,[41] ma ha realizzato comunque un assist per il gol di Zamorano;[42] inoltre, all'età di 17 anni e 124 giorni,[43] è diventato il giocatore più giovane a esordire con la camiseta blanca.[44] Una settimana più tardi, il 5 novembre 1994, ha realizzato il primo gol con la maglia della prima squadra nel derby con l'Atlético Madrid,[17][45] partita nella quale ha anche realizzato l'assist per Zamorano e si è procurato un calcio di rigore.[46] Il 22 gennaio 1995 ha realizzato la sua prima doppietta contro il Celta Vigo[47] e, nonostante la sua giovane età, non ha tardato a diventare titolare in prima squadra. Raúl ha chiuso la sua prima stagione con il Real Madrid con 9 reti in campionato, vinto dai Blancos,[48] e una in Coppa del Re.

Raul con la maglia numero 7 del Real Madrid

Il 13 settembre 1995 Raúl ha esordito in Champions League contro l'Ajax (1-0 per gli olandesi),[49] diventando il più giovane madridista ad esordire in una competizione europa (18 anni e 2 mesi).[50] Ha realizzato i primi gol nella massima competizione europea per club il 18 ottobre 1995 conto il Ferencváros, partita nella quale è stato autore di una tripletta[17] nel 6-1 finale.[51] Grazie a queste marcature è diventato il più giovane giocatore delle Merengues a segnare in Champions League nonché il più giovane in assoluto a realizzare una tripletta nella manifestazione.[52] Ha chiuso l'annata con 19 gol nella Liga e un gol nella Coppa del Re. La stagione 1995-1996 è stata anche l'unica nella quale Raúl non ha vestito la maglia numero 7, allora sulle spalle di Esnáider, bensì la numero 17.[53]

Nel 1996-1997 Raúl ha conquistato la seconda Liga della sua carriera. Con l'arrivo di Fabio Capello ha arretrato la sua posizione in campo ricoprendo il ruolo di centrocampista offensivo di sinistra; ha chiuso il campionato con 21 reti in 42 partite, venendo anche eletto dalla stampa miglior giocatore spagnolo della Liga.[54]

Ha iniziato molto bene la stagione 1997-1998, aggiudicandosi la Supercoppa di Spagna segnando 3 gol in due partite al Barcellona, ma nel prosieguo si è rivelata una delle annate più difficili. Tormentato per tutta la stagione da una pubalgia che, riflettendosi sul suo gioco, lo ha penalizzato fortemente soprattutto sul piano della combattività e lo ha costretto a fare delle infiltrazioni per poter giocare,[55] è riuscito comunque a chiudere la stagione in bellezza: il 20 maggio 1998, infatti, è diventato campione d'Europa per la prima volta nella sua carriera, battendo in finale ad Amsterdam la Juventus e aggiudicandosi così la Champions League 1997-1998. In quella stagione Raúl ha segnato 2 gol in Champions League e 10 nella Liga.

Il 1º dicembre 1998 è stato tra i protagonisti della vittoria della Coppa Intercontinentale contro il Vasco da Gama, 38 anni dopo l'ultimo successo madridista. In quella partita Raúl ha realizzato il gol della vittoria a 8 minuti dalla fine su lungo lancio di Seedorf, dopo aver dribblato in area due difensori avversari.[23][56] Il gol fu chiamato aguanís.[40] dallo stesso Raúl, che lo considera il più bello e importante della sua carriera.[57] Lo spagnolo è stato anche nominato miglior giocatore della partita.[54] Il 23 maggio 1999, contro il Tenerife, ha raggiunto quota 100 gol ufficiali con la camiseta blanca. A fine stagione ha vinto il titolo di Pichichi della Liga segnando 25 reti,[7][58] che gli sono anche valse il 3º posto nella classifica della Scarpa d'oro del 1999.[59]

Nel gennaio del 2000 Raúl ha partecipato in Brasile alla prima edizione del Mondiale per club, segnando 2 gol in 4 partite.[60] Il 15 aprile 2000, con la rete segnata alla Romareda contro il Real Saragozza, è diventato il madridista più giovane a raggiungere le 100 marcature nella Liga, all'età di 22 anni e 293 giorni.[61] Il 24 maggio 2000, allo Stade de France, Raúl si è laureato campione d'Europa per la seconda volta, grazie al 3-0 ottenuto contro il Valencia.[62] Raúl ha disputato un'ottima Champions League: ha segnato 10 gol e servito 2 assist in 15 partite ed è stato protagonista nei momenti clou, come la doppietta realizzata all'Old Trafford contro il Manchester United nei quarti di finale[63] o il gol realizzato nella finale di Parigi.[62] Alla fine è stato capocannoniere con 10 reti[40] (insieme ai brasiliani Jardel e Rivaldo[64]) ed eletto miglior attaccante delle competizioni UEFA.[65]

L'era dei Galácticosmodifica | modifica sorgente

Nel 2000-2001 Raúl è stato il grande protagonista, insieme a Figo, del 28º titolo nazionale del Real Madrid. Con 24 gol è diventato per la seconda volta in carriera Pichichi[7] e si è piazzato al terzo posto nella classifica della Scarpa d'oro 2001.[59] Il 4 febbraio 2001, durante la partita contro il Málaga, Raúl ha segnato i suoi gol numero 112 e 113 nella Liga, superando Cuco Ziganda e diventando il miglior marcatore in attività del campionato spagnolo.[66] Per il secondo anno consecutivo è stato inoltre capocannoniere della Champions League con 7 gol,[67] nonché miglior attaccante delle competizioni UEFA.[65]

Il 6 marzo 2002, giorno del centenario del Real Madrid, ha segnato un gol nella finale della Coppa del Re giocata in casa al Bernabéu. La sua rete, tuttavia, non ha impedito la sconfitta madrilena ad opera del Deportivo La Coruña. Raúl è stato con 6 reti il capocannoniere della coppa a pari merito con Guti.[68] La Champions League 2001-2002 ha consacrato Raúl campione d'Europa per la terza volta in cinque anni. Il numero 7 del Real Madrid ha realizzato 6 gol e 3 assist in tutto il torneo ed è stato eletto per la terza volta consecutiva (un record) miglior attaccante delle competizioni UEFA.[54][65] Il 15 maggio 2002, con la rete realizzata in finale al Bayer Leverkusen è stato il primo giocatore ad essere andato in gol in due finali di Champions League,[5] 2000 e 2002.[40]

La stagione 2002-2003 è stata una delle migliori per Raúl. Ha iniziato vincendo la sua prima Supercoppa europea contro il Feyenoord e, a dicembre, la Coppa Intercontinentale contro i paraguayani dell'Olimpia di Asunción. L'11 dicembre 2002, segnando una doppietta contro il Lokomotiv Mosca, ha raggiunto quota 200 gol con la maglia del Real Madrid in tutte le competizioni ufficiali.[69] Raúl è stato autore di una Champions League 2002-2003 di alto livello: ha segnato 9 reti e trascinato la squadra in semifinale, dove è stata eliminata dalla Juventus. Il 22 giugno 2003 il Real Madrid ha vinto la 29ª Liga della sua storia, con Raúl grande protagonista (16 gol e 11 assist), insieme al nuovo compagno d'attacco Ronaldo.[70]

Nell'estate del 2003, con la partenza di Fernando Hierro, Raúl è diventato a 26 anni il più giovane giocatore a essere designato come capitano della storia del Real Madrid.[71]

La flessionemodifica | modifica sorgente

La prima stagione da capitano non è stata molto fortunata per Raúl. Ha vinto subito la Supercoppa di Spagna contro il Maiorca,[72] ma poi il Real Madrid è stato protagonista di un crollo nel finale di stagione, quando ha perso la finale di Coppa del Re contro il Real Saragozza, è stato eliminato dalla Champions League 2003-2004 per mano del Monaco[73] e ha sciupato un vantaggio di 9 punti nella Liga. Raúl ha segnato 11 gol in campionato, 2 in Champions League e 6 reti in 6 partite di Coppa del Re, vincendo il titolo di capocannoniere del torneo[74] per la seconda volta in carriera. Come per tutto il resto della squadra, anche le sue prestazioni, infatti, erano notevolmente calate, soprattutto in fase realizzativa, anche a causa della posizione in campo più lontana dalla porta, dal momento che veniva schierato spesso come centrocampista di fascia sia a destra che a sinistra.

Raúl con la fascia di capitano al braccio durante Barcellona-Real Madrid del 10 marzo 2007.

Le cose non sono cambiate neanche nel 2004-2005. Nel Real Madrid si sono succeduti diversi allenatori, da Camacho a Luxemburgo, passando per García Remón, ma la squadra non è riuscita lo stesso a portare a casa alcun trofeo. Raúl ha segnato 9 gol nella Liga e 4 reti in Champions League. Il 7 maggio 2005, con la doppietta segnata al Racing Santander, ha raggiunto i 250 gol ufficiali col club madridista.[75]

Il 28 settembre 2005, Raúl ha segnato contro l'Olympiakos il 50º gol in Champions League, superando il precedente record di Di Stéfano[76] e diventando il miglior marcatore nella storia della massima competizione continentale.[77] Il 20 ottobre 2005, invece, è stato il primo calciatore a raggiungere il traguardo delle 100 presenze in Champions League[78] nella partita contro il Rosenborg,[49] festeggiato col 51º gol.[79] Il 19 novembre 2005, nel corso di Barcellona-Real Madrid, ha subito il suo unico grave infortunio in carriera,[55] lesionandosi il menisco, la cartilagine e parzialmente il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.[80] I medici del Real Madrid hanno scelto di non operarlo ma di sottoporlo a una terapia conservativa, che ha costretto Raúl a rimanere lontano dai campi di gioco per 3 mesi, ritornando a disposizione il 17 febbraio 2006 per la partita casalinga contro l'Alavés,[81] nella quale è subentrato al 67º minuto a Júlio Baptista.[82] Penalizzato dal grave infortunio Raúl ha chiuso la stagione con le peggiori cifre della sua carriera: 5 gol nella Liga e 2 in Champions League.

La rinascitamodifica | modifica sorgente
Raúl in azione contro la Lazio durante una partita della Champions League 2007-2008.

Nella stagione 2006-2007 è stato tra i protagonisti della conquista del 30º titolo spagnolo delle Merengues, segnando la rete decisiva nella sfida d'andata contro il Barça[83] e guidando la squadra in diverse rimonte nel finale di stagione.[84] Secondo lo stesso Raúl, il merito principale del successo madridista è da attribuirsi all'allenatore Fabio Capello.[85] Il capitano del Real Madrid ha chiuso la stagione con 7 reti realizzate nella Liga e 5 in Champions League, dove, con la doppietta realizzata contro la Dinamo Kiev, il 26 settembre 2006, ha riagguantato Shevchenko in testa ai marcatori di tutti i tempi in Champions League.[86]

Nella stagione 2007-2008, sotto la guida di Bernd Schuster, che lo ha riportato alla sua naturale posizione di attaccante, e grazie all'intesa con van Nistelrooy è tornato nuovamente a segnare più di 10 gol in campionato, cosa che non succedeva dal 2003-2004. L'8 marzo 2008 ha segnato contro l'Espanyol il gol numero 200 nella Liga, secondo più giovane della storia a raggiungere questo traguardo dopo il basco Telmo Zarra.[87] Raúl è stato determinante, con 18 reti (miglior marcatore della squadra) e 5 assist per la conquista del 31º titolo nazionale della storia madridista, il sesto della sua carriera. A fine stagione ha ricevuto il Trofeo Alfredo Di Stéfano, assegnato al miglior giocatore del campionato spagnolo di calcio.[88]

Nella stagione 2008-2009 Raúl ha guidato il Real Madrid alla vittoria nella Supercoppa di Spagna contro il Valencia, con la squadra madrilena in inferiorità numerica di due uomini.[89] L'11 novembre 2008, ha realizzato una tripletta al Real Unión di Irún in una gara valida per la Coppa del Re, raggiungendo i 300 gol ufficiali con la camiseta blanca.[31] L'11 gennaio 2009, ha giocato contro il Maiorca la sua 500ª partita nella Liga, traguardo festeggiato con un gol.[90] Il 31 gennaio 2009, contro il Numancia ha segnato il gol numero 307 con il Real Madrid, eguagliando Di Stéfano come massimo realizzatore nella storia della Casa Blanca[91] e poi lo ha suparato il 15 febbraio 2009 grazie alla doppietta contro lo Sporting Gijón.[2][92] Il 21 febbraio un'altra doppietta, segnata questa volta al Betis Siviglia, gli ha permesso di conquistare altri due primati riguardanti la Liga: è diventato il miglior realizzatore della storia del Real Madrid (superando nuovamente Di Stéfano),[93] nonché il giocatore che ha segnato in più partite diverse (179), battendo il precedente record di Hugo Sánchez, fermatosi a 178.[5] Il 16 maggio 2009 ha disputato la 700ª partita con la maglia del Real Madrid, in occasione della partita di campionato contro il Villarreal.[94]

Raúl contro il Deportivo La Coruña nella partita inaugurale della Liga 2009-2010

All'inizio della stagione 2009-2010 Raúl ha strappato a Manolo Sanchís due prestigiosi record, aggiungendoli ai numerosi già in suo possesso: il 23 settembre 2009, nella partita contro il Villarreal, ha raggiunto le 524 presenze nella Liga, diventando il giocatore con più presenze nella massima divisione spagnola con la camiseta blanca.[95] Il 17 ottobre seguente, contro il Valladolid ha giocato la partita numero 711 con il Real Madrid, diventando il primatista delle Merengues in partite ufficiali. Nella stessa partita, segnando una doppietta, è arrivato a 226 reti in campionato, raggiungendo César Rodríguez al quarto posto fra i migliori marcatori nella storia della Primera División spagnola.[96] Il 21 ottobre contro il Milan ha segnato la 68ª rete personale nelle competizioni UEFA per club, raggiungendo così Filippo Inzaghi al comando di questa speciale classifica.[97] Il 27 febbraio 2010, contro il Tenerife, ha eguagliato le 542 presenze di Francisco Buyo e le 227 reti di Di Stéfano nel massimo campionato spagnolo, raggiungendo così il terzo posto assoluto di entrambe le classifiche storiche.[98] Il 6 marzo, contro il Siviglia, ha giocato la 543ª partita in campionato, raggiungendo Eusebio Sacristán al secondo posto assoluto.[3] Il 24 aprile 2010, contro il Real Saragozza, ha giocato la sua ultima partita con la maglia del Real Madrid, proprio nello stadio del suo debutto, la Romareda.[99] Entrato nel corso del primo tempo e infortunatosi per una distorsione alla caviglia, è rimasto in campo fino a segnare il gol del vantaggio,[100] diventando, con 228 gol, il terzo marcatore assoluto della Liga fino a quel momento (superato poi da Lionel Messi nel 2014[101]) e il giocatore che ha segnato per più volte (77) la prima rete di una partita della Primera División spagnola, a pari merito con Hugo Sánchez.[102]

Il 26 luglio 2010, in conferenza stampa, Raúl ha annunciato il suo addio al club blanco dopo circa 18 anni passati tra settore giovanile e prima squadra.[103]

Schalke 04modifica | modifica sorgente

Stagione 2010-2011modifica | modifica sorgente
Raúl con la maglia dello Schalke 04

Il 28 luglio 2010 lo Schalke 04 ha annunciato il trasferimento di Raúl al club tedesco, con il quale il giocatore spagnolo ha firmato un contratto biennale.[104][105]

Raúl ha esordito con la squadra tedesca il 7 agosto 2010 nella gara valida per la Supercoppa di Germania persa 2-0 contro il Bayern Monaco.[106] Due settimane più tardi, il 21 agosto 2010, ha esordito in Bundesliga contro l'Amburgo,[107] partita persa 2-1 e nella quale Raúl è stato sostituito al 63º minuto di gioco da Moritz.[108] Il 25 settembre 2010 ha segnato la prima rete con la maglia dello Schalke 04, realizzando il gol del definitivo 2-2 contro il Borussia Mönchengladbach.[109]

Il 20 ottobre 2010 Raúl, dopo aver segnato due reti nel 3-1 contro l'Hapoel Tel Aviv nella terza giornata della fase a gironi della Champions League 2010-2011, ha raggiunto quota 70 gol nelle competizioni UEFA per club,[110] superando Filippo Inzaghi come miglior marcatore,[111] e ha eguagliato Gerd Müller a quota 69 reti come primatista di gol nelle coppe europee.[112][113] Due settimane più tardi Inzaghi ha nuovamente raggiunto Raúl come miglior marcatore nelle competizioni UEFA per club.[114] Il 20 novembre 2010 ha realizzato la sua prima tripletta con la maglia dello Schalke 04, nella partita di campionato vinta 4-0 contro il Werder Brema.[115] Il 15 febbraio 2011, grazie alla rete realizzata contro il Valencia, ha raggiunto le 71 reti nelle competizioni UEFA per club[116] e si è riportato al comando solitario di tale graduatoria superando nuovamente Inzaghi.[117] Il 15 marzo 2011, nel ritorno degli ottavi contro la squadra spagnola, ha disputato la 140ª gara in Champions League, superando il precedente primato di Paolo Maldini,[118] e il 5 aprile 2011, con la rete all'Inter nell'andata dei quarti di finale, ha staccato Inzaghi, diventando, con 71 reti, il miglior marcatore nella storia delle coppe europee.[119][120]

Ha concluso la prima stagione con la maglia dello Schalke 04 con all'attivo 51 presenze e 19 gol.

Stagione 2011-2012modifica | modifica sorgente

Il 23 luglio 2011 a Gelsenkirchen ha vinto la Supercoppa di Germania superando per 4-3 ai rigori il Borussia Dortmund, campione di Germania.[121] I compagni successivamente lo hanno eletto nel Mannschaftsrat,[122] ma lo spagnolo ha preferito non ricoprire tale ruolo.[123]

Nel corso della stagione 2011-2012 Raúl ha indossato la fascia di capitano della squadra tedesca in alcune partite nelle quali era assente per infortunio Höwedes.[124] La prima di queste è stata il 19 novembre 2011 contro il Norimberga,[125] partita nella quale lo spagnolo ha anche segnato la rete del definitivo 4-0.[126] Il 1º dicembre seguente, sempre come capitano, ha segnato la sua prima rete in Europa League contro la Steaua Bucarest.[127]

Il 19 aprile 2012 Raúl ha ufficializzato la decisione di non rinnovare il contratto con lo Schalke 04,[128][129] in scadenza a fine stagione; la squadra tedesca ha deciso di ritirare la maglia numero 7, indossata dal giocatore spagnolo nei due anni trascorsi in Germania, a partire dalla stagione successiva e per un lasso di tempo indeterminato.[130][131] Il numero 7 è stato poi riassegnato nuovamente nella stagione 2013-2014 a Max Meyer.[132]

Ha concluso la sua seconda stagione con 47 presenze e 21 gol fra campionato e coppe per un totale di 98 presenze e 40 reti con la maglia dello Schalke 04.

Al-Saddmodifica | modifica sorgente

Raúl con la maglia dell'Al-Sadd

Il 13 maggio 2012 la squadra qatariota dell'Al-Sadd, tramite il proprio sito ufficiale, ha annunciato l'ingaggio di Raúl a partire dalla stagione 2012-2013.[133][134]

Ha esordito con la squadra di Doha il 5 agosto 2012 nella gara valida per la Sheikh Jassem Cup contro l'Al-Mesaimeer, segnando su rigore il gol del definitivo 2-0;[135] nel corso della partita Raúl ha anche indossato la fascia di capitano dopo l'uscita dal campo di Abdulla Koni.[136] Si è ripetuto anche nella successiva partita vinta per 3-0 conto l'Al-Arabi, dove, sugli sviluppi di un calcio d'angolo, ha realizzato il secondo gol della propria squadra;[137] la vittoria ha consentito all'Al-Sadd di qualificarsi per la finale della manifestazione, persa per 1-0 contro l'Al-Rayyan.[138]

Successivamente ha disputato tutte le 22 partite del campionato qatariota come capitano[139] e ha vinto la competizione, nella quale ha realizzato 9 gol (tra cui una doppietta),[140] alla penultima giornata.[141]

Il 27 aprile 2013, disputando la semifinale di Qatar Crown Prince Cup 2013 contro l'Al-Rayyan, ha raggiunto le 1000 presenze in carriera[40] tra squadre di club e Nazionali.[37][142] La vittoria della partita (3-1) è valsa la qualificazione alla finale, poi persa per 3-2 contro il Lekhwiya.[143] Successivamente Raúl ha segnato un gol nella finale dell'Emir of Qatar Cup 2013, persa per 2-1 contro l'Al-Rayyan,[144] terminando così la stagione 2012-2013 con all'attivo 12 reti in 34 partite.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Nazionali giovanilimodifica | modifica sorgente

Raúl nel 1994 è stato convocato nella Nazionale spagnola Under-18, con cui ha realizzato 4 gol in 2 partite.

Nel 1995 ha partecipato al Mondiale Under-20 in Qatar, nel quale in 5 partite disputate ha realizzato 3 gol.[145]

Nel 1996 ha esordito nella Nazionale spagnola Under-21, con cui ha disputato l'Europeo di categoria del 1996, perso in finale ai rigori contro l'Italia. In quella partita Raúl ha segnato su punizione il gol del pareggio spagnolo,[146] ma poi ha sbagliato, come de la Peña, il tiro dal dischetto.[147][148] In totale con la Nazionale Under-21 ha messo a segno ben 8 gol in 9 partite.

Sempre nel 1996 ha partecipato alle Olimpiadi di Atlanta, dove ha giocato 4 partite realizzando 2 reti.[145]

Nazionale maggioremodifica | modifica sorgente

Raúl ha esordito nella Nazionale maggiore spagnola a Praga il 9 ottobre 1996, a 19 anni, contro la Rep. Ceca[149] (0-0) in una partita valida per le qualificazioni ai Mondiali 1998.[40] Ha realizzato la prima rete con la Spagna il 14 dicembre 1996 a Valencia contro la Jugoslavia,[149] segnando il gol del definitivo 2-0 al 37º minuto di gioco.[150]

Ha fatto parte della selezione cha ha preso parte ai Mondiali 1998 in Francia, dove ha disputato tutte le 3 partite della Nazionale spagnola, eliminata nella fase a gironi, segnando un gol nella prima partita delle Furie Rosse contro la Nigeria. Con questo gol è diventato il più giovane giocatore della Nazionale spagnola a segnare in un Mondiale (20 anni e 351 giorni).[151]

Dopo aver disputato buona parte delle qualificazioni per gli Europei del 2000, è stato inserito dal CT José Antonio Camacho nella lista dei convocati per la fase finale in Belgio e Olanda. Nella manifestazione la Spagna è stata eliminata ai quarti di finale dalla Francia e Raúl, titolare in tutte le 4 partite disputate dagli iberici, ha realizzato una sola rete nella fase a gironi contro la Slovenia, sbagliando anche un rigore all'89º minuto del quarto di finale contro i francesi.[152][153] Da quel momento ha deciso di non utilizzare più la maglia numero 10, optando per il numero 7 già utilizzato nel Real Madrid.[154]

Ai Mondiali 2002 in Corea del Sud e Giappone, dopo aver realizzato 3 reti nelle prime 4 partite risultando il capocannoniere della propria Nazionale insieme a Morientes,[155] è stato costretto a saltare il quarto di finale contro i padroni di casa della Corea del Sud, perso dalla Spagna ai rigori,[156] per un infortunio all'inguine occorsogli nella partita precedente contro l'Irlanda.[157]

Il 21 agosto 2002, contro l'Ungheria, è stato nominato per la prima volta capitano della Nazionale, a seguito del ritiro internazionale di Hierro.[158]

Il 7 settembre 2002, segnando contro la Grecia il 900º gol della Nazionale spagnola, ha raggiunto Hierro in vetta alla classifica dei migliori marcatori delle Furie Rosse,[159] superandolo poi il 12 gennaio 2003 grazie alla doppietta realizzata in amichevole contro la Germania.[160]

È risultato decisivo nelle gare di qualificazione agli Europei 2004, andando a segno in entrambe le sfide dello spareggio contro la Norvegia.[161] Durante la fase finale in Portogallo, nella quale la Spagna è stata eliminata nella fase a gironi, ha disputato come titolare tutte le 3 gare delle Furie Rosse, senza tuttavia realizzare alcuna rete.

Ai Mondiali 2006 ha giocato tutte le quattro partite degli spagnoli, eliminati negli ottavi di finale dalla Francia, andando in gol nella seconda partita della fase a gruppi contro la Tunisia. Con questa rete è diventato il 3º calciatore spagnolo a segnare in 3 differenti campionati mondiali.[151]

Il 15 agosto 2006 nell'amichevole di Reykjavík contro l'Islanda finita 0-0, ha raggiunto le 100 presenze in Nazionale.[162][163]

L'ultima partita di Raúl con la Nazionale spagnola è stata il 6 settembre 2006 in occasione della gara valevole per le qualificazioni agli Europei 2008 contro l'Irlanda del Nord (3-2 per i nordirlandesi). In totale ha disputato 102 partite con le Furie Rosse e realizzato 44 gol che gli valgono la quarta posizione dietro Zubizarreta, Casillas e Xavi nella classifica di presenze della Nazionale spagnola e la seconda in quella dei marcatori alle spalle di David Villa,[1] dopo aver detenuto tale record per più di 10 anni.

Dopo le 18 reti segnate nella Liga 2007-2008 giocando ad alti livelli e conquistando con il Real Madrid il 2º titolo di campione di Spagna consecutivo, era stato ipotizzato un suo rientro nelle file della Nazionale iberica in occasione dell'Europeo 2008 in Svizzera e Austria,[164] ma il tecnico Luis Aragonés lo ha escluso ufficialmente il 17 maggio 2008.[165]

Il 24 maggio 2010, in occasione dell'inaugurazione del Museo della RFEF, Raúl è stato premiato dalla Federazione calcistica spagnola per il raggiungimento delle 100 presenze con la Nazionale con una propria medaglia d'oro.[163]

Statistichemodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Statistiche aggiornate al 22 aprile 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1994-1995 Spagna Real Madrid C[37] SDB 8 16 - - - - - - - - - 8 16
1994-1995 Spagna Real Madrid B[37] SD 1 0 - - - - - - - - - 1 0
1994-1995 Spagna Real Madrid[166] PD 28 9 CR 2 1 CU[167] - - - - - 30 10
1995-1996 PD 40 19 CR 2 1 UCL 8 6 SS 2 0 52 26
1996-1997 PD 42 21 CR 5 1 - - - - - - 47 22
1997-1998 PD 35 10 CR 1 0 UCL 11 2 SS 2 3 49 15
1998-1999 PD 37 25 CR 2 0 UCL 8 3 SU+CInt 1+1 0+1 49 29
1999-2000 PD 34 17 CR 4 0 UCL 15 10 Cmc 4 2 57 29
2000-2001 PD 36 24 CR 0 0 UCL 12 7 SU+CInt 1+1 1+0 50 32
2001-2002 PD 35 14 CR 6 6 UCL 12 6 SS 2 3 55 29
2002-2003 PD 31 16 CR 2 0 UCL 12 9 SU+CInt 1+1 0 47 25
2003-2004 PD 35 11 CR 6 6 UCL 9 2 SS 2 1 52 20
2004-2005 PD 32 9 CR 1 0 UCL 10[168] 4 - - - 43 13
2005-2006 PD 26 5 CR 1 0 UCL 6 2 - - - 33 7
2006-2007 PD 35 7 CR 1 0 UCL 7 5 - - - 43 12
2007-2008 PD 37 18 CR 1 0 UCL 8 5 SS 2 0 48 23
2008-2009 PD 37 18 CR 1 3 UCL 7 3 SS 2 0 47 24
2009-2010 PD 30 5 CR 2 0 UCL 7 2 - - - 39 7
Totale Real Madrid[37] 550 228 37 18 132 66 22 11 741 323
2010-2011 Germania Schalke 04 BL 34 13 CG 4 1 UCL 12 5 SG 1 0 51 19
2011-2012 BL 32 15 CG 3 2 UEL 11 4 SG 1 0 47 21
Totale Schalke 04[37] 66 28 7 3 23 9 2 0 98 40
2012-2013 Qatar Al-Sadd QSL 22 9 SJC+QSC+EQC 3+4+3 2+0+1 - - - CPC 2 0 34 12
2013-2014 QSL 17 2 SJC+QSC+EQC 2+0+0 1 ACL 3 0 CPC 0 0 22 3
Totale Al-Sadd 39 11 12 4 3 0 2 0 56 15
Totale carriera 664 283 56 25 158 75 26 11 904 394

Cronologia presenze e reti in Nazionalemodifica | modifica sorgente

Recordmodifica | modifica sorgente

Durante la sua carriera, Raúl è riuscito a conseguire alcuni record:

  • Giocatore che ha segnato in più partite diverse nella storia della Liga: 186
  • Giocatore che ha segnato più volte la prima rete di una partita della Liga: 77 (a pari merito con Hugo Sánchez)
  • Miglior marcatore in assoluto delle competizioni UEFA per club: 77 gol
  • Miglior marcatore in assoluto delle coppe europee: 76 gol
  • Miglior marcatore in assoluto della Champions League: 71 gol

Record nel Real Madridmodifica | modifica sorgente

  • Giocatore con più presenze nella storia del Real Madrid: 741
  • Miglior marcatore assoluto del Real Madrid: 323 gol
  • Giocatore con più presenze nella storia del Real Madrid nella Liga: 550
  • Miglior marcatore del Real Madrid nella Liga: 228 gol
  • Giocatore con più presenze nella storia del Real Madrid nelle competizioni internazionali: 142
  • Miglior marcatore del Real Madrid nelle competizioni internazionali: 70 gol
  • Miglior marcatore del Real Madrid in Coppa dei Campioni/Champions League: 66 gol

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Individualemodifica | modifica sorgente

Giocatore rivelazione: 1994-1995
Miglior calciatore spagnolo: 1996-1997, 1998-1999, 1999-2000, 2000-2001, 2001-2002
1998
1998-1999 (25 gol), 2000-2001 (24 gol)
1999
1999-2000 (10 gol, a pari merito con Jardel e Rivaldo), 2000-2001 (7 gol)
Miglior attaccante: 2000, 2001, 2002
2001-2002 (6 gol, a pari merito con Guti), 2003-2004 (6 gol)
  • Sportivo spagnolo dell'anno: 1
2007
2007-2008

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Medaglia d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito sportivo
— 2006[169] Consegnatagli a Madrid il 24 maggio 2010.[163]
Medaglia d'oro della comunità autonoma di Madrid - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro della comunità autonoma di Madrid
— Madrid, 2009.[170]
immagine del nastrino non ancora presente Medaglia d'oro della città di Madrid
— Madrid, 15 maggio 2009.[171]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b (EN) Spain - Record International Players - Goalscoring for Spain National Team, rsssf.com. URL consultato il 30 novembre 2008.
  2. ^ a b Raul record, Real scatenato. 4-0 a Gijon: Barça più vicino, La Gazzetta dello Sport, 15 febbraio 2009. URL consultato il 15 febbraio 2009.
  3. ^ a b (ES) Nuevo récord del capitán, realmadrid.com, 7 marzo 2010. URL consultato il 7 marzo 2010.
  4. ^ (ES) Laura Osorio, Raúl iguala el registro goleador de Di Stéfano en Liga, realmadrid.com, 28 febbraio 2010. URL consultato il 28 febbraio 2010.
  5. ^ a b c d (ES) Raúl, todos los récords del hombre récord, realmadrid.com, 25 luglio 2010. URL consultato il 9 maggio 2013.
  6. ^ (EN) FIFA's top 100 list, rediff.com, 5 marzo 2004. URL consultato il 9 dicembre 2008.
  7. ^ a b c (EN) Spain - List of Topscorers ("Pichichi") 1929-2011, rsssf.com. URL consultato il 9 maggio 2013.
  8. ^ a b c d e (ES) 7. Raúl: El hombre récord nació en la Colonia Marconi, AS, 9 giugno 2006. URL consultato il 27 luglio 2010.
  9. ^ a b (ES) Rosa María Echeverría, Entrevista - Raúl, Blanco y Negro, 27 novembre 1994, p. 51. URL consultato il 9 maggio 2013.
  10. ^ a b (ES) Luis Fernando Duran, Raúl se casó con Mamen, diariofemenino.com, 2 luglio 1999. URL consultato il 9 maggio 2013.
  11. ^ a b c (ES) Juan Note, Raúl y Mamen, el triunfo del amor entre un futbolista humilde y una camarera, diariofemenino.com, 26 luglio 2010. URL consultato il 9 maggio 2013.
  12. ^ a b (ES) Raúl González Blanco. Una estrella de barrio, diariosur.es, 2 maggio 2010. URL consultato il 9 maggio 2013.
  13. ^ Luca Valdiserri, Dopo il gol va in scena il festival dell'esultanza, Corriere della Sera, 8 giugno 2002. URL consultato il 3 dicembre 2008.
  14. ^ Andrea De Pauli, Raul, l'uomo dei record, Corriere dello Sport, 25 settembre 2009. URL consultato il 16 febbraio 2010.
  15. ^ Incontra gli Ambasciatori di buona volontà - Raúl González Blanco, fao.org. URL consultato l'8 gennaio 2010.
  16. ^ a b (ES) Álvaro Velasco, ¡Felicidades Capitán!, realmadrid.com, 27 giugno 2007. URL consultato il 9 maggio 2013.
  17. ^ a b c d (ES) Raúl - Raúl González Blanco - Perfil, realmadrid.com. URL consultato il 20 febbraio 2012.
  18. ^ a b (ES) Javier Palomino, Raúl, 'Caballero del Juego Limpio', realmadrid.com, 26 agosto 2007. URL consultato il 9 maggio 2013.
  19. ^ (ES) Raúl González, 'caballero del honor', 20minutos.es, 24 aprile 2007. URL consultato il 30 novembre 2008.
  20. ^ Filippo Maria Ricci, Raul, dieci in condotta, La Gazzetta dello Sport, 23 ottobre 2004. URL consultato il 9 maggio 2013.
  21. ^ a b c (ES) Loreto Riñón, Raúl reafirma su prometedor futuro en el Madrid con la llamada de Valdano, ABC, 25 ottobre 1994, p. 89. URL consultato il 9 maggio 2013.
  22. ^ (ES) Joan Josep Pallàs, Del blanco al gris, El Mundo Deportivo, 19 settembre 2004, p. 52. URL consultato il 9 maggio 2013.
  23. ^ a b c (ES) Inocencio Arias, Yo, Raúl, El Mundo, 24 maggio 2002. URL consultato il 9 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2010).
  24. ^ Capaldi, op. cit., p. 12.
  25. ^ a b (EN) Raul (Spain), fifa.com, 16 dicembre 2001. URL consultato il 9 maggio 2013.
  26. ^ Capaldi, op. cit., p. 13.
  27. ^ (ES) Alberto Lati, Raúl: un genuino clásico, ideasymensajes.com, 30 aprile 2009. URL consultato l'8 marzo 2010.
  28. ^ (ES) Agustín Martín, Veinte años del primer partido de Raúl con la camiseta madridista, AS, 22 settembre 2012. URL consultato il 9 maggio 2013.
  29. ^ (ES) Raúl, 10 años marcando para el Madrid, pobladores.lycos.es. URL consultato il 3 dicembre 2008. collegamento interrotto
  30. ^ a b (ES) El Raúl suplente, blogdelrealmadrid.com, 1º settembre 2007. URL consultato il 27 luglio 2010.
  31. ^ a b (ES) Laura Navas, Raúl alcanza los 300 goles, realmadrid.com. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  32. ^ a b (ES) Carlos Carbajosa, Raúl González, un producto de ‘derribos Gil y Gil, S.A’, El Mundo Deportivo, 29 novembre 1994, p. 20. URL consultato il 9 maggio 2013.
  33. ^ 2 contro il Moscardó, 3 contro il Fuenlabrada, uno contro il Mensajero e lo Sporting Gijon B e 2 contro il Langreo.
  34. ^ (ES) Óscar Sanz, Raúl: "Aún me tira el Atlético de Madrid", El País, 29 ottobre 1994. URL consultato il 10 dicembre 2008.
  35. ^ (ES) Raúl debutó en 2ª con el técnico che, AS. URL consultato il 9 maggio 2013.
  36. ^ (ES) Loreto Riñón, Raúl, una estrella errante, ABC, 13 novembre 1994, p. 101. URL consultato il 9 maggio 2013.
  37. ^ a b c d e f (ES) Raúl, 1.000 partidos oficiales, El País, 28 aprile 2013. URL consultato il 9 maggio 2013.
  38. ^ Capaldi, op. cit., p. 21.
  39. ^ (ES) Valdano sienta en el banquillo a Butragueño para darle el espaldarazo a Raúl, de 17 años, ABC Sevilla, 29 ottobre 1994, p. 75. URL consultato il 9 maggio 2013.
  40. ^ a b c d e f Delfín Ramírez e Daniel Huerta, Cinque perle tra le mille di Raúl, uefa.com, 29 aprile 2013. URL consultato il 9 maggio 2013.
  41. ^ (ES) 3-2: El Zaragoza se convertió en nuevo líder tras derrotar al Real Madrid, ABC Sevilla, 30 ottobre 1994, p. 87. URL consultato il 9 maggio 2013.
  42. ^ (ES) José Manuel Cuéllar, 3-2: El Madrid desenfunda sus pistolas de agua frente a un Zaragoza muy certero, ABC, 30 ottobre 1994, p. 85. URL consultato il 9 maggio 2013.
  43. ^ (ES) Pedro Martín, Raúl, el hombre de los récords, ante su posible último clásico, AS, 9 aprile 2010. URL consultato il 9 maggio 2013.
  44. ^ (EN) Mauricio Velázquez de León, Raúl in 20 Soccer Superstars, The Rosen Publishing Group, 2010. ISBN 978-1-61532-947-2. URL consultato il 9 maggio 2013. Il record è stato battuto da Rivera l'anno seguente che ha esordito (e segnato) a 17 anni e 111 giorni: (ES) Jairo Herrera, Rivera, Barral, Lora y Cuéllar regresan al Bernabéu, realmadrid.com, 17 marzo 2010. URL consultato il 9 maggio 2013.
  45. ^ (EN) Raul's derby dozen, fifa.com, 17 ottobre 2008. URL consultato il 30 novembre 2008.
  46. ^ (ES) Carlos Carbajosa, El Madrid no tiene piedad del vecino, El Mundo Deportivo, 6 novembre 1994, p. 2. URL consultato il 9 maggio 2013.
  47. ^ (ES) Tal día como hoy - 22 de enero - 1995: Primer doblete goleador de Raúl ante el Celta, AS. URL consultato il 9 maggio 2013.
  48. ^ Capaldi, op. cit., p. 25.
  49. ^ a b Champions League: Raul festeggia 100 presenze, TGcom, 19 ottobre 2005. URL consultato il 9 maggio 2013.
  50. ^ Il record è stato successivamente battuto da José Rodríguez nel 2012, che ha esordito a 17 anni e 11 mesi: (ES) Javier García, José Rodríguez se convierte en el debutante más joven en la historia del Real Madrid en la Copa de Europa, realmadrid.com, 4 dicembre 2012. URL consultato il 9 maggio 2013.
  51. ^ (ES) Madori Okano, Tal día como hoy... en 1995, realmadrid.com, 18 ottobre 2010. URL consultato il 9 maggio 2013.
  52. ^ (EN) 5. Facts & figures (PDF), uefa.com, p. 20. URL consultato il 9 maggio 2013.
  53. ^ (ES) En el nombre del número: El Buda Blanco, ecosdelbalon.com, 8 febbraio 2010. URL consultato il 9 maggio 2013.
  54. ^ a b c (ES) Javier Coloma, El orgullo de ser el mejor, realmadrid.com, 13 novembre 2008. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  55. ^ a b Valerio Clari, Crac Raul, il Mondiale è a rischio, La Gazzetta dello Sport, 22 novembre 2005.
  56. ^ Real Intercontinentale, Rai Sport, 1º dicembre 1998. URL consultato il 4 dicembre 2008.
  57. ^ (ES) Tomás Roncero, "No he vuelto a intentar el aguanís desde aquella final de Tokio", AS, 27 novembre 2002. URL consultato il 9 dicembre 2008.
  58. ^ (ES) Raúl se llevó el Pichichi, Marca. URL consultato il 4 dicembre 2008.
  59. ^ a b (EN) Golden Boot: The Quotients Decide It All, soccerphile.com. URL consultato il 5 dicembre 2008.
  60. ^ FIFA Club World Cup - Brazil 2000 - Top goals, fifa.com. URL consultato il 9 dicembre 2008.
  61. ^ (ES) Carlos Forjanes, Gonzalo Higuaín: 100 goles en Liga en sólo 179 partidos, AS, 25 febbraio 2013. URL consultato il 9 maggio 2013.
  62. ^ a b 1999/2000: Il Real domina la sfida iberica, uefa.com, 24 maggio 2000. URL consultato il 9 maggio 2013.
  63. ^ Il Real trasforma l'Europa nella Coppa di Spagna, Corriere della Sera, 20 aprile 2000, p. 43. URL consultato il 9 maggio 2013.
  64. ^ Statistiche - Gol segnati - Fase finale, uefa.com. URL consultato il 9 maggio 2013.
  65. ^ a b c UEFA Club Football Awards, uefa.com, 1º maggio 2011. URL consultato il 9 maggio 2013.
  66. ^ (ES) Tal día como hoy - 4 de febrero - 2001: Raúl se convierte en el máximo goleador en activo de la Liga, AS. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  67. ^ Statistiche - Gol segnati - Fase finale, uefa.com. URL consultato il 9 maggio 2013.
  68. ^ (ES) Raúl y Guti, máximos goleadores del torneo, AS, 6 marzo 2002. URL consultato il 9 maggio 2013.
  69. ^ (ES) Gol 200 de Raul con Real Madrid, jornada.unam.mx. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  70. ^ (ES) Real Madrid es campeón de la Liga, lanacion.com.ar, 22 giugno 2003. URL consultato il 4 marzo 2014.
  71. ^ (ES) El capitán más joven del Madrid, AS, 27 giugno 2003. URL consultato il 9 maggio 2013.
  72. ^ (ES) Gana Real Madrid la Supercopa al Mallorca, elsiglodetorreon.com.mx. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  73. ^ (EN) Monaco 3-1 Real Madrid, BBC Sport, 6 aprile 2004. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  74. ^ (ES) Palmarès de Raúl González Blanco, geocities.com. URL consultato l'8 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2009).
  75. ^ (ES) Rául y Ronaldo: el máximo goleador junto al más efectivo, noticias.info, 10 maggio 2005. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  76. ^ (ES) 50 goles Champions, AS, 30 settembre 2005. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  77. ^ Andy Hall, Soldado entra, il Real vince, uefa.com, 29 settembre 2005. URL consultato il 9 maggio 2013.
  78. ^ Andrew Haslam, L'Arsenal passa a Madrid, uefa.com, 21 febbraio 2006. URL consultato il 9 maggio 2013.
  79. ^ Stefano Cantalupi, Il Rosenborg spaventa il Real. Poi lo show di Raul e Robinho, La Gazzetta dello Sport, 20 ottobre 2005. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  80. ^ (ES) Raúl afronta la prueba más dura de su carrera, El Mundo, 21 novembre 2005. URL consultato il 4 dicembre 2008.
  81. ^ (EN) Raul returns to Real Madrid squad, CNN, 17 febbraio 2006. URL consultato il 4 dicembre 2008.
  82. ^ (EN) Real Madrid 3 - 0 Alavés, ESPN, 17 febbraio 2006. URL consultato il 4 dicembre 2008.
  83. ^ (EN) Raul and Ruud steer Real to victory, guardian.co.uk. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  84. ^ (ES) Víctor García, El Real Madrid de las remontadas conquista la Liga, elconfidencial.com, 18 giugno 2007. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  85. ^ (ES) Raúl: "Capello tiene toda la culpa", El País, 18 maggio 2007. URL consultato il 3 dicembre 2008.
  86. ^ (ES) Real Madrid: Liga de Campeones: 5-1: Festín europeo, noticias.info, 26 settembre 2006. URL consultato il 9 maggio 2013.
  87. ^ (ES) Real Madrid: Raúl, 200 goles en Liga, noticias.info, 8 marzo 2008. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  88. ^ (ES) Raúl gana el I Trofeo Di Stéfano, Marca, 19 maggio 2008. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  89. ^ (ES) Santiago Siguero, Arjen Robben, año I, Marca, 24 agosto 2008. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  90. ^ (ES) Raúl celebró su partido 500 en Liga con un gol, Marca, 11 gennaio 2009. URL consultato l'11 gennaio 2009.
  91. ^ (ES) Raúl iguala a Di Stéfano, realmadrid.com, 31 gennaio 2009. URL consultato il 1º febbraio 2009.
  92. ^ (ES) Exhibición ofensiva, realmadrid.com, 15 febbraio 2009. URL consultato il 15 febbraio 2009.
  93. ^ (ES) Raúl ya es el máximo goleador de Liga del Real Madrid en solitario, Marca, 22 febbraio 2009. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  94. ^ (ES) 700 partidos en Primera División, realmadrid.com, 16 maggio 2009. URL consultato il 18 maggio 2009.
  95. ^ (ES) Récord de partidos en Liga, realmadrid.com, 23 settembre 2009. URL consultato il 9 maggio 2013.
  96. ^ (ES) Raúl se convierte en el jugador que más partidos oficiales ha disputado con el Real Madrid, Marca, 17 ottobre 2009. URL consultato il 19 ottobre 2009.
  97. ^ (ES) El Madrid resucita al Milán, oem.com.mx, 22 ottobre 2009. URL consultato il 23 ottobre 2009.
  98. ^ (ES) Raúl se reencuentra con el gol cuatro meses después, Marca, 27 febbraio 2010. URL consultato il 28 febbraio 2010.
  99. ^ (ES) Delfín Melero, Un final de película en La Romareda, Marca, 27 luglio 2010. URL consultato il 27 luglio 2010.
  100. ^ (ES) Diego Torres, Siempre será Raúl, El País, 26 aprile 2010. URL consultato il 27 luglio 2010.
  101. ^ Barcellona sconfitto, ma Messi supera Raul come goleador all-time della Liga, goal.com, 22 febbraio 2014. URL consultato il 24 febbraio 2014.
  102. ^ (ES) Emilio Contreras, Raúl agranda su leyenda en La Romareda, Marca, 24 aprile 2010. URL consultato il 25 aprile 2010.
  103. ^ (EN) "I have always tried to stay true to the values of Real Madrid", realmadrid.com, 26 luglio 2010. URL consultato il 26 luglio 2010.
  104. ^ (DE) Raul wechselt zum FC Schalke 04, schalke04.de, 28 luglio 2010. URL consultato il 9 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2012).
  105. ^ Raul firma con lo Schalke 04 per 2 anni, ANSA, 28 luglio 2010. URL consultato il 28 luglio 2010.
  106. ^ Stefano Cantalupi, In Germania è subito Bayern. Schalke battuto in Supercoppa, La Gazzetta dello Sport, 7 agosto 2010. URL consultato l'8 agosto 2010.
  107. ^ (EN) Magath backs Raul to improve, ESPN, 22 agosto 2010. URL consultato il 26 agosto 2010.
  108. ^ (DE) 1:2 in Hamburg – Auftaktniederlage für die Knappen, schalke04.de, 21 agosto 2010. URL consultato il 9 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2010).
  109. ^ (DE) Rauls Premierentor krönt Schalkes Aufholjagd, kicker.de, 25 settembre 2010. URL consultato il 25 settembre 2010.
  110. ^ David Crossan, Raúl si tiene stretto il record, uefa.com, 21 ottobre 2010. URL consultato il 21 ottobre 2010.
  111. ^ Marcatori Eurocoppe: Raul a quota 70, ANSA, 21 ottobre 2010. URL consultato il 21 ottobre 2010.
  112. ^ Bene Barcellona e ManUtd. Doppio Raul supera Inzaghi, La Gazzetta dello Sport, 20 ottobre 2010. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  113. ^ Raul da record. Barça e Man U soffrono, ma tornano prime, Sky Sport, 20 ottobre 2010. URL consultato il 21 ottobre 2010.
  114. ^ Paolo Menicucci, Inzaghi leone, León guastafeste, uefa.com, 3 novembre 2010. URL consultato il 9 maggio 2013.
  115. ^ Borussia allunga in vetta. Il Magonza resta in scia, Corriere dello Sport, 20 novembre 2010. URL consultato il 21 novembre 2010.
  116. ^ (EN) Raul hits 71 in Schalke draw, fifa.com, 15 aprile 2011. URL consultato il 9 maggio 2013.
  117. ^ Alessandro Lettieri, Champions League - Raul da record a Valencia, finisce 1-1, Eurosport, 15 aprile 2011. URL consultato il 16 aprile 2011.
  118. ^ Raul immenso: ai quarti con Schalke, Sport Mediaset, 15 marzo 2011. URL consultato il 6 aprile 2011.
  119. ^ Valerio Clari, Inter, finisce malissimo. Catastrofe con lo Schalke: 2-5, La Gazzetta dello Sport, 5 aprile 2011. URL consultato il 6 aprile 2011.
  120. ^ Raul, record storico: "Che gioia", Libero, 5 aprile 2011. URL consultato il 6 aprile 2011.
  121. ^ Francesco Cammuca, Lo Schalke 04 vince la Supercoppa di Germania, calcionews24.com, 23 luglio 2011. URL consultato il 24 luglio 2011.
  122. ^ Letteralmente "consiglio di squadra", formato dai giocatori rappresentativi scelti tramite votazione dai compagni.
  123. ^ (DE) Peter Wenzel, Raúl verweigert Wahl in den Mannschaftsrat, Bild, 3 agosto 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  124. ^ (DE) Andreas Ernst, So erklärt Raúl seine Situation auf Schalke, derwesten.de, 30 novembre 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  125. ^ (DE) Peter Wenzel, Stevens macht Raúl zum Derby-Kapitän, Bild, 23 novembre 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  126. ^ (DE) Peter Wenzel, König Raul regiert auf Schalke, bundesliga.de, 22 novembre 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  127. ^ Derek Brookman, Raúl porta avanti lo Schalke, uefa.com, 1º dicembre 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  128. ^ (DE) Raul verlässt den FC Schalke 04 am Saisonende, schalke04.de, 19 aprile 2012. URL consultato il 9 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2012).
  129. ^ (DE) Raul: Schalke wird immer Teil meines Lebens bleiben, schalke04.de, 19 aprile 2012. URL consultato il 9 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2012).
  130. ^ (DE) Tönnies, Heldt und Stevens sagen „Danke, Señor Raul“, schalke04.de, 19 aprile 2012. URL consultato il 9 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2012).
  131. ^ Raul, addio allo Schalke. Futuro lontano dall'Europa, Sky Sport, 19 aprile 2012. URL consultato il 19 aprile 2012.
  132. ^ (DE) Christian Kleber, Schalke-Talent Meyer erbt Trikotnummer 7 von Raul, derwesten.de, 26 giugno 2013. URL consultato il 24 agosto 2013.
  133. ^ (EN) Raul in Alsadd, al-saddclub.com, 13 maggio 2012. URL consultato il 13 maggio 2012.
  134. ^ Raul ha scelto il Qatar, ANSA, 13 maggio 2012. URL consultato il 13 maggio 2012.
  135. ^ Qatar, Raul subito in gol con l'Al Sadd, calciomercato.it, 6 agosto 2012. URL consultato il 29 agosto 2012.
  136. ^ (EN) Renger Dotinga, Real Madrid legend Raul scores on Al Sadd debut, goal.com, 6 agosto 2012. URL consultato il 29 agosto 2012.
  137. ^ (ES) Quique Rubio, Raúl marca y jugará la final de la Copa del Jeque Jassim, AS, 10 agosto 2012. URL consultato il 29 agosto 2012.
  138. ^ (EN) Al Rayyan win Sheikh Jassim Cup, qfa.com.qa, 15 agosto 2012. URL consultato il 9 maggio 2013.
  139. ^ (ES) Raúl gana la Liga de Qatar, ABC, 13 aprile 2013. URL consultato il 9 maggio 2013.
  140. ^ Raúl - Statistiche stagione in corso 12/13, transfermarkt.it. URL consultato il 9 maggio 2013.
  141. ^ (ES) Quique Rubio, Raúl conquista su primer título de liga en Qatar con el Al Sadd, AS, 13 aprile 2013. URL consultato il 9 maggio 2013.
  142. ^ (ES) Juan Castro, 1.000 veces Raúl, Marca, 27 aprile 2013. URL consultato il 9 maggio 2013.
  143. ^ (EN) Lekhwiya win Heir Apparent Cup, thepeninsulaqatar.com, 9 maggio 2013. URL consultato il 9 maggio 2013.
  144. ^ (EN) Al Rayyan beat Al Sadd to lift Emir Cup, qfa.com.qa, 19 maggio 2013. URL consultato il 20 maggio 2013.
  145. ^ a b (EN) Player statistics: RAUL, fifa.com. URL consultato il 5 dicembre 2008.
  146. ^ Capaldi, op. cit., p. 26.
  147. ^ Capaldi, op. cit., p. 27.
  148. ^ Gli Azzurrini battono la Spagna: è il terzo titolo europeo per Cesare Maldini, figc.it. URL consultato il 7 dicembre 2008.
  149. ^ a b Capaldi, op. cit., p. 29.
  150. ^ (EN) Spain - Yugoslavia 2:0 (2:0), fifa.com. URL consultato il 9 maggio 2013.
  151. ^ a b (ES) Raúl iguala el récord español de goles con cinco tantos, El País, 20 giugno 2009. URL consultato il 9 maggio 2013.
  152. ^ La Francia soffre ma vince, uefa.com, 6 ottobre 2003. URL consultato il 2 dicembre 2012.
  153. ^ Roberto Perrone, Raul perdona, Djorkaeff no, Corriere della Sera, 26 giugno 2000, p. 41. URL consultato il 9 maggio 2013.
  154. ^ (ES) Raúl renuncia al triste número 10, El Mundo, 19 maggio 2002. URL consultato il 9 maggio 2013.
  155. ^ (EN) Korea/Japan 2002 - Statistics - Top goals, fifa.com. URL consultato il 9 maggio 2013.
  156. ^ Giancarlo Padovan, La Spagna si ribella: «Ci hanno tolto due gol», Corriere della Sera, 23 giugno 2002, p. 35. URL consultato il 9 maggio 2013.
  157. ^ La Spagna non ha paura e aspetta Raul, Corriere della Sera, 20 giugno 2002, p. 46. URL consultato il 9 maggio 2013.
  158. ^ (ES) Saéz confirma a Raúl como nuevo capitán, AS, 20 agosto 2002. URL consultato il 9 maggio 2013.
  159. ^ (ES) Raúl logra el gol 900 e iguala a Hierro, El Mundo, 8 settembre 2002. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  160. ^ (ES) Raúl, máximo goleador en la historia de la selección, El Mundo, 12 febbraio 2003. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  161. ^ Fabio Bianchi, Raul, bandiera di Spagna, La Gazzetta dello Sport, 25 marzo 2004. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  162. ^ Raúl tocca quota 100 a Reykjavik, uefa.com, 15 agosto 2006. URL consultato il 2 dicembre 2012.
  163. ^ a b c (ES) La RFEF entrega su medalla de oro a los centenarios Zubizarreta, Raúl y Casillas, AS, 24 maggio 2010. URL consultato il 9 maggio 2013.
  164. ^ (ES) Nace una plataforma para llevar a Raúl a la Eurocopa, Marca, 8 gennaio 2008. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  165. ^ Le sorprese di Aragonés, uefa.com, 17 maggio 2008. URL consultato il 2 dicembre 2012.
  166. ^ (ES) 741 partidos y 323 goles con la camiseta del Real Madrid, realmadrid.com, 26 luglio 2010. URL consultato il 9 maggio 2013.
  167. ^ Non iscritto per la competizione: (ES) Valdano asegura que la defensa del Madrid es la mejor garantía ante el Odense, ABC, 21 novembre 1994, p. 81. URL consultato il 9 maggio 2013.
  168. ^ 2 nei preliminari, 8 nella fase finale.
  169. ^ (ES) Winners 2006, csd.gob.es. URL consultato il 9 maggio 2013.
  170. ^ (ES) Casillas recibió la Medalla de Oro de la Comunidad de Madrid, realmadrid.com, 2 maggio 2013. URL consultato il 9 maggio 2013.
  171. ^ (ES) Miguel Serrano, Raúl recibirá la Medalla de Oro de Madrid, AS, 5 marzo 2009. URL consultato il 9 maggio 2013.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 85403410








Creative Commons License