Rainbow Warrior (1955)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sir William Hardy (1955 - 1977)
Rainbow Warrior (1978 - 1985)
Disegno schematico della Rainbow Warrior
Disegno schematico della Rainbow Warrior
Classe Mercantile commerciale
Proprietario/a British Ministry of Agriculture, Fisheries and Food (1955 - 1977)
Greenpeace (1978 - 1985)
Costruttori Hall, Russell & Company, Aberdeen
Varata 1955
Destino finale affondata nel porto di Auckland, Nuova Zelanda il 10 luglio 1985
Caratteristiche generali
Stazza lorda 418 tsl
Lunghezza 43,92 m
Larghezza 8,42 m
Pescaggio 4,6 m
Propulsione 2 motori, 620 m² di vele
Velocità motore: 12 nodi
vela: 5-7 nodi

senza fonte

voci di navi presenti su Wikipedia
« Ci sarà un giorno in cui gli uccelli cadranno dal cielo, gli animali che popolano i boschi moriranno, il mare diventerà nero e i fiumi scorreranno avvelenati. Quel giorno, uomini di ogni razza si uniranno come guerrieri dell'arcobaleno per lottare contro la distruzione della Terra »
(leggenda degli indiani nordamericani "Kwatkiutl")

La Rainbow Warrior (in italiano guerriero dell'arcobaleno) è stata la nave ammiraglia della flotta di Greenpeace.

L'evento più noto associato ad essa è il suo affondamento, il 10 luglio 1985, nel porto di Auckland, in Nuova Zelanda, da parte della DGSE, il servizio segreto francese responsabile delle operazioni all'estero. Nell'affondamento affoga il fotografo Fernando Pereira[1].

Memorial alla Rainbow Warrior a Mataury Bay.

Durante l'episodio, che doveva essere solo intimidatorio ed impedire alla nave di partecipare alle azioni di disturbo contro i test nucleari francesi nell'atollo polinesiano di Moruroa, la nave venne minata con due cariche esplosive collocate all'esterno dello scafo. L'attentato, oltre a conseguire l'obiettivo primario di affondare la nave nei bassi fondali del porto, causò la morte per annegamento del fotografo olandese di origine portoghese Fernando Pereira, attivista del movimento, che dopo la prima esplosione era tornato sottocoperta per recuperare la sua attrezzatura fotografica.

L'avvenimento provocò lo sdegno della comunità internazionale e non giovò certo alla popolarità dei francesi nelle relazioni internazionali, oltre a diminuire la già scarsa stima che il governo socialista dell'epoca aveva verso il servizio, stima che verrà ulteriormente a decrescere in seguito ad ulteriori errori operativi della DGSE.

Grazie anche al denaro ricevuto in indennità dalla Francia al termine del processo per i fatti avvenuti ad Auckland fu possibile acquistare nel 1989 una nuova nave chiamata Rainbow Warrior II che fu risistemata con l'obiettivo di minimizzare il suo impatto ambientale: un veliero a tre alberi e motore diesel da 555 tonnellate a scafo metallico costruito in Gran Bretagna.

La nuova imbarcazione fu presente al Summit della Terra a Rio de Janeiro nel 1992, nel 1993 sostituì la Sirius nella campagna per la difesa del mediterraneo. Nel 1995 è di nuovo nell'Oceano Pacifico per manifestare contro i test nucleari della Francia a Moruroa dove è al centro delle attenzioni delle truppe francesi insieme alla nave MV Greenpeace. Nel 2001 è in Qatar per far pressioni al WTO affinché gli USA aderiscano al Protocollo di Kyōto.

Diritto internazionalemodifica | modifica sorgente

Il caso ha assunto un notevole rilievo per il diritto internazionale: la sentenza emessa dal Tribunale Arbitrale istituito da Francia e Nuova Zelanda ha infatti chiarito la portata di numerosi istituti. Quanto alla forza maggiore, invocata dalla Francia per giustificare il rimpatrio del maggiore Mafart, il Tribunale ha precisato che le condizioni di salute dell'individuo non possono essere ricondotte all'ambito di operatività di questa causa di esclusione dell'illecito: essa deve essere una forza irresistibile o un evento imprevisto che impediscano materialmente l'adempimento dell'obbligo. La fattispecie è stata invece ricondotta all'estremo pericolo, che consente di commettere un illecito al fine di salvare la vita propria o di persone soggette alle proprie cure. In questo caso si è ritenuta opportuna l'estensione alla protezione dell'integrità fisica del soggetto.

Pur avendo ammesso che gli agenti segreti operavano per conto della Repubblica, la Francia non ha mai invocato l'immunità funzionale per gli stessi.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Le navi. URL consultato il ottobre 2010.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License