Ramiro Castillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ramiro Castillo
Dati biografici
Nome Ramiro Castillo Salinas
Nazionalità Bolivia Bolivia
Altezza 169 cm
Peso 59 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Carriera
Squadre di club1
1985-1986 The Strongest The Strongest [1]
1987-1988 Instituto Instituto 27 (1)
1988-1990 Argentinos Jrs Argentinos Jrs 69 (8)
1990-1991 River Plate River Plate 10 (1)
1991-1992 Rosario Central Rosario Central 16 (0)
1992 The Strongest The Strongest [1]
1993-1994 Platense Platense 23 (1)
1996 The Strongest The Strongest 108 (17)[1]
1997 Bolivar Bolívar 30 (8)
Nazionale
1989-1997 Bolivia Bolivia 52 (5)
Palmarès
Coppa America calcio.svg  Copa América
Argento Bolivia 1997
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ramiro Castillo Salinas (Coripata, 27 marzo 1966La Paz, 18 ottobre 1997) è stato un calciatore boliviano, di ruolo centrocampista.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Nato nella provincia paceña di Nor Yungas, nel 1985 venne acquistato da The Strongest, team in cui rimase a fasi alterne fino al 1994 vincendo tre campionati nazionali (1986, 1989 e 1993) e diventando uno dei giocatori più rappresentativi della storia del club. Nell'estate del 1990 fu acquistato dagli argentini del River Plate. Al momento del decesso militava nel Bolívar.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Fu uno dei pilastri della sua Nazionale con la quale scese in campo per 52 occasioni, a partire dal 1989, segnando cinque reti. Prese parte ai Mondiali di USA 1994 in cui poté vantare una presenza nella sfida persa dai suoi 3-1 contro la Spagna.

Nel 1997 Chocolatín ("Cioccolatino", com'era soprannominato per il colore della sua pelle) partecipò alla Coppa America nella quale la Bolivia arrivò seconda perdendo l'ultimo match 3-1 contro il Brasile: tuttavia Castillo non disputò quella finale, perché il 26 giugno di quell'anno perse la vita per un'epatite il suo figlioletto di sette anni, Juan Manuel; mai ripresosi dalla sua morte, Castillo si suicidò nella sua casa, impiccandosi, il 18 ottobre successivo[2][3].

Il 24 marzo 2007 è stato inaugurato il nuovo stadio di Coripata, la sua città natale, a lui dedicato.[4]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c Totale con il The Strongest.
  2. ^ Elvia Duque Castillo, Aportes del Pueblo Afrodescendiente: La Historia Oculta de America Latina, p. 29.
  3. ^ (EN) Remembering the bolivian miracle. URL consultato il 14 ottobre 2013.
  4. ^ Presidente Morales inauguró estadio “Ramiro Castillo” - da El diario del 25 marzo 2007.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License