Ratiaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°48′N 22°54′E / 43.8°N 22.9°E43.8; 22.9

Ratiaria
Ratiaria Bulgaria 1994 CIA map.jpg
Dove si trova l'antica città di Raziaria nell'odierna Bulgaria.
Periodo di attività fortezza legionaria sotto Vespasiano (71 ca.), fino a Traiano (106 ca.).
Località moderna Archar in Bulgaria
Unità presenti Legio V Macedonica[1]
Legio VII Claudia[2]
Legio XIII Gemina[3]
Coh. I Cretum[4]
Dimensioni castrum 3,5 ha il castellum ausiliario.
Provincia romana Mesia superiore

Ratiaria (oppure: Raetiaria, Retiaria, Reciaria, Razaria; in lingua bulgara Рациария - Raziaria; in lingua greca Ραζαρία μητρόπολις; più tardi Colonia Ulpia Traiana Ratiaria)fu una città fondata dal popolo dei Mesi nel IV secolo a.C., in seguito conquistata dai Daci di Burebista e dai Romani. Era situata lungo il fiume Danubio, alla confluenza con il torrente Archar, nei pressi dell'odierna Archar, città dell'odierna Bulgaria.

Storiamodifica | modifica sorgente

Il primo coinvolgimento dei Romani si verificò nel 75 a.C., quando Gaio Scribonio Curione Burbuleio, prefetto della Macedonia, penetrò in questo territorio per allontanarne gli Scordisci, i Dardani e i Daci.

Solo durante il principato di Augusto, i Romani conquistarono la regione, che fu organizzata nella provincia di Mesia nel 6.

La città fu certamente meno importante delle vicine Sirmium, Viminacium e Naissus, ma la sua disposizione lungo il limes danubiano la rese un punto fondamentale per farvi soggiornare una legione (la legio V Macedonica),[5] almeno fino alla conquista della Dacia (101-106 d.C.), e soprattutto una flotta militare della Classis Moesica a partire da Vespasiano.

Dopo questa data il vecchio castra fu abbandonato e divenne colonia con il nome di Colonia Ulpia Traiana Ratiaria (107 d.C.),[6] almeno fino all'abbandono definitivo della Dacia romana, avvenuto 165 anni più tardi, nel 271 da parte di Aureliano. In seguito a questi eventi la vecchia fortezza legionaria fu riaperta e seguì le sorti dell'Impero romano d'Oriente.

Notemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License