Rino Da Positano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rino Da Positano
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica leggera
Periodo di attività 1936 – 1964
Etichetta Music, Jolly

Rino Da Positano, pseudonimo di Gennaro Torchia (Napoli, 13 giugno 1914Napoli, 16 luglio 1964), è stato un cantante, compositore e paroliere italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio di un professore universitario, dopo aver imparato a suonare la chitarra inizia ad esibirsi nella seconda metà degli anni '30 nei locali della sua città e della Campania.

Nel dopoguerra, adottato il nome d'arte, diventa anche paroliere e compositore (firmando un contratto con le edizioni musicali Bideri) ed organizzatore di spettacoli, collaborando con Ettore De Mura; incide inoltre numerosi dischi a 78 giri per l'etichetta Music.

Si dedica anche alla composizione di colonne sonore, scrivendo tra le altre quella per Un marito per Anna Zaccheo di Giuseppe De Santis nel 1953.

Organizza la prima trasmissione televisiva su Napoli trasmessa dalla Rai, Il Vesuvio fuma ancora (in cinque puntate), con la regia di Piero Turchetti, dall'11 gennaio al 23 marzo 1955; due anni dopo ottiene il suo maggior successo come autore con Si' comm'a n'ombra, su musica di Alfredo Giannini, che Miranda Martino presenta al Festival di Napoli 1957.

Altri suoi successi come paroliere sono Picceré picceré, su musica di Toni Iglio e Mario Festa, incisa da Nino Taranto, Ma è proprio 'o vero? e T'amerò, incise dai Campanino e Stranamente e Incandescente, su musica di Guglielmo Chianese (pseudonimo di Sergio Bruni), ed incise dallo stesso Sergio Bruni.

In alcune incisioni si fa accompagnare dal gruppo dei Convers.

Discografia parzialemodifica | modifica sorgente

EPmodifica | modifica sorgente

45 girimodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Da Positano, Rino, di Enzo Giannelli, pag. 484







Creative Commons License