Roberto Balestri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Balestri
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex calciatore)
Carriera
Squadre di club1
1951-1955 Torres Torres
1955-1958 FEDIT FEDIT
1958-1962 Pisa Pisa
1962-1965 Livorno Livorno
1965-1967 Viareggio Viareggio
Carriera da allenatore
1967-1969 Marina di Pisa
1969-1970 Montecatini Montecatini
1970-1971 Cuoiopelli Cuoiopelli
1971-1973 Pisa Pisa
1973-1974 Viareggio Viareggio
1974-1975 Foggia Foggia Giovanili
1975-1977 Foggia Foggia
1978-1979 Reggina Reggina
1979-1980 Nocerina Nocerina
1980-1981 Bolzano Bolzano
1981-1983 Montecatini Montecatini
1983-1984 Torres Torres
1984-1985 Montevarchi Montevarchi
1986-1992 Foggia Foggia
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 ottobre 2007

Roberto Balestri (Pisa, 25 marzo 1935) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano.

Ha disputato una sola stagione in Serie A, con il Foggia, come primo allenatore, portandolo alla salvezza[1].

Calciatoremodifica | modifica sorgente

Come calciatore, ha iniziato con la maglia della Sassari Torres 1903, in Promozione, nel 1951-52, con cui ha giocato quattro stagioni. Nel 1955-56 passa alla FEDIT Roma ed esordisce in terza serie. Con la squadra romana disputa tre stagioni.

Nel 1958-59 viene acquistato dal Pisa, per altre quattro stagioni in C. Dal 1962-63 al 1964-65 gioca al Livorno, conquistando una promozione in Serie B. Chiude la carriera con un biennio al Viareggio, con cui chiude dopo una promozione in C nel 1966-67.

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Inizia come allenatore nelle giovanili della Fiorentina, con la società di Marina di Pisa, nel 1967. Nel 1969 prende il patentino di allenatore di terza categoria e, dopo un biennio tra Montecatini Terme e Santa Croce sull'Arno, prende anche quello di seconda. Esordisce quindi in Serie C sulla panchina del Pisa[2] prima e del Viareggio poi. Nel 1974 entra nello staff del Foggia, con cui prima è allenatore in seconda e responsabile delle giovanili, poi diventa primo allenatore e conquista la promozione in Serie A.

Nel 1976-77 viene affiancato da Ettore Puricelli e ottiene anche una preziosa salvezza[3]. Non viene però confermato e deve fare il supercorso di Coverciano per allenatori di prima categoria. Nel 1978-79 riparte da Reggio Calabria, ma non riesce più a risalire, rimanendo in Serie C. Passa da Nocera Inferiore, Bolzano, Montecatini Terme, Sassari e Montevarchi, prima di rientrare nello staff del Foggia.

Secondo di Zdeněk Zeman, nel 1986-87 lo sostituisce alla guida della squadra. Nell'1987-88 invece subentra a Pippo Marchioro[4], gestendo anche la squadra primavera. Dal 1992 al 2001 lavora per la FIGC, come assistente di Luca Giannini per la Nazionale di calcio dell'Italia Under-19 e poi di Marco Tardelli e Claudio Gentile all'Under-21. Collabora anche con Tardelli all'Inter.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Calciatori. La raccolta completa degli album Panini. 1976-77. Modena, Panini, 2004, p. 8
  2. ^ Storia del Pisa
  3. ^ Storia su FoggiaCalcio.it
  4. ^ Sito ufficiale del Foggia







Creative Commons License