Roberto Baronio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Baronio
Roberto Baronio cropped.jpg
Roberto Baronio con la maglia della Lazio
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra S.S.D. Futbolclub S.S.D. Futbolclub (Giovanili)
Carriera
Giovanili
non conosciuta Voluntas
Brescia Brescia
Squadre di club1
1994-1996 Brescia Brescia 33 (1)
1996-1997 Lazio Lazio 15 (0)
1997-1998 Vicenza Vicenza 13 (0)
1998-1999 Lazio Lazio 7 (1)
1999-2000 Reggina Reggina 31 (3)
2000-2001 Lazio Lazio 12 (0)
2001-2002 Fiorentina Fiorentina 21 (1)
2002-2003 Perugia Perugia 11 (0)
2003-2005 Chievo Chievo 50 (1)
2005-2008 Lazio Lazio 26 (0)
2006 Udinese Udinese 10 (0)
2008-2009 Brescia Brescia 29 (2)[1]
2009-2010 Lazio Lazio 24 (0)
2010-2011 Atletico Roma Atletico Roma 17 (1)
Nazionale
1995
1995-1996
1995-2000
1997
2005
Italia Italia U-17
Italia Italia U-18
Italia Italia U-21
Italia Italia U-23
Italia Italia
7 (1)
7 (1)
27 (5)
4 (1)
1 (0)
Carriera da allenatore
2012- S.S.D. Futbolclub S.S.D. Futbolclub Giovanili
Palmarès
 Europei di calcio Under-21
Oro Slovacchia 2000
Giochi del Mediterraneo.svg  Giochi del Mediterraneo
Oro Bari 1997
 Europei di calcio Under-19
Argento Grecia 1995
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 luglio 2012

Roberto Baronio (Manerbio, 11 dicembre 1977) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, tecnico delle giovanili della S.S.D. Futbolclub.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Dopo aver mosso i primi passi nella Voluntas[2] ed essere cresciuto nella squadra della città della sua provincia, il Brescia, esordisce in Serie A ancora diciassettenne il 23 aprile 1995 contro il Bari. Acquistato nel 1996 dalla Lazio per 6,5 di miliardi di lire,[3] viene ceduto in prestito al Vicenza l'anno successivo, dove non trova un posto da titolare.

Tornato nella capitale, viene ceduto in comproprietà alla Reggina per 2,5 miliardi di lire,[4] dove gioca in coppia con Andrea Pirlo, e ottiene la salvezza con gli amaranto. A fine stagione viene riscattato dalla Lazio per 10 miliardi di lire[5] e viene mandato in prestito alla Fiorentina per permettergli di maturare ulteriormente.

Nel 2002-2003 passa al Perugia di Serse Cosmi. L'anno successivo passa al ChievoVerona di Luigi Delneri dove gioca due stagioni con continuità ad alti livelli tanto da meritare la convocazione in nazionale maggiore durante la tournée estiva del 2005. Dopo essere tornato nuovamente alla Lazio, gioca il girone di ritorno della stagione 2005-2006 nell'Udinese. Al termine della stagione torna alla Lazio per tentare di conquistare il posto di regista lasciato libero da Liverani, ma Ledesma si dimostra più valido nel suo stesso ruolo, costringendolo ancora nel ruolo di riserva.

Il 1º settembre 2008 è tornato a far parte della rosa del Brescia. Nella città lombarda Baronio gioca quasi sempre titolare segnando 2 gol, con il Brescia che conclude il campionato al quarto posto, guadagnandosi il diritto di disputare i play-off per la Serie A, terminati con la sconfitta in finale contro il Livorno. Terminata la stagione, rientra ancora una volta a Roma.

Nell'estate del 2009, a Pechino è schierato titolare dal neo-tecnico Ballardini nella partita di Supercoppa Italiana vinta contro l'Inter per 2-1. In Serie A gioca da titolare a lungo ma con l'arrivo di Reja al posto di Ballardini si ritrova ancora a fare la riserva a Ledesma appena reintegrato in squadra, chiudendo il campionato con 24 presenze e lo svincolo. In sei anni complessivi in maglia biancoceleste(cinque stagioni intere e due giocate per metà) gioca in totale 84 partite di campionato, senza tuttavia riuscire a ritagliarsi un ruolo da protagonista, per via di numerosi guai fisici e della costante presenza di altri giocatori nel suo ruolo. Lascia la Lazio dopo 114 presenze, 3 gol e quattro titoli conquistati in varie parentesi tra il 1996 ed il 2010.

Il 13 settembre 2010 firma un contratto annuale con l'Atletico Roma, militante in Lega Pro Prima Divisione.[6] Alla fine della stagione 2011, dopo il fallimento della società, resta svincolato.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Ha iniziato a vestire la maglia azzurra nelle rappresentative giovanili Under-17 e Under-18, fino ad affermarsi nella Under 21 di cui veste stabilmente la maglia dal 1995 al 2000. Nel 1997 ha fatto parte della rappresentativa Under-23 che ha vinto i Giochi del Mediterraneo. Nel 2000 ha vinto, con l'Under 21 guidata da Marco Tardelli, il Campionato europeo di categoria.

Esordisce in nazionale maggiore l'11 giugno 2005, durante la tournée estiva negli Stati Uniti agli ordini di Marcello Lippi, nella gara contro l'Ecuador, in quella che rimane ad ora la sua unica presenza ufficiale, nonostante altre due convocazioni.

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Dall'estate del 2012 diventa allenatore nel settore giovanile della società dilettantistica laziale della S.S.D. Futbolclub.[7]

Il 23 aprile 2013 viene deferito dalla Procura federale della FIGC per il duro tweet postato il 3 febbraio nei confronti del giocatore del Genoa (ed ex Lazio) Francelino Matuzalem, il quale quel giorno con un duro intervento provocò un grave infortunio a Cristian Brocchi; i due si chiarirono poi telefonicamente.[8]

Commentatore sportivomodifica | modifica sorgente

Fa il suo esordio da telecronista per l'emittente Sky Sport in occasione della gara di campionato fra ChievoVerona e Catania del 7 aprile 2012.

Statistichemodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Statistiche aggiornate al 8 maggio 2011.

Stagione Squadra Serie Presenze Reti
1994-1995 Brescia Brescia A 5 0
1995-1996 Brescia Brescia B 28 1
1996-1997 Lazio Lazio A 15 0
1997-1998 Vicenza Vicenza A 13 0
1998-1999 Lazio Lazio A 7 1
1999-2000 Reggina Reggina A 31 3
2000-2001 Lazio Lazio A 12 0
2001-2002 Fiorentina Fiorentina A 21 1
2002-2003 Perugia Perugia A 11 0
2003-2004 Chievo Chievo A 21 0
2004-2005 Chievo Chievo A 29 1
Totale Chievo 50 1
2005-2006 Lazio Lazio A 7 0
Gen.2006 Udinese Udinese A 10 0
2006-2007 Lazio Lazio A 11 0
2007-2008 Lazio Lazio A 8 0
2008-2009 Brescia Brescia B 29+2 2+1
Totale Brescia 62+2 3+1
2009-2010 Lazio Lazio A 24 0
Totale Lazio 84 1
2010-2011 Atletico Roma Atletico Roma PD 17 1
Totale carriera 299+2 10+1

Cronologia presenze in Nazionalemodifica | modifica sorgente

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Vita privatamodifica | modifica sorgente

Sposato con Ezia Modafferi, conosciuta a Reggio Calabria mentre militava nella Reggina, da lei ha avuto due figli: Mattia (nato nel 2002) e Rebecca (nata nell'agosto del 2008).[9]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ 31 (3) se si considerano anche i play-off.
  2. ^ Giuseppe Bagnati; Vito Maggio; Vincenzo Prestigiacomo, Il Palermo racconta: storie, confessioni e leggende rosanero, Palermo, Grafill, giugno 2004, p. 188. ISBN 88-8207-144-8.
  3. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 13 (1996-1997), Panini, 30 luglio 2012, p. 10.
  4. ^ Baronio è stato ceduto dalla Lazio in comproprietà alla Reggina per 2,5 miliardi di lire.
  5. ^ La Lazio ha riscattato Baronio dalla Reggina per 10 miliardi.
  6. ^ Palermo, breve guida ai disoccupati della serie A Tuttopalermo.net
  7. ^ Mister 1997 Allievi Regionali Fascia B
  8. ^ Baronio deferito per un tweet: scrisse «sei una m***a» all'ex compagno Matuzalem, gazzetta.it, 24 aprile 2013. URL consultato il 7 aprile 2014.
  9. ^ Fiocco rosa in casa Lazio: È nata Rebecca Baronio, sslazio.it, 11 agosto 2008. URL consultato il 29 aprile 2009.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License