Roberto Grau (rugbista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Grau
Dati biografici
Nome Roberto Diego Grau
Paese Argentina Argentina
Altezza 182 cm
Peso 108 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Pilone
Ritirato 2003
Carriera
Attività di club¹
1988-1996 Liceo Mendoza Liceo Mendoza
1996-1997 Golden Lions Golden Lions
1997-2000 Saracens Saracens 32 (5)
2000-2001 Dax Dax
2001-2003 Liceo Mendoza Liceo Mendoza
Attività da giocatore internazionale
1993-2003 Argentina Argentina 47 (10)
Attività da allenatore
2009- Argentina U.R. Cuyo

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 28 novembre 2011

Roberto Diego Grau (Buenos Aires, 16 luglio 1970) è un ex rugbista a 15, allenatore di rugby e imprenditore argentino.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Grau crebbe sportivamente nel Liceo Rugby Club di Mendoza, squadra nella quale militò per tutta la sua carriera agonistica da dilettante; esordì in Nazionale argentina nel 1993 a Tucumán in occasione di un test match contro il Giappone, e prese parte al campionato Sudamericano di quell'anno, vincendolo.

Partecipò anche alle fasi eliminatorie per la Coppa del Mondo di rugby 1995, senza tuttavia essere convocato per la fase finale di detto torneo. Nel 1996 fu ingaggiato in Sudafrica come professionista dall'ex provincia rugbistica del Transvaal, all'epoca ribattezzata Gauteng Lions; in tale periodo giunse alla finale di Currie Cup; nel 1997 si trasferì in Inghilterra, presso i londinesi Saracens.

Con tale club nel 1998 Grau vinse il suo unico trofeo europeo, la coppa Anglo-Gallese; un anno più tardi fu presente in Galles alla Coppa del Mondo di rugby 1999 e, nel 2000, si trasferì in Francia per firmare un contratto per un anno con il Dax dopo avere declinato un'offerta del Bath[1]; al termine della stagione francese tornò in Argentina al Liceo di Mendoza[2].

Disputò la sua ultima stagione da giocatore in corrispondenza con la Coppa del Mondo di rugby 2003 in Australia, suo ultimo impegno ufficiale; a causa di una squalifica di otto settimane subìta dall'International Rugby Board dopo un nervoso e combattuto incontro della prima fase a gironi contro l'Irlanda perso di un solo punto (15-16)[3], Grau terminò anzitempo la sua carriera internazionale; dopo l'eliminazione dalla Coppa del Mondo Grau manifestò la sua intenzione di voler dedicarsi alla carriera tecnica e seguire la sua azienda, una concessionaria sudamericana della Nestlé[4].

Dopo il ritiro ha seguito le giovanili del Liceo Rugby Club e, nel 2009, è stato incaricato dalla commissione rugbistica della regione di Cuyo (competente per la provincia di Mendoza) della guida della prima squadra provinciale che partecipa al Campeonato Argentino, competizione riservata alle rappresentative delle 24 unioni che formano la Unión Argentina de Rugby[5].

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (ES) Otro Puma a Francia in Clarín, 22 luglio 2000. URL consultato il 20-10-2009.
  2. ^ (ES) Grau dejó el Dax y vuelve a Mendoza in Olé, 15 maggio 2001. URL consultato il 20-10-2009.
  3. ^ (ES) Los Pumas Roberto Grau y Mauricio Reggiardo fueron suspendidos in Diario C, 29 ottobre 2003. URL consultato il 20-10-2009.
  4. ^ (ES) Santiago Roccetti, El último empuje in La Nación, 26 ottobre 2003. URL consultato il 20.
  5. ^ (ES) Una buena decisión para que el rugby mendocino despegue in MDZ, 17 luglio 2009. URL consultato il 20-10-2009.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente









Creative Commons License