Roberto Palleschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Palleschi
Roberto Palleschi.jpg

Presidente della Regione Lazio
Durata mandato 22 settembre 1975 –
23 marzo 1976
Predecessore Rinaldo Santini
Successore Maurizio Ferrara

Presidente del Consiglio regionale del Lazio
Durata mandato 23 settembre 1970 –
1º agosto 1975
Predecessore Girolamo Mechelli
Successore Maurizio Ferrara

Durata mandato 29 marzo 1976 –
4 agosto 1977
Predecessore Maurizio Ferrara
Successore Violenzio Ziantoni

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Italiano
on. Roberto Palleschi
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Roma
Data nascita 9 settembre 1925
Luogo morte 1º ottobre 2009
Titolo di studio Laurea in scienze economiche e commerciali
Partito Partito Socialista Italiano
Legislatura IV, VIII
Gruppo Partito Socialista Italiano
Circoscrizione XV - Lazio 1
Collegio Roma
Incarichi parlamentari
  • commissione lavori pubblici (IV)
  • commissione difesa (VIII)
  • commissione agricoltura e foreste (VIII)
  • commissione igiene e sanità pubblica (VIII)
Pagina istituzionale

Roberto Palleschi (Roma, 9 settembre 1925Roma, 1 ottobre 2009) è stato un politico italiano.

Entra in politica nella federazione romana del Partito Socialista Italiano, in cui cresce politicamente negli anni '50 sino a raggiungerne il vertice per la corrente di Pietro Nenni. Diventa consigliere comunale a Roma.

Il 7 maggio 1963 è eletto deputato alla Camera; è primo firmatario di una proposta di legge sulla limitazione degli orari di lavoro nei settori delle costruzioni edilizie, stradali ed idrauliche[1].

Nel 1975 ricopre la carica di Presidente della Regione Lazio mentre, tra il 1970 e il 1975 e tra il 1976 e il 1977, è Presidente del Consiglio Regionale del Lazio. Rientra alla Camera nel 1979 e diventa sottosegretario di Stato al commercio estero.

Nel 1984 è marginalmente coinvolto nell'inchiesta aperta dal giudice Carlo Palermo sulle attività nel Terzo Mondo del finanziere Ferdinando Mach di Palmstein, sospettato di traffico internazionale d'armi[2]. Il suo operato è menzionato anche a proposito dei rapporti fra il PSI e la Somalia di Siad Barre, in particolare per la vicenda del piano regolatore di Mogadiscio, affidato a Paolo Portoghesi[3].

Nel 1994 pubblica il libro Anche gli angeli vanno alla Guerra. Nel 2001 entra nel Nuovo PSI, all'interno del quale viene eletto presidente del comitato direttivo regionale[4].

Predecessore Presidente della Regione Lazio Successore Lazio Coat of Arms.svg
Rinaldo Santini 22 settembre 1975 - 23 marzo 1976 Maurizio Ferrara
Predecessore Presidente del Consiglio regionale del Lazio Successore Flag of Lazio.svg
Girolamo Mechelli 23 settembre 1970 - 1º agosto 1975 Maurizio Ferrara I
Maurizio Ferrara 29 marzo 1976 - 4 agosto 1977 Violenzio Zintoni II

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Testo della proposta
  2. ^ L' INCHIESTA DI TRENTO PRESTO ALL' INQUIRENTE - Repubblica.it » Ricerca
  3. ^ Armi e droga nell'inchiesta del giudice Palermo
  4. ^ 2°CONGRESSO REGIONALE LAZIO DEL NUOVO PSI







Creative Commons License