Robot Chicken

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robot Chicken
serie TV stop-motion
No immagini.png
Titolo originale Robot Chicken
Autori
1ª edizione 20 febbraio 2005
Episodi 120 (completa)
Durata ep. 11-12 min
Genere

Robot Chicken è una serie televisiva animata in stop motion che fa parodie dei vip americani. È stata creata dall'attore Seth Green nel 2005 ed è prodotta da Stoopid Monkey, ShadowMachine Films, Williams Street, e Sony Pictures Digital. Va in onda sulla rete televisiva americana Adult Swim. È basata sulla serie cartacea Twisted ToyFare Theatre.

La serie doveva essere chiamata Junk in the Trunk, e avere una struttura diversa. La scelta definitiva è dovuta ad una cena dei produttori ad un ristorante cinese, dove servivano un piatto chiamato appunto Robot Chicken, cosa che ispirò Seth Green e Mattew Sunreich a modificare la sceneggiatura.

Realizzazionemodifica | modifica sorgente

La serie è realizzata con action figures, giocattoli, modellini esistenti o talvolta costruiti dagli sceneggiatori, che vengono usati negli sketch in stop motion o, in certi casi, con animazioni al computer. Molte parodie riguardano personaggi o attori famosi, programmi televisivi, giocattoli o semplicemente frammenti della vita di tutti i giorni o ridicolizzando i luoghi comuni.

Storiamodifica | modifica sorgente

Fin dalla sigla del programma si può intuire la vena irriverente e piena di riferimenti dello show: infatti la trasmissione apre con un pollo morto ritrovato per caso da uno scienziato pazzo, che decide di farlo tornare in vita come cyborg e di farlo impazzire legandolo ad una sedia di fronte a innumerevoli teleschermi (in stile Arancia Meccanica), ognuno sintonizzati su di un canale della televisione. Ogni puntata, della durata di 10 minuti, è formata da diversi sketch autoconclusivi (anche se talvolta si ritrovano nel corso della puntata o durante la stagione) tutti preceduti da un rapido cambio di canale, come se si stesse facendo zapping. Le parodie sono tantissime e riguardano un po' tutta la cultura generale, molte volte anche con un po' di non-sense che caratterizza il genere. Sono state realizzate 5 stagioni, di cui l'ultima in corso, 3 lungometraggi sul tema di Star Wars, e uno special sulla DC Comics

I doppiatorimodifica | modifica sorgente

Robot Chicken può vantare la presenza di molte star che doppiano se stessi o altri personaggi. Hanno partecipato ad alcuni episodi: l'attrice Sarah Michelle Gellar, l'attore Mark Hamill, e anche l'attrice Michelle Trachtenberg il cantante del gruppo pop NSYNC Joey Fatone, gli attori giapponesi Pat Morita e Masi Oka.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License