Ronnie Peterson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ronnie Peterson
Ronnie Peterson 1971 Hockenheim.JPG
Ronnie Peterson, fotografato nel 1971 ad Hockenheim
Dati biografici
Nome Bengt Ronnie Peterson
Nazionalità Svezia Svezia
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Categoria Formula 1
Ritirato 1978
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1970-1978
Scuderie March, Lotus, Tyrrell
Miglior risultato finale 2° (1971, 1978)
GP disputati 123
GP vinti 10
Podi 26
Punti ottenuti 206
Pole position 14
Giri veloci 9
 

Ronnie Peterson, nome completo Bengt Ronnie Peterson (Örebro, 14 febbraio 1944Milano, 11 settembre 1978), è stato un pilota automobilistico svedese.

Durante la sua carriera ha vinto vari titoli nei campionati minori, tra cui due campionati di F3 svedese e uno di Formula 2. Nella massima serie, in cui aveva debuttato nel 1970, è riuscito ad imporsi in 10 Gran Premi di Formula 1 ed era riconosciuto anche dai colleghi come un pilota grintoso ed in assoluto il più veloce del gruppo.[1] Peterson per due volte è stato vice-campione del mondo (1971 e 1978), ma durante il Gran Premio d'Italia 1978 ha trovato la morte a seguito delle conseguenze riportate in un incidente alla partenza della gara.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Le formule minorimodifica | modifica sorgente

Peterson cominciò a correre giovanissimo sui kart, passando poi alla Formula 3, ottenendo eccellenti risultati e attirando le attenzioni della Tecno. La compagnia italiana lo mise sotto contratto nel 1968 e Peterson vinse il titolo, ripetendo il successo anche l'anno seguente.

Dopo aver corso il 1970 in Formula 1 lo svedese partecipò contemporaneamente al campionato di Formula 2, in cui vinse il titolo.

Formula 1modifica | modifica sorgente

Peterson debuttò nel 1970 al volante della March, ma nella sua prima stagione non ottenne risultati. Rimasto nella scuderia britannica anche nei due anni successivi, giunse secondo nel 1971, grazie ad una serie di podi. Più dura fu la stagione 1972, nella quale Peterson non andò oltre un terzo posto al Gran Premio di Germania e un nono in classifica piloti. Nel 1973 si trasferì alla Lotus, dove conquistò 9 pole position e quattro Gran Premi, spesso risultando più veloce del suo compagno di squadra, il campione del mondo in carica Emerson Fittipaldi.

Nel 1974, pur con una Lotus in difficoltà a causa del fallimento del modello 76, Peterson riuscì a vincere altri 3 Gran Premi (Monaco, Francia e Italia) con il vecchio modello 72.

L'anno successivo le difficoltà economiche della Lotus (che schierava per il sesto anno consecutivo l'ormai sorpassato modello 72) non consentirono a Peterson alcun risultato di rilievo. Questo e altri motivi, tra cui il mancato pagamento di parte del compenso, indussero Peterson a ritornare alla March nel 1976, ma riuscì ad aggiudicarsi solo il Gran Premio d'Italia. Passò alla Tyrrell dove ottenne scarsi risultati, prima di far ritorno alla Lotus nel 1978. Nel Gran Premio del Giappone del 1977 venne tamponato da Gilles Villeneuve, la cui Ferrari uscì di pista e uccise 2 spettatori.

Nel corso della fatale stagione 1978, il talento di Ronnie Peterson venne imbrigliato da un contratto 'capestro' che lo costrinse al ruolo di seconda guida. Il rapporto con Colin Chapman andò così via via peggiorando fino a portare lo svedese a sottoscrivere un contratto con la McLaren per la stagione successiva.[1]

Rimase però vittima di un incidente, subito dopo la partenza del Gran Premio d'Italia 1978 a Monza, nel quale rimasero coinvolte diverse vetture, tra cui quelle di Riccardo Patrese, James Hunt, Clay Regazzoni e Vittorio Brambilla, causato dall'accensione troppo anticipata del semaforo verde. Dopo una collisione il pilota svedese si schiantò contro il muretto del collegamento con la pista junior e, dopo essere stato colpita dalla Surtees di Brambilla, la sua auto prese fuoco. I soccorsi furono lenti e caotici: il dottor Sid Watkins, medico ufficiale della FIA, giunto sul posto dopo pochi minuti, fu allontanato dai Carabinieri, sicché fu James Hunt il primo a raggiungere l'auto di Peterson e ad adoperarsi per liberarlo dai rottami[2]. Poco dopo fu raggiunto da dei rinforzi, e dopo 18 minuti arrivò l'ambulanza.

Peterson fu estratto dalla vettura incidentata ancora vivo e cosciente, ma con sette fratture alla gamba sinistra e quattro alla gamba destra[3]. Venne trasportato all'ospedale Niguarda e ricoverato nel reparto di terapia intensiva. Fu poi sottoposto ad un intervento per ricostruirgli gli arti inferiori durato più di sei ore,[4] ma la mattina seguente fu colpito da embolia lipidica che ne causò il decesso il giorno seguente.[1] Non è stato mai chiarito se fu proprio l'embolia a causare la morte o l'imperizia dei medici nell'eliminarla (si disse che, nel tentativo di asportarla, causarono una gravissima emorragia che avrebbe condotto alle fatali complicazioni)senza fonte. In quell'incidente, anche Vittorio Brambilla rimase ferito, rimanendo in coma per alcuni giorni.

Un'immagine dell'incidente fatale di Monza 1978.

Per molto tempo Riccardo Patrese fu ritenuto responsabile dell'episodio, ma alcuni anni dopo venne scagionato: un'attenta indagine dimostrò infatti che, per un errore della direzione gara, il "via" era stato dato troppo presto, quando le vetture nelle ultime file non si erano ancora allineate, generando un imbottigliamento alla prima curva, dove uno scarto improvviso della McLaren di James Hunt (che si ritrovò chiuso tra Patrese e lo svedese) causò la carambola fatale.

Ronnie Peterson è stato sepolto nel cimitero di Örebro, in Svezia.

Vittoriemodifica | modifica sorgente

  • 1973: Francia, Austria, Italia, Stati Uniti
  • 1974: Monaco, Francia, Italia
  • 1976: Italia
  • 1978: Sud Africa, Austria

Risultati completi in F1modifica | modifica sorgente

1970 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Punti Pos.
March 701 7 NC 9 Rit 9 Rit Rit NC 11 0
1971 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
March 711 10 Rit 2 4 Rit 2 5 8 2 2 3 33
1972 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
March 721 6 5 Rit 11 9 5 7 3 12 9 SQ 4 12
1973 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Lotus 72D Rit Rit 11 Rit Rit 3 2 1 2 11 Rit 1 1 Rit 1 52
1974 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Lotus 72E e 76 13 6 Rit Rit Rit 1 Rit 8 1 10 4 Rit 1 3 Rit 35
1975 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Lotus 72 Rit 15 10 Rit 4 Rit 9 15 10 Rit Rit 5 Rit 5 6 13º
1976 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Lotus
March[5]
77
761
Rit Rit 10 Rit Rit Rit 7 19 Rit Rit 6 Rit 1 9 Rit Rit 10 11º
1977 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Tyrrell P34 Rit Rit Rit Rit 8 Rit 3 Rit 12 Rit 9 5 Rit 6 16 Rit Rit 14
1978 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Punti Pos.
Lotus 78 e 79 5 Rit 1 4 Rit 2 2 3 2 Rit Rit 1 2 Rit 51
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Curiositàmodifica | modifica sorgente

  • Il conduttore televisivo Red Ronnie ha scelto il suo nome d'arte in considerazione del fatto che è rosso di capelli ed era un grande fan del pilota svedese.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c Casamassima, op. cit., pag. 791.
  2. ^ La Stampa - Sid Watkins, il dottoreche ha visto la morte in F1
  3. ^ Giorgio Viglino, Bolidi si scontrano a Monza. Gravi Brambilla e Peterson in La Stampa, 11 settembre 1978, p. 1.
  4. ^ Giorgio Viglino, Il pilota Peterson (Lotus) è morto. Sotto accusa il circuito di Monza in La Stampa, 12 settembre 1978, p. 1.
  5. ^ Con la March dal GP del Sudafrica.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Pino Casamassima, Storia della Formula 1, Calderini Edagricole, 1996. ISBN 88-8219-394-2.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 7372050








Creative Commons License