Rovolon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rovolon
comune
Rovolon – Stemma
Il campanile della chiesa di San Giorgio, a Rovolon
Il campanile della chiesa di San Giorgio, a Rovolon
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Padova-Stemma.png Padova
Sindaco Maria Elena Sinigaglia (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 45°21′00″N 11°40′00″E / 45.35°N 11.666667°E45.35; 11.666667 (Rovolon)Coordinate: 45°21′00″N 11°40′00″E / 45.35°N 11.666667°E45.35; 11.666667 (Rovolon)
Altitudine 152 m s.l.m.
Superficie 27,56 km²
Abitanti 4 787[1] (31-12-2010)
Densità 173,69 ab./km²
Frazioni Bastia (sede comunale), Carbonara, Rovolon
Comuni confinanti Albettone (VI), Barbarano Vicentino (VI), Cervarese Santa Croce, Montegaldella (VI), Mossano (VI), Nanto (VI), Teolo, Vo'
Altre informazioni
Cod. postale 35030
Prefisso 049
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 028071
Cod. catastale H622
Targa PD
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti rovolonesi
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Rovolon
Posizione del comune di Rovolon all'interno della provincia di Padova
Posizione del comune di Rovolon all'interno della provincia di Padova
Sito istituzionale

Rovolon è un comune di 4.556 abitanti[2] della provincia di Padova, in Veneto.

Geografiamodifica | modifica sorgente

Il paese è adagiato sul versante settentrionale del Monte della Madonna, in una posizione sopraelevata dalla quale si può spaziare verso nord, dai Colli Berici a tutta la corona delle Prealpi Venete.

Storiamodifica | modifica sorgente

Nella parte pianeggiante del comune si trova la località di Bastia, che è anche la sede comunale. Il nome "Bastia" viene dalla bastia, fortificazione costruita nel secolo XIII dai padovani per difendere i loro territori dall'incursione dei vicentini. E quando quel caposaldo fu distrutto dagli Scaligeri, alla località resto il nome di "Alla bastia". Nel 970 il territorio venne donato ai monaci di Santa Giustina dal vescovo di Padova Gauslino. Allora esso era denominato "terreno duro", perché impossibile da coltivare, ma fu poi bonificato e lavorato dai monaci e popolato successivamente dai loro coloni, per i quali i Benedettini costruirono la prima chiesa, dedicata a San Sebastiano. Altra località, non distante dal confine con la provincia di Vicenza, è Carbonara.

Economiamodifica | modifica sorgente

L'economia del comune è prevalentemente agricola, con coltivazioni di mais e cereali in pianura e vigneti e frutteti (ciliegi) in collina. Nel territorio comunale è presente anche il parco di Frassanelle, dove è presente un percorso da golf a 18 buche.

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[3]

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Gemellaggimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Fonte: ISTAT - Bilancio demografico al 31/05/2008 [1].
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Padova Portale Padova: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Padova







Creative Commons License