Rubén Da Silva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rubén Da Silva
Dati biografici
Nome Rubén Fernando Da Silva Echeverrito
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 182 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 2004
Carriera
Squadre di club1
1986-1989 Danubio Danubio  ? (?)
1989 Lazio Lazio 0 (0)
1989-1991 River Plate River Plate 58 (21)
1991 Cremonese Cremonese 0 (0)
1991-1992 CD Logrones CD Logroñés 16 (3)
1992-1993 River Plate River Plate 34 (17)
1993-1995 Boca Juniors Boca Juniors 49 (11)
1995-1998 Rosario Central Rosario Central 80 (38)
1998-2000 UAG UAG 69 (20)
2000-2001 Nacional Nacional 24 (7)
2001-2004 Danubio Danubio 46 (5)
Nazionale
1988-2000 Uruguay Uruguay 21 (3)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Rubén Fernando Da Silva Echeverrito (Montevideo, 11 aprile 1968) è un ex calciatore uruguaiano, di ruolo attaccante. Ha vinto la Copa América 1995 con la nazionale di calcio uruguaiana.

Era soprannominato dai suoi tifosi El Polillita.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Inizia la carriera nel 1986 con il Danubio in Primera División uruguaiana. Nel 1988 segna 23 gol che aiutano il club a vincere il primo campionato nazionale della sua storia, e permettono a Da Silva di diventare capocannoniere del torneo. Nel 1989 viene acquistato dalla Lazio, che però preferisce lasciarlo ancora in Sudamerica avendo già tre stranieri in rosa e lo gira in Argentina, al River Plate, con il quale vince il campionato di calcio argentino 1988-1989.

Sempre sotto il controllo della società romana viene girato nel 1991 alla Cremonese, con la quale però non scese mai in campo; viene quindi ceduto dalla società grigiorossa a causa della mancanza di posti per stranieri (occupati da Gustavo Neffa, Gustavo Dezotti e Rubén Pereira (anche lui di proprietà della Lazio) [1]). Tornato al River Plate, diventa capocannoniere del Clausura 1993. Questo risultato gli consente di ricevere una seconda opportunità dal calcio europeo, grazie agli spagnoli del CD Logroñés.

Nel 1994 torna in Argentina, stavolta al Boca Juniors, acerrimo rivale della sua ex squadra River Plate. A causa delle prestazioni non brillanti, viene messo in lista trasferimenti nel 1995.

In quello stesso anni, passa al Rosario Central, che grazie alle sue marcature vince la Copa Conmebol, primo titolo internazionale ufficiale del club rosarino. Com 15 reti torna nuovamente a conquistare il titolo di capocannoniere, durante il Torneo Apertura 1997.

Nel 1998 le buone prestazioni con il club di Rosario gli valgono il trasferimento in Messico, al Tecos de Guadalajara, con il quale rimane due anni prima di tornare in Uruguay, al Club Nacional de Football. Con il Nacional, vince il campionato nel 2000. Nel 2004 chiude la carriera nel Danubio, dopo averci vinto il titolo nazionale.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Ha giocato 21 partite con la nazionale di calcio dell'Uruguay e ha segnato 3 reti. Ha partecipato alle Copa América di Brasile 1989, Uruguay 1995 e Bolivia 1997, vincendo quella del 1995.

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Competizioni nazionalimodifica | modifica sorgente

Danubio: 1988, 2004
Nacional: 2000
River Plate: 1989-1990

Competizioni internazionalimodifica | modifica sorgente

Rosario Central: 1995

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Uruguay 1995

Individualemodifica | modifica sorgente

1988, 1990

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ US Cremonese - Storia - 1990–1996 Gli anni di Simoni

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License