Salvatore Arcidiacono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Salvatore Arcidiacono (Acireale, 19271998) è stato un divulgatore scientifico, chimico e filosofo della scienza italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Formazionemodifica | modifica sorgente

Nato e, per una sorprendente coincidenza, morto lo stesso anno del fratello gemello Giuseppe (1927 - 1998), divise con quest'ultimo anche gli impegni di ricerca. Laureatosi in Chimica all'Università di Catania, fu insieme al fratello allievo dello scienziato e matematico italiano Luigi Fantappié,[1] divenendo in seguito docente di chimica al liceo.[2]

Attività teorica e di ricercamodifica | modifica sorgente

A partire dal 1955 perfezionò la Teoria unitaria del mondo fisico e biologico[3] di Fantappié, collegandola ai più moderni sviluppi della biologia teorica e molecolare.[4] Fantappiè e Giuseppe Arcidiacono trovarono in Salvatore Arcidiacono il supporto teorico speculativo nel campo della chimica e della fisica teorica per completare il loro percorso di ricerca. Fu lui, dopo la morte di Fantappiè nel 1956 a elaborare e pubblicare una formulazione "mediata" della sua Teoria sintropica[1] nonché della Teoria degli universi.[1]
Nel 1958 pubblicò al riguardo il saggio Visione unitaria dell'Universo[5] e nel 1961 pubblicò Spazio, tempo, universo , con prefazione del filosofo e teologo Stanislas Breton. Insegnò a lungo[6] e durante tutta la sua carriera fu autore di numerosi saggi e articoli scientifici pubblicati su riviste italiane[6] ed internazionali.[7][8]

Operemodifica | modifica sorgente

  • Visione unitaria dell'Universo alla luce delle teorie di Luigi Fantappiè, con Giuseppe Arcidiacono, ed. UCIIM, Roma 1958.
  • Spazio, tempo, universo con Giuseppe Arcidiacono, Edizioni del fuoco, Roma 1961.
  • Materia e Vita, ed. Massimo, Milano 1969.
  • Ordine e Sintropia la vita e il suo mistero, ed. Studium Christi, Roma 1975.
  • L'evoluzione sintropica, Accademia degli zelanti e dei dafnici, Acireale 1981.
  • Creazione, evoluzione, principio antropico, con Giuseppe Arcidiacono e Vincenzo Arcidiacono, ed. Il fuoco-Studium Christi, 1983.
  • Entropia, sintropia, informazione. Una nuova teoria unitaria della fisica, chimica e biologia, con Giuseppe Arcidiacono, ed. Di Renzo, Roma 1989; 2^ ed.1991.
  • L’evoluzione dopo Darwin. La teoria sintropica dell'evoluzione, ed. Di Renzo, Roma 1992.
  • Problemi e dibattiti di biologia teorica, ed. Di Renzo, Roma 1993. ISBN 88-86044-16-X

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c Ignazio Licata, Teoria degli Universi e Sintropia
  2. ^ vedi pag 103 di L’accoglienza delle idee di Pierre Teilhard de Chardin nella cultura italiana degli anni 1955-1965
  3. ^ Scapini, 2005, op. cit.
  4. ^ Demetrio Sodi Pallares, Terapia metabolica delle cardiopatie. Nuovo approccio terapeutico PICCIN, Padova 1989, p. XVI. ISBN 88-299-0616-6
  5. ^ Vannini, 2005, op. cit.
  6. ^ a b L’accoglienza delle idee di Pierre Teilhard de Chardin nella cultura italiana degli anni 1955-1965, pag 103
  7. ^ Salvatore Arcidiacono, Nuevas ideas para la evolución biològica, articolo su Folia humanistica, Barcellona, novembre 1982, n. 238.
  8. ^ Revue internationale Pierre Teilhard de Chardin, Edizioni 85-98, Ministère de l'éducation nationale et de la culture Belgique, Editore Société Pierre Teilhard de Chardin, 1981.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Riferimenti esternimodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License