Salvatore Bartolotta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Appuntato Salvatore Bartolotta

Salvatore Bartolotta (Castrofilippo, 3 marzo 1935Palermo, 29 luglio 1983) è stato un carabiniere italiano, assassinato dalla mafia.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Era un appuntato dei carabinieri. Venne ucciso per l'esplosione di un'autobomba il 29 luglio 1983, sotto l'abitazione palermitana del giudice istruttore Rocco Chinnici.

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Medaglia d'oro al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor civile
«"Preposto al servizio di tutela a magistrato tenacemente impegnato nella lotta contro la criminalità organizzata, assolveva il proprio compito con alto senso del dovere e serena dedizione pur consapevole dei rischi personali connessi con la recrudescenza degli attentati contro rappresentanti dell'ordine giudiziario e delle Forze di Polizia. Barbaramente trucidato in un proditorio agguato, tesogli con efferata ferocia, sacrificava la vita a difesa dello Stato e delle istituzioni»
— Palermo, 29 luglio 1983

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Lillo Astuto, Salvatore Baio, Salvatore Bartolotta. L'albo d'oro dei caduti castrofilippesi. Edizioni, 2008.
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License