Samuel Goldwyn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Samuel Goldwyn, al centro, insieme a (da sinistra a destra) Jesse Lasky, Adolph Zukor (seduto), Cecil B. DeMille (seduto) e Al Kaufman (foto scattata nel 1916)
Statuetta dell'Oscar Oscar alla memoria Irving G. Thalberg 1947
Statuetta dell'Oscar Oscar Premio umanitario Jean Hersholt 1958

Samuel Goldwyn, il cui vero nome era Samuel Goldfish, anglicizzazione di Schmuel Gelbfisz il nome ebraico polacco col quale nacque, (Varsavia, 17 agosto 1882Los Angeles, 31 gennaio 1974), è stato un produttore cinematografico statunitense.

In quasi mezzo secolo di attività, Samuel Goldwyn produsse molti film di buon livello, specialmente nel campo del melodramma e della commedia musicale, scoprì o valorizzò grandi registi come Cecil B. De Mille e William Wyler e attori come Gary Cooper, David Niven, Danny Kaye, Lili Damita e Eddie Cantor.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Schmuel Gelbfisz, emigrato poverissimo dalla nativa Polonia, lasciò Varsavia senza un soldo e a piedi. Chassidim di famiglia aschenazita, Schmuel Gelbfisz diventò Samuel Goldfish, quando, con i genitori, si trasferì per alcuni anni a Birmingham. Emigrò nel 1898 negli Stati Uniti ma, temendo di essere respinto alla frontiera, partì per New York dal Canada, imbarcandosi in Nova Scotia nel gennaio 1899. Dopo aver fatto vari mestieri, nel 1910 fondò con il cognato Jesse Lasky (di cui aveva appena sposato la sorella Blanche) una casa di produzione cinematografica, la Jesse L. Lasky Feature Play Company, che lasciò due anni dopo. Nel 1918, con i fratelli Edgar e Archibald Selwyn, costituì la Goldwyn Pictures Corp.. Da allora, assunse lo pseudonimo di Goldwyn, derivante dalla fusione del proprio cognome (Goldfish) con quello dei soci (Selwyn). Nel 1923 si ritirò dalla società che, con la successiva partecipazione della Metro, divenne la Metro Goldwyn e infine, con quella di Louis B. Mayer, la Metro Goldwyn Mayer (sigla MGM), famosa come "la casa cinematografica del leone".

Produttore indipendentemodifica | modifica sorgente

Dal 1924 in poi, Samuel Goldwyn fu produttore indipendente di numerosi film, da L'angelo delle tenebre (The Dark Angel) (1925) a Goldwyn Follies (1937), da Le piccole volpi (The Little Foxes) (1941) a I migliori anni della nostra vita (The Best Years of Our Lives) (1946), da Sogni proibiti (The Secret Life of Walter Mitty) (1947) a Bulli e pupe (Guys and Dolls) (1955).

Riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Per il suo contributo all'industria cinematografica, Samuel Goldwyn ha una stella sulla Hollywood Walk of Fame al 1631 di Vine Street.

Il 27 marzo 1971 il Presidente Richard Nixon lo ha insignito della prestigiosa onorificenza statunitense, la Medaglia presidenziale della libertà.

The Slim Princess, film prodotto dalla Goldwyn Pictures

"Goldwynismi"modifica | modifica sorgente

Oltre ai suoi notori meriti nel mondo del cinema, Samuel Goldwyn divenne anche celebre presso l'opinione pubblica anglosassone per le numerose gaffe, lapsus e nonsense involontari nei quali incappava durante le interviste[1]. Essi vennero ironicamente chiamati "goldwynismi" (in inglese goldwynisms); fra quelli rimasti più celebri (e successivamente più citati) ci sono:

  • "Un contratto verbale non vale la carta su cui è scritto" ("A verbal contract isn't worth the paper it's written on")[1]
  • "Chiunque vada dallo psichiatra dovrebbe farsi vedere la testa da qualcuno" ("Anyone who goes to a psychiatrist ought to have his head examined")[1]
  • "Credo che nessuno debba scrivere la propria autobiografia, se non dopo la propria morte" ("I don't think anyone should write their autobiography until after they're dead")[2]
  • "Le nostre commedie non sono roba da ridere" ("Our comedies are not to be laughed at ")[1]
  • "Non indosso mai un paio di scarpe se prima non le ho portate per almeno cinque anni" ("I never put on a pair of shoes until I've worn them at least five years")[2]
  • "Non date retta ai critici! Non degnatevi nemmeno d'ignorarli!"

Tuttavia, la battuta "Includetemi fuori" (che ha anche dato il titolo all'omonimo libro di Romano Bertola) e che spesso viene attribuita a Goldwyn[3], non è stata mai pronunciata dal produttore e nessuna fonte che raccoglie le sue citazioni o interviste la riporta.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d MGM: the thoughts of founder Samuel Goldwyn, 21 aprile 2010. URL consultato il 1 febbraio 2014.
  2. ^ a b Famous quotes by Samuel Goldwyn. URL consultato il 1 febbraio 2014.
  3. ^ Gideon Haigh, L'anticiclopedia", Orme Editori, 2006

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • A.Scott Berg, Goldwyn, a Biography

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Presidential Medal of Freedom - nastrino per uniforme ordinaria Presidential Medal of Freedom
— 27 marzo 1971

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 46813321 LCCN: n81039798








Creative Commons License