San Cipriano Po

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Cipriano Po
comune
San Cipriano Po – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Sindaco Marco Paravella (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 45°06′00″N 9°15′00″E / 45.1°N 9.25°E45.1; 9.25 (San Cipriano Po)Coordinate: 45°06′00″N 9°15′00″E / 45.1°N 9.25°E45.1; 9.25 (San Cipriano Po)
Altitudine 63 m s.l.m.
Superficie 8,67 km²
Abitanti 503[1] (31-12-2010)
Densità 58,02 ab./km²
Frazioni Buffalora, Coste
Comuni confinanti Albaredo Arnaboldi, Belgioioso, Broni, Spessa, Stradella
Altre informazioni
Cod. postale 27043
Prefisso 0385
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018133
Cod. catastale H799
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti sanciprianini
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
San Cipriano Po
Posizione del comune di San Cipriano Po nella provincia di Pavia
Posizione del comune di San Cipriano Po nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

San Cipriano Po è un comune italiano di 417 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nella pianura dell'Oltrepò Pavese, sulla riva destra del Po.

Storiamodifica | modifica sorgente

San Cipriano è noto fin dal X secolo, quando apparteneva alla chiesa di San Giovanni Domnarum di Pavia. Probabilmente poco dopo fu posto, insieme ai vicini centri di Stradella e Portalbera, sotto la signoria del Vescovo di Pavia.

Tuttavia, in circostanze non chiare, San Cipriano si trovò in una situazione singolare, in quanto apparteneva per circa tre quarti al feudo di Broni (dal 1536 dei conti Arrigoni di Milano) e un quarto a quello di Stradella, che continuava ad appartenere alla mensa vescovile di Pavia. Pur costituendo un solo comune, era diviso in due giurisdizioni: la parte vescovile, chiamata anche Corte di San Cipriano, si trovava a sud, dove c'è la chiesa, mentre quella bronese era a nord. Tuttora il paese presenta due addensamenti che corrispondono a queste due parti. Questa situazione durò fino al 1797, quando fu abolito il feudalesimo.

In epoca napoleonica al comune di San Cipriano furono unite le due attuali frazioni Buffalora e Coste, che erano state fino ad allora comuni a sé: appartenevano agli stessi feudi che si dividevano il dominio su San Cipriano: Buffolora alla contea di Broni, Coste al feudo vescovile di Stradella e Portalbera.

Societàmodifica | modifica sorgente

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[2]

Persone legate a San Cipriano Pomodifica | modifica sorgente

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.







Creative Commons License