San Giustino (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Giustino
comune
San Giustino – Stemma
San Giustino – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Umbria-Stemma.svg Umbria
Provincia Provincia di Perugia-Stemma.png Perugia
Sindaco Fabio Buschi (centrosinistra) dal 07/06/2009
Territorio
Coordinate 43°33′00″N 12°11′00″E / 43.55°N 12.183333°E43.55; 12.183333 (San Giustino)Coordinate: 43°33′00″N 12°11′00″E / 43.55°N 12.183333°E43.55; 12.183333 (San Giustino)
Altitudine 336 m s.l.m.
Superficie 80,69 km²
Abitanti 11 428[1] (31-12-2010)
Densità 141,63 ab./km²
Frazioni Celalba, Cospaia, Selci-Lama, Uselle-Renzetti
Comuni confinanti Borgo Pace (PU), Citerna, Città di Castello, Mercatello sul Metauro (PU), Sansepolcro (AR)
Altre informazioni
Cod. postale 06016
Prefisso 075
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 054044
Cod. catastale H935
Targa PG
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti sangiustinesi
Patrono san Giustino
Giorno festivo 1º giugno
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
San Giustino
Posizione del comune di San Giustino all'interno della provincia di Perugia
Posizione del comune di San Giustino all'interno della provincia di Perugia
Sito istituzionale

San Giustino (anticamente chiamata Meliscianum) è un comune italiano di oltre 13.400 abitanti della provincia di Perugia.

Vitale centro posto nell'alta valle del Tevere, San Giustino, assieme alla contigua città toscana di Sansepolcro, costituisce un unico agglomerato di circa 30.000 abitanti. Seppur appartenenti a regioni e province diverse, esse sono, fin dall'antichità, legate da un doppio filo di continuità territoriale e demografica.

Geografia fisicamodifica | modifica sorgente

Storiamodifica | modifica sorgente

San Giustino, le cui prime tracce possono essere già ritrovate grazie a notizie giunte dall'archivio aretino sui resti di una grande pieve del VII secolo, è stata fondata dal martire cristiano Giustino (ucciso a Pieve de' Saddi, nel comune di Pietralunga), a cui deve il nome sia l'intero comune sia la grande chiesa arcipretale posta al centro della città, al cui interno è custodita una cripta paleocristiana eretta utilizzando materiale proveniente da Colle Plinio, località comunale in cui è localizzata quella che è comunemente riconosciuta come la Villa in Tuscis di Plinio il Giovane, spesso menzionata nelle lettere che lo stesso inviava allo zio Plinio il Vecchio.

Monumenti e luoghi d'interessemodifica | modifica sorgente

  • la chiesa arcipretale di San Giustino si erge al centro della città; ad essa fanno capo tutte le altre chiese circostanti e appartenenti al vicariato nord, con sede appunto in San Giustino, della diocesi di Città di Castello.
  • il castello Bufalini, considerato il simbolo stesso della città, con la sua eleganza e maestosità dà il benvenuto ai visitatori. Costruito nel medioevo dalla famiglia Dotti di Sansepolcro, fu ristrutturato per volere dei marchesi Bufalini, divenuti signori di San Giustino, al posto del Castello di Colle, ormai distrutto, al fine di rendere più sicuro il territorio di Città di Castello, sotto la cui dominazione si trovava il comune. Sotto lo Stato della Chiesa, San Giustino viene separata da Città di Castello e resa comune indipendente nel 1827. Il castello fu trasformato nel Rinascimento in villa signorile; ospita al suo interno opere del Ghirlandaio, del Perugino, dei Della Robbia. Il giardino è quello tipico "all'italiana" con limonaie, giochi di fontane e un labirinto.
  • la chiesa del Santissimo Crocifisso, eretta grazie al cardinale Giovanni Ottavio Bufalini, allora arcivescovo di Ancona, è ricca di affreschi e stucchi dei fratelli Della Robbia. La facciata, prospiciente la piazza del Municipio, è a capanna;
  • la Villa Graziani;
  • Il borgo di Cospaia, sede fino ai primi del secolo XIX di una repubblica.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Repubblica di Cospaia.

Societàmodifica | modifica sorgente

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[2]

Culturamodifica | modifica sorgente

Eventimodifica | modifica sorgente

  • 1º giugno - San Giustino Martire, Festa del Patrono. Infiorata lungo le vie antiche del centro storico.
  • Corpus Domini - Infiorata nel centro storico.
  • Fiere di Melisciano - Prima settimana di giugno.
  • Repubblica di Cospaia - Rievocazione storica - Ultimo weekend di giugno.
  • Lupi e Bufali in festa - Ultimo weekend di giugno. Festa fra le due parti del paese (di sopra e di sotto)
  • Gara di Kart - Prima settimana di giugno, gara nazionale di kart.
  • 1º maggio - Strasangiustino, gara podistica.
  • 18 ottobre - Festa delle castagne di Corposano
  • Roccolo Park Festival - agosto
  • Festa della Ranocchia - luglio a Selci Umbro
  • Sagra Mondiale della Gota - giugno a Lama
  • Festival di Musica e Folklore - luglio a Lama
  • Rassegna delle bande in Valtiberina- 3ª settimana di giugno a Selci Umbro
  • Rassegna teatro popolare- gennaio-marzo, Sala Teatro Filarmonica a Selci Umbro
  • Takefive - Rassegna musica Jazz - La domenica pomeriggio mesi di novembre - dicembre, Sala Teatro Filarmonica a Selci Umbro

Economiamodifica | modifica sorgente

Patria dei marchesi Bufalini, San Giustino si è espansa, favorita dal flusso migratorio proveniente dai comuni limitrofi, soprattutto da Sansepolcro. Grazie anche allo sviluppo industriale, è divenuta sede di fabbriche, come la Arrow (produzione di impianti di scarico).

Grazie alla sua posizione, che ne fa il punto di raccordo fra tre regioni quali l'Umbria, la Toscana e le Marche, San Giustino intrattiene rapporti commerciali con quasi tutte le regioni centrali beneficiando, dal punto di vista economico, di fattori quali lo sviluppo demografico, quello industriale, e soprattutto turistico, grazie anche alla vicinanza di centri quali Assisi, Perugia, Urbino, Arezzo e Firenze.

Infrastrutture e trasportimodifica | modifica sorgente

Posta all'estremità nord dell'alta valle del Tevere, San Giustino si trova lungo l'asse di scorrimento della Strada di Grande Comunicazione (SGC) E45, che collega Orte con Ravenna, attraversando l'Umbria in tutta la sua estensione, toccando la Toscana ed infine l'Emilia-Romagna. Fortemente utilizzata, in particolar modo dai mezzi pesanti, essa costituisce la più importante via di comunicazione dell'intera regione. Nel territorio comunale ha uno dei due sbocchi anche la Galleria della Guinza, facente parte del tracciato previsto per la E78. Da menzionare anche il passaggio nel territorio comunale, con tre fermate, della Ferrovia Centrale Umbra (FCU) che collega Terni e Perugia con Sansepolcro.

Sportmodifica | modifica sorgente

Nel 2010 San Giustino è divenuta sede della Società Sportiva RPA Luigi Bacchi.it di pallavolo maschile, militante nel campionato nazionale di A1 e proveniente da Perugia, che ha scelto la città e il relativo palasport, a cui è stato dato il nome di PalaKemon, come sede della società e della squadra. Nel luglio 2012 i diritti sportivi dell'Umbria Volley vengono acquisiti dalla società Altotevere Volley, militante sempre nel campionato nazionale di Serie A1 maschile. Il settore giovanile è composto da oltre 140 tra ragazzi e ragazze che militano dal campionato di seconda divisione femminile a scendere fino alla palla rilanciata. Il 4 maggio 2013 la società comunica che per problemi economici non si iscriverà al campionato di A1 2013-2014.

Il paese ha due squadre di calcio: l'Unione Sportiva San Giustino, fondata nel 1974, milita nel Campionato Regionale di Seconda Categoria Umbra Girone A, mentre la Virtus San Giustino S.s.d., fondata nel 2000, milita nel Campionato Regionale di Promozione Umbra Girone A ed annovera al suo interno un settore giovanile di circa 170 ragazzi.

Gemellaggimodifica | modifica sorgente

Polonia Prudnik, dal 2000

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Ascani A., San Giustino, Città di Castello 1965.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Galleria fotomodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Umbria Portale Umbria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Umbria







Creative Commons License