Assunzione di Maria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Santa Maria Assunta)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la festa popolare del 15 agosto, vedi Ferragosto.
Assunzione della
Beata Vergine Maria
Reni, Guido - Himmelfahrt Mariae - 1642.jpg
Assunzione di Guido Reni, 1642
Tipo di festa religiosa
Data 15 agosto
Oggetto della celebrazione Assunzione della Madonna in Paradiso
Feste correlate Dormizione di Maria
Tradizioni profane Palio di Siena, Faradda di li Candareri, Essida de Sos Candhaleris
Data d'istituzione 1º novembre 1950[1]

L'Assunzione di Maria in Cielo è un dogma cattolico nel quale viene affermato che Maria, terminato il corso della vita terrena, fu trasferita in Paradiso, sia con l'anima che con il corpo, cioè fu assunta, accolta in cielo. L'Assunzione di Maria, nel pensiero cattolico, è un'anticipazione della resurrezione della carne, che per tutti gli altri uomini avverrà soltanto alla fine dei tempi, con il Giudizio universale.

I cristiani ortodossi e armeni celebrano la Dormizione di Maria: Maria sarebbe stata assunta in cielo dopo la morte. Né la Dormizione né l'Assunzione sono un dogma presso gli Ortodossi o gli Armeni. La differenza principale tra Dormizione e Assunzione è che la seconda non implica necessariamente la morte, ma neppure la esclude.

Né l'Assunzione né la Dormizione fanno parte della dottrina anglicana e sono rigettate dalla maggior parte degli anglicani. Tuttavia nella "Chiesa alta" si propende per la seconda, più che per la prima. La Commissione internazionale cattolica/anglicana (ARCIC), un organo di dialogo teologico ecumenico, in un documento di discussione del 2005 (non vincolante né per la Chiesa Cattolica Romana, né per la Comunione anglicana) ha però proposto che il dogma dell'Assunzione di Maria "è compatibile con le Scritture".[2]

Le Chiese protestanti invece non credono nell'Assunzione di Maria, in quanto non affermata nella Bibbia.

Tradizionemodifica | modifica sorgente

L'Assunzione dipinta da Tiziano
« Era conveniente che colei che nel parto aveva conservato integra la sua verginità conservasse integro da corruzione il suo corpo dopo la morte. Era conveniente che colei che aveva portato nel seno il Creatore fatto bambino abitasse nella dimora divina. Era conveniente che la Sposa di Dio entrasse nella casa celeste. Era conveniente che colei che aveva visto il proprio figlio sulla Croce, ricevendo nel corpo il dolore che le era stato risparmiato nel parto, lo contemplasse seduto alla destra del Padre. Era conveniente che la Madre di Dio possedesse ciò che le era dovuto a motivo di suo figlio e che fosse onorata da tutte le creature quale Madre e schiava di Dio. »
(san Giovanni Damasceno)

Alcune fonti antiche e la leggenda del ramo di palmamodifica | modifica sorgente

Le prime indicazioni sull'Assunzione di Maria risalgono al periodo compreso tra la fine del secolo IV e la fine del V.

  • Efrem il Siro († 373) sosteneva che il corpo di Maria non aveva subito corruzione dopo la morte.
  • Timoteo di Gerusalemme (sec. IV) scriveva che la Vergine era rimasta immortale perché il Cristo l'aveva trasferita nei luoghi della sua ascensione.
  • Epifanio di Salamina († 403) affermava che la fine terrena di Maria fu piena di prodigio e che quasi certamente la Vergine possedeva già con la carne il regno dei cieli.
  • L'operetta siriaca Obsequia Beatae Virginis riferiva che l'anima di Maria, subito dopo la morte, si era riunita nuovamente al corpo.

Tra gli apocrifi di quest'epoca i più noti sono[3]:

Narra il Transito della Beata Maria Vergine che la Madonna aveva chiesto al Figlio di avvertirla della morte tre giorni prima. La promessa fu mantenuta: il secondo anno dopo l'Ascensione Maria stava pregando quando le apparve l'angelo del Signore. Teneva un ramo di palma e le disse: Fra tre giorni sarà la tua assunzione. La Madonna convocò al capezzale Giuseppe d'Arimatea e altri discepoli del Signore e annunciò loro la sua morte.

« Venuta la domenica, all'ora terza, come lo Spirito Santo discese sopra gli apostoli in una nube, discese pure Cristo con una moltitudine di angeli e accolse l'anima della sua diletta madre. E fu tanto lo splendore di luce e il soave profumo mentre gli angeli cantavano il Cantico dei Cantici al punto in cui il Signore dice: "Come un giglio tra le spine, tale è la mia amata fra le fanciulle" - che tutti quelli che erano là presenti caddero sulle loro facce come caddero gli apostoli quando Cristo si trasfigurò alla loro presenza sul monte Tabor, e per un'intera ora e mezza nessuno fu in grado di rialzarsi. Poi la luce si allontanò e insieme con essa fu assunta in cielo l'anima della Beata Vergine Maria in un coro di salmi, inni e cantici dei cantici. E mentre la nube si elevava, tutta la terra tremò e in un solo istante tutti i Gerosolimitani videro chiaramente la morte della santa Maria. »

In quel momento Satana istigò gli abitanti di Gerusalemme che presero le armi e si diressero contro gli apostoli per ucciderli e impadronirsi del corpo della Vergine che volevano bruciare. Ma una cecità improvvisa impedì loro di attuare il proposito e finirono per sbattere contro le pareti. Gli apostoli fuggirono con il corpo della Madonna trasportandolo fino alla valle di Giosafat dove lo deposero in un sepolcro: in quell'istante - narra il Transito della Beata Maria Vergine - li avvolse una luce dal cielo e, mentre cadevano a terra, il santo corpo fu assunto in cielo dagli angeli.

Dogmamodifica | modifica sorgente

Assunzione della Vergine di Rubens nella Cattedrale di Anversa, 1626

Il dogma cattolico è stato proclamato da papa Pio XII il 1º novembre 1950, anno santo, attraverso la costituzione apostolica Munificentissimus Deus (incipit latino, traducibile: "Dio generosissimo"). Si tratta dell'ultimo dogma, finora, proclamato da un Papa, dopo i due proclamati da Pio IX nel secolo XIX.

[4]. Questo è il passaggio finale del documento, con la solenne definizione dogmatica:

« Pertanto, dopo avere innalzato ancora a Dio supplici istanze, e avere invocato la luce dello Spirito di Verità, a gloria di Dio onnipotente, che ha riversato in Maria vergine la sua speciale benevolenza a onore del suo Figlio, Re immortale dei secoli e vincitore del peccato e della morte, a maggior gloria della sua augusta Madre e a gioia ed esultanza di tutta la chiesa, per l'autorità di nostro Signore Gesù Cristo, dei santi apostoli Pietro e Paolo e Nostra, pronunziamo, dichiariamo e definiamo essere dogma da Dio rivelato che: l'immacolata Madre di Dio sempre vergine Maria, terminato il corso della vita terrena, fu assunta alla gloria celeste in anima e corpo.

Perciò, se alcuno, che Dio non voglia, osasse negare o porre in dubbio volontariamente ciò che da Noi è stato definito, sappia che è venuto meno alla fede divina e cattolica. »

(Munificentissimus Deus)

La proclamazione di questo dogma è l'unica occasione in cui un pontefice ha fatto uso dell'infallibilità papale ex cathedra, definita formalmente nel 1870. La Chiesa dunque riconosce che in questa specifica occasione il papa ha proclamato un dogma esercitando l’uffizio di Pastore e Dottore di tutti i cristiani, e quindi con il carisma dell'infallibilità.[5]

Commenti alla proclamazione del dogmamodifica | modifica sorgente

Lo psicanalista Carl Gustav Jung rimase impressionato dalla proclamazione del dogma[6]. Ritenendola "l'evento più rilevante della storia del cristianesimo dai tempi della riforma", definì tale proclamazione "petra scandali[7] per una mente priva di sensibilità psicologica", affermando che tuttavia "il metodo che il Papa adopera per dimostrare la verità del dogma ha senso per la mente psicologica".[8] Nel nuovo dogma Jung apprezzava in particolare l'estensione simbolica della Trinità a una "quaternità" che si apriva finalmente alla dimensione femminile e, quindi, alla totalità[6].

Congregazioni dell'Assunzionemodifica | modifica sorgente

Statua dell'Assunta, custodita nella Concattedrale di Palmi

Sono numerosi gli istituti religiosi dedicati all'Assunzione di Maria: gli Agostiniani dell'Assunzione, fondati a Nîmes nel 1850 da Emmanuel d'Alzon; le Religiose dell'Assunzione, fondate nel 1839 a Parigi da Maria Eugenia Milleret de Brou; le Oblate dell'Assunzione sorte a Le Vigan nel 1865; le Piccole Suore dell'Assunzione, fondate da Étienne Pernet a Parigi nel 1865; le Suore dell'Assunzione della Santa Vergine, fondate nel 1853 in Québec; le Suore di Carità dell'Assunzione, sorte nel 1993 da un ramo delle Piccole Suore dell'Assunzione.

Festa dell'Assunzione di Mariamodifica | modifica sorgente

Maria Ss.Assunta, venerata nella chiesa dell'Immacolata in Santa Maria di Licodia

L'assunzione di Maria è festeggiata nel calendario cattolico il 15 agosto.
La Chiesa ortodossa e la Chiesa apostolica armena celebrano nella stessa data la festa della Dormizione di Maria.

In Italia sono numerosi i festeggiamenti per la Madonna Assunta. Fra le feste più importanti si ricordano:

  • La Cavalcata dell'Assunta di Fermo che si svolge ogni anno il 15 agosto. È considerato il palio più antico d'Italia (è stato istituito nel 1182 ma alcune fonti testimoniano l'esistenza della competizione fin dal 998).
  • Il Palio di Siena che si corre in suo onore il 16 agosto;
  • Il Palio delle Contrade che si corre in Suo onore ad Allumiere la prima domenica dopo il 15 agosto di ogni anno;
  • A San Cataldo, dall'ultima domenica di luglio al 15 agosto, si svolge un fitto programma di festeggiamenti, iniziando con l'esposizione della "dormitio Virginis" in chiesa Madre, opera in cera del sec. XVII. Si svolgono manifestazioni culturali e teatrali e la "Quindicina in onore dell'Assunta" sempre in chiesa Madre. Il 14 agosto si ci sposta nella chiesa degli "Ex-Cappuccini" dove è stato conservato il culto all'Assunta e dove vi si conserva la statua dell'Assunta in forma eretta e vi si cantano i primi Vespri della solennità. Il giorno dopo, il 15 agosto, diverse sante Messe si svolgono sia in chiesa Madre che agli "Ex-Cappuccini", mentre a mezzogiorno, 21 colpi di cannone ricordano alla città il giorno della Madonna. Nella sera, in Piazza Madrice, davanti la chiesa Madre, ha luogo una solenne celebrazione della Messa a cui fa seguito la processione della Madonna Assunta per le principali vie della città.
  • Ad Avellino per tutto il periodo che va dal 26 luglio, giorno in cui viene issato il Pannetto dell'Assunta, compatrona della città, vi sono un susseguirsi di manifestazioni teatrali e feste di piazza, con la partecipazione di artisti famosi ed internazionali di musica leggera[9], che trova il culmine nei giorni che vanno dal 13 al 18 circa di agosto.
Simulacro dell'Assunta compatrona di Avellino (opera in legno di tiglio cotto nell'olio eseguita da Nicolò Fumo da Baronissi nel 1718

Il giorno 14 avviene l'omaggio floreale dell'amministrazione comunale alla Madonna. Il giorno 15 nel tardo pomeriggio avviene la tradizionale processione con il simulacro della Vergine. Verso la mezzanotte, vi sono i fuochi pirotecnici nel piazzale dello stadio Partenio. Le manifestazioni del ferragosto si chiudono alla fine del mese. Durante questo periodo, c'è anche la tradizionale fiera delle bancarelle.

  • la processione della "Vara" a Messina (fercolo di dimensioni enormi, oltre 13 m d'altezza), trascinato per le principali vie della città da oltre 1500 fedeli scalzi e vestiti di bianco;
  • a Tusa (Messina) il 13 agosto iniziano i festeggiamenti con la processione del simulacro della Madonna morta (Dormitio Mariae), adagiata in una bara di legno dorata. Il 14 agosto, dopo i vespri solenni e la santa messa, nella chiesa madre si mette in scena l'Assunzione con un complesso meccanismo risalente al '600, fatto di teli, luci, statue e veli che vedono la Madonna ascendere al cielo tra i canti dei fedeli che la chiamano "Acchianata da Madonna". Il 15, nel primo pomeriggio avviene la tradizionale "Cavalcata Storica" nella quale i cavalieri portano offerte votive alla Madonna e nel tardo pomeriggio la processione del simulacro dell'acclamatissima Madonna Assunta, venerata col titolo di regina di Tusa. La domenica successiva, chiamata Ottava, si riproducono, in misura minore, i festeggiamenti di giorno 15;
  • la Faradda di li Candareri di Sassari che si svolge il 14 agosto per il secolare scioglimento di un voto all'Assunta (che secondo la tradizione salvò la città dalla Peste);
  • a Silvi (TE) le feste cominciano dal 10 agosto circa e finiscono il 16 dello stesso mese. Il culmine delle celebrazioni si ha il 15, quando verso le 8.00 si preleva dalla chiesa dell'Assunta la statua della Vergine, detta "Madonnina del Mare". La statua, alla presenza del vescovo e dei parroci, viene messa su una barca (dove si celebra la messa), addobbata e agghindata, seguita da altre barche anch'esse decorate, e viene portata in processione fino alla Torre di Cerrano, dove rigira per poi tornare a Piazza dei Pini e di qui in chiesa. Il 16, a chiusura, nel paese vecchio si celebra la messa in onore di San Rocco e viene aperta la chiesa omonima, chiusa durante l'anno. Anticamente la processione a mare era per sant'Antonio da Padova;
  • ad Atri (Teramo) la festa dell'Assunta dura dal 14 al 15 agosto. Nel duomo viene esposto il simulacro dell'Assunta; il 14 vi è il Corteo storico della Contea (un corteo con costumi del XV-XVI secolo e con oltre 100 figuranti), con la sfilata dei carri aprutini o "Maggiolata" e l'apertura della Porta Santa sul fianco del Duomo, a cui partecipa il vescovo (la porta, istituita nel '300 da Celestino V, resterà aperta per 8 giorni). Il 15, a chiusura, fiere e mercatini, sagre e la rinomata "Fiera delle Cipolle", in cui si provvede già alle provviste invernali;
    Statua della Madonna Assunta, patrona di Maiori (SA), venerata nella Collegiata di Santa Maria a Mare
  • ad Orvieto La Madonna Assunta in Cielo è titolare della cattedrale. Nei giorni immediatamente precedenti la vigilia della festa la statua della Vergine, collocata in una grande macchina settecentesca, è condotta, in forma privata, dalla cattedrale alla Collegiata dei Santi Andrea e Bartolomeo ove resta esposta alla venerazione dei fedeli. La sera della vigilia, al termine della messa solenne in Sant'Andrea, la macchina varca la porta della Collegiata procedendo all'indietro e viene posta sul sagrato. Ha quindi inizio la solenne processione verso la cattedrale.;
  • a Pachino la mattina del 15 agosto vengono esplosi ventuno colpi di cannone per annunciare la venuta del giorno di festa per la patrona; i fedeli durante la mattinata si recano in Chiesa Madre per pregare d'innanzi al simulacro ligneo della Vergine Assunta. Nel tardo pomeriggio si ha la "sciuta" ovvero l'uscita della statua, il giro della piazza principale e su quest'ultima si celebra la messa solenne in onore della Beata Maria. Dopo aver effettuato il giro della città, dopo i fuochi pirotecnici, si procede con la "trasuta" ovvero l'entrata del simulacro.
  • a Maiori (SA), Santa Maria a Mare (nome che si riferisce a un'icona della Vergine col Bambino, che la tradizione vuole sia stata ritrovata in mare) viene festeggiata il 14 e il 15 agosto, giorno in cui si svolge una solenne processione che termina con la "corsa" della statua per i 127 gradini che conducono alla chiesa collegiata;
  • a Marsicovetere (PZ), la statua della Beata Vergine Assunta viene condotta in processione al Santuario del Monte Volturino l'ultima domenica di maggio. Il 15 agosto viene riportata in paese, dove si svolge un'ulteriore processione seguita dalla celebrazione nella chiesa madre;
  • a Mezzago (MB), la terza domenica del mese di settembre (a causa della scarsa presenza in paese dei mezzaghesi il 15 di agosto) la statua lignea di Maria Assunta viene condotta in processione dalla chiesa parrocchiale lungo le vie del paese accompagnata da numerosi fedeli;
  • a Santa Maria Capua Vetere (CE), la Beata Vergine Assunta in cielo viene festeggiata il 14 agosto, giorno in cui si svolge la solenne processione con il Simulacro della Vergine Assunta, donato all'Università nel 1836 dal Re Ferdinando II, che, dopo gli spari delle batterie di salve in Piazza Mazzini, termina con il simulato "incendio del campanile" del Duomo, singolare spettacolo pirotecnico che simboleggia l'Assunzione al cielo e la partecipazione di Maria Santissima alla vittoria finale del Figlio sul peccato e sulla morte;
  • a Randazzo (CT) il 15 agosto viene fatta sfilare "a Vara", un fercolo del XVI secolo alto circa 15 metri. Sulla Vara trovano posto una trentina di bambini che raffigurano i misteri della morte, dell'assunzione e dell'incoronazione della Vergine Maria.
  • a Donnalucata (RG La festa di Maria Assunta si tiene anche a Donnalucata una Parrocchia sul mare del Comune di Scicli. La Parrocchia seppur dedicata a Santa Caterina da Siena inizialmente doveva essere intitolata a Maria Assunta in Cieolo. La festa ha luogo nel mese di agosto. Un tempo era caratterizzata da gare di barche (il Pacetto parla di gondole fornite di molti remi che le facevano non correre ma volare in quel mare).

Sostiene ancora il Pacetto che proprio il forte sentimento dei locali per questa celebrazione ha fatto sì che la chiesa di Donnalucata (oggi dedicata a Santa Caterina da Siena) non appena eretta venisse intitolata proprio alla Madonna Assunta. Oggi i festeggiamenti si svolgono con una processione solenne per le vie della città dopo la celebrazione serale della S. Messa. sito web della Parrocchia www.fontedelleore.it

  • a [1] Canosa di Puglia ogni anno in molte strade della città si realizzano altarini in onore della madonna e c' è una chiesa dedicata a essa in via europa 27 [2]
  • a Carpi si celebra la mattina del 15 agosto una Messa solenne presieduta dal Vescovo e una processione lungo le vie del centro. Al termine il Vescovo benedice la folla dal balcone della Cattedrale, dedicata proprio all'Assunzione di Maria. La processione si tiene ininterrottamente a partire dal 1516, per volere di Alberto III Pio.

Altre presunte assunzioni in cielomodifica | modifica sorgente

In passato alcuni hanno sostenuto che anche l'apostolo Giovanni sia stato assunto in cielo. Questa credenza derivava dalla conclusione del suo Vangelo:

« Gesù gli rispose: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, che importa a te? Tu seguimi». Si diffuse perciò tra i fratelli la voce che quel discepolo non sarebbe morto. Gesù però non gli aveva detto che non sarebbe morto, ma: «Se voglio che rimanga finché io venga, che importa a te?». »   (Giovanni 21,22-23)

Essa è menzionata (e rigettata) anche da Dante nella Divina Commedia (Par. XXV, 122-129). Per due personaggi biblici, il profeta Elia e il patriarca Enoch, la Bibbia racconta invece esplicitamente che furono "rapiti" da Dio in cielo; questi passi hanno generato grande dibattito e molte sono le teorie a riguardo[10][11].

Città e patronatimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Proclamazione del dogma.
  2. ^ Dialogo cattolico-anglicano: Maria non è un ostacolo alla comunione ecclesiale
  3. ^ (EN) Early Traditions of the Virgin Mary's Dormition (Dormitio Mariae). URL consultato il 16 agosto 2012.
  4. ^ http://www.vatican.va/holy_father/pius_xii/apost_constitutions/documents/hf_p-xii_apc_19501101_munificentissimus-deus_it.html Documento della solenne definizione dogmatica
  5. ^ Costituzione dogmatica Pastor Aeternus
  6. ^ a b "[...] Jung, figlio di un pastore protestante, si dichiarò pieno di entusiasmo per il punto di vista cattolico. [...] Per Jung [...] era il contenuto simbolico del dogma [dell'Assunzione] che aveva l'importanza più grande. Egli vi vedeva l'estensione di ciò che, nella Trinità, è soltanto maschile a una 'quaternità', con un principio femminile, dunque a una totalità." in Riccardo Bernardini, Jung a Eranos. Il progetto della psicologia complessa, Franco Angeli, 2011.
  7. ^ 1 Petri 2:8
  8. ^ Carl Jung in R.F.C. Hull (a cura di), Answer to Job, New York, Pantheon Books, 1958, p. 464.
    «"I consider it to be the most important religious event since the Reformation. It is a petra scandali for the unpsycholgical mind: how can such an unfounded assertion as the bodily reception of the Virgin into heaven be put forward as worthy of belief? But the method which the Pope uses in order to demonstrate the truth of the dogma makes sense to the psychological mind, because it bases itself firstly on the necessary prefigurations, and secondly on a tradition of religious assertions reaching back for more than a thousand years."».
  9. ^ La storia delle celebrazioni su avellinesi.it
  10. ^ (EN) Ron Abel, Wrested Scriptures - su Enoch. URL consultato il 16 agosto 2012.
  11. ^ (EN) Ron Abel, Wrested Scriptures - su Elia. URL consultato il 16 agosto 2012.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Brano del Transito della Beata Maria Vergine, tratto da Alfredo Cattabiani. Calendario. Le feste, i miti, le leggende e i riti dell'anno, Milano 1991.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License