Santiago Solari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santiago Solari
Dati biografici
Nome Santiago Hernán Solari Poggio
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 185 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2011
Carriera
Giovanili
Flag of None.svg Richard Stockton Coll. of N.J.
Squadre di club1
1994-1995 Newell's O. B. Newell's O. B. 0 (0)
1995-1996 Renato Cesarini Renato Cesarini 9 (1)
1996-1999 River Plate River Plate 67 (13)
1999-2000 Atletico Madrid Atlético Madrid 46 (7)
2000-2005 Real Madrid Real Madrid 131 (13)
2005-2008 Inter Inter 39 (4)
2008-2009 San Lorenzo San Lorenzo 26 (4)
2009-2010 Atlante Atlante 33 (5)
2010-2011 Penarol Peñarol 9 (0)
Nazionale
1999-2004 Argentina Argentina 11 (1)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 31 giugno 2011

Santiago Hernán Solari Poggio (Rosario, 7 ottobre 1976) è un ex calciatore argentino.

È fratello della modella ed attrice Liz Solari, nonché dei calciatori Esteban Solari e David Solari.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Inizimodifica | modifica sorgente

Di origini italiane ma in possesso di passaporto spagnolo, esordì nella massima categoria del suo paese con il Newell's Old Boys, da cui passò poi al Renato Cesarini Football Club e al River Plate. Così come lo zio, il calciatore Jorge Solari, Santiago viene soprannominato El Indiecito, mentre in Spagna assume anche il soprannome di El Principito.

Esperienza a Madridmodifica | modifica sorgente

Nel 1999 fu ingaggiato dall'Atletico Madrid, dove restò per due anni. In seguito venne acquistato dal Real Madrid per 3,5 milioni di euro su raccomandazione del cugino, Fernando Redondo. La prima stagione fu difficile a causa di problemi respiratori, ma nel 2002 vinse la Coppa dei Campioni e la Coppa Intercontinentale. Con la camiseta realizza 20 reti in 184 partite, tanto da ritagliarsi un discreto spazio nel Real dei "Galacticos".

Intermodifica | modifica sorgente

Nel 2005 approdò all'Inter con un contratto triennale.[1] Sky gli dedica uno spot poco edificante dove sbaglia un gol già fatto nella stagione 2005-2006, Santiago però riesce a prendersi una rivincita segnando un gol di tacco contro l'Udinese e riuscendo a fare cambiare il contenuto del video proposto dalla piattaforma satellitare.[2][3] Il 2 aprile 2006 realizza la sua prima ed unica doppietta in carriera nella partita di Serie A Inter-Messina (3-0 per la squadra milanese). Con i nerazzurri ha vinto due Supercoppa italiana 2005, 2006, una Coppa Italia e tre scudetti (2005-2006, 2006-2007, 2007-2008). Proprio la stagione 2007-2008 fu l'ultima trascorsa in maglia nerazzurra, per poi svincolarsi alla scadenza del contratto.

Fine carrieramodifica | modifica sorgente

Il 26 agosto 2008 ha firmato un contratto annuale con gli argentini del San Lorenzo. Il 15 luglio 2009 si è trasferito in Messico all'Atlante, firmando un contratto biennale. Il 2 settembre 2010 è passato a titolo definitivo al Peñarol, squadra uruguayana con cui ha chiuso la carriera dopo il campionato di Apertura.[4]

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Santiago conta inoltre 11 presenze nella Nazionale maggiore argentina, con la quale ha anche segnato 1 gol. L'esordio con la nazionale del suo Paese avviene nel novembre del 1999 con la Spagna, contro la quale entra all'80º minuto. L'unica rete arriva proprio alla seconda partita, l'unica giocata per intero, valida per la Reebok Cup contro il Messico. L'ultima apparizione con l'albiceleste è in una delle gare valevoli la Qualificazione ai Mondiali 2006, esattamente contro il Venezuela; gara vinta poi dagli argentini per 3-2.

Statistichemodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Statistiche aggiornate al 24 ottobre 2008.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1994-1995 Argentina Newell's Old Boys PD 0 0 - - - - - - - - - 0 0
1995-1996 Argentina Renato Cesarini PBN 9 1 - - - - - - - - - 9 1
1996-1997 Argentina River Plate PD 24 2 - - - - - - - - - 24 2
1997-1998 PD 27 6 - - - - - - - - - 27 6
1998-gen. 1999 PD 16 5 - - - - - - - - - 16 5
Totale River Plate 67 13 67 13
gen.-giu. 1999 Spagna Atletico Madrid PD 12 1 - - - CU 1 0 - - - 13 1
1999-2000 PD 34 6 - - - CU 7 0 - - - 41 6
Totale Atletico Madrid 46 7 8 0 54 7
2000-2001 Spagna Real Madrid PD 14 4 - - - UCL 10 1 - - - 24 1
2001-2002 PD 28 1 - - - UCL 14 4 SS 2 0 42 5
2002-2003 PD 28 0 - - - UCL 11 0 SU+CInt 1+1 0 41 0
2003-2004 PD 34 5 - - - UCL 9 2 SS 0 0 43 7
2004-2005 PD 27 3 - - - UCL 5 0 - - - 32 3
Totale Real Madrid 131 13 49 7 4 0 184 20
2005-2006 Italia Inter A 13 3 CI 7 2 UCL 6 0 SI 0 0 26 5
2006-2007 A 21 1 CI 5 0 UCL 4 0 SI 0 0 30 1
2007-2008 A 5 0 CI 5 1 UCL 5 0 SI 0 0 15 1
Totale Inter 39 4 17 3 15 0 71 7
2008-2009 Argentina San Lorenzo PD 14 3 - - - - - - - - - 4 1
2009-2010 Messico Atlante PD - - - - - - - - - - - - -
Totale 296 39 17 3 102 7 4 0 389 49

Cronologia presenze e reti in Nazionalemodifica | modifica sorgente

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Competizioni nazionalimodifica | modifica sorgente

River Plate: Apertura 1996, Clausura 1997, Apertura 1997
Real Madrid: 2000-2001, 2002-2003
Real Madrid: 2001, 2003
Inter: 2005-2006[5], 2006-2007, 2007-2008
Inter: 2005-2006
Inter: 2005, 2006

Competizioni internazionalimodifica | modifica sorgente

Real Madrid: 2002
Real Madrid: 2001-2002
Real Madrid: 2002
River Plate: 1996
River Plate: 1997

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Solari all'Inter: ora è ufficiale Moggi: "Cassano mai alla Juve", TuttoMercatoWeb.com, 7-7-2005. URL consultato il 22-7-2012.
  2. ^ Solari, rivincita anche nello spot, tgcom24, 24-3-2006. URL consultato il 22-7-2012.
  3. ^ [Esplora il significato del termine: Solari, tacco a Sky «Cambiate lo spot»] Solari, tacco a Sky «Cambiate lo spot», Corriere.it, 24-3-2006. URL consultato il 22-7-2012.
  4. ^ Penarol, preso Solari, TuttoMercatoWeb.com, 2-9-2010. URL consultato il 19-9-2010.
  5. ^ Titolo assegnato d'ufficio dopo le sentenze della giustizia sportiva nell'ambito di Calciopoli.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License