Seru Epenisa Cakobau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ratu Seru Epenisa Cakobau
Cakobau, died February 1883, photograph by Francis H. Dufty.jpg
Ordine: Primo Tui Viti (Re delle Figi)
Primo Tui Bau
Sesto Vunivalu di Bau
Regno: (Tui Viti): 5 giugno 1852 - 10 ottobre 1874
(Tui Bau): 2 maggio 1867 - 1869
(Vunivalu di Bau): 1852 - 1883
Predecessore: (Tui Viti): nessuno
(Tui Bau): nessuno
(Vunivalu di Bau): ratu Tanoa Vasawaqa
Successore: (Tui Viti): Vittoria del Regno Unito
(Tui Bau): nessuno
(Vunivalu d Bau): ratu Epeli Nailatikau I
Data di nascita 1815
Luogo di nascita: Lakeba, isole Lau
Data della morte: 1883

Ratu Seru Epenisa Cakobau (18151883) è stato un comandante e sovrano figiano che unì sotto la sua leadership le tribù del suo paese e regnò come Tui Viti (titolo dei sovrani delle isole Figi) dal 5 giugno 1871 al 10 ottobre 1874, quando il regno fu ceduto alla regina Vittoria del Regno Unito.

Cakobau era succeduto al padre, ratu Tanoa Visawaqa, come Vunivalu (capo supremo) di Bau, una delle isole Figi, l'8 dicembre 1852. Rivendicando il diritto di sovranità sul resto delle isole, si propose di fatto come re delle Figi. Questa presa di posizione non fu accettata dagli altri sovrani delle isole, che lo relegarono a mero primus inter pares. I contrasti lo portarono ad una guerra che durò 19 anni e che lo portò ad unificare tutte le isole sotto la sua autorità. Nel 1865, fu stabilita una Confederazione dei Regni Uniti di Viti, con Cakobau come capo supremo dell'assemblea generale. Due anni più tardi, la confederazione si divise nel Regno di Bau, di cui Cakobau assunse il ruolo di re, e nella Confederazione di Lau.

Supportato dai coloni nel 1871 riuscì poi a creare un regno figiano autonomo e stabilì Levuka come sua capitale. Decise di instaurare una monarchia costituzionale e la prima assemblea legislativa ebbe luogo in quello stesso anno, anche se sia la legislatura che il cabinetto furono di fatto amministrati dai coloni.

Gli Stati Uniti riconobbero Cakobau sovrano delle isole Figi molto prima che questi fosse riconosciuto dal resto dei capi figiani. In una visione a lungo termine, comunque, questa situazione non gli giovò. Il governo degli Stati Uniti, infatti, ritenne Cakobau responsabile di un incendio sviluppatosi nella casa del console americano John Brown William, sull'isola Nukulau, nel 1849 (quindi ancor prima che Cakobau fosse riconosciuto Vunivalu), e pretese da lui 44.000 dollari per il risarcimento dei danni.

Non potendo pagare la somma, e temendo una invasione degli americani, Cakobau decise di cedere le isole al Regno Unito. Questa decisione fu presa anche dalla fondata speranza che una colonizzazione inglese avrebbe potuto portare alle isole civiltà e prosperità. Cakobau, originalmente praticante del cannibalismo, si convertì, infatti, al Cristianesimo e rinunciò a questa sua pratica tribale nel 1854. Mantenne la sua posizione di capo supremo (Vunivalu) di Bau finno alla sua morte, nel 1883.

Molte delle figure carismatiche delle isole Figi, negli anni seguenti, furono diretti discendenti di Cakobau. Suo nipote, il ratu (titolo nobiliare figiano) George Cakobau, fu il primo governatore delle Figi nativo, dal 1973 al 1983. Un'altra discendente, Ratu Epeli Nailatikau, è l'attuale presidente della Camera dei rappresentanti delle Figi.

Il ratu Kamisese Mara, il padre fondatore del moderno stato delle Figi, è anch'egli un discendente di Cakobau, sebbene non attraverso il ramo maschile. Infine, molte cariche politiche, accademiche e militari, sono coperte da discendenti di Cakobau.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 4202345 LCCN: n96094091

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License