Sezen Aksu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sezen Aksu
Fotografia di Sezen Aksu
Nazionalità Turchia Turchia
Genere Pop
Periodo di attività 1975 – in attività

Sezen Aksu, nome d'arte di Fatma Sezen Yıldırım (Denizli, 13 luglio 1954), è una cantante turca. considerata, da alcuni, la diva della musica pop turca.

Ha inoltre scoperto vari talenti come Tarkan e Sertab Erener. Nel 1957 la sua famiglia si trasferisce ad Izmir, dove poi Sezen trascorre tutta l'infanzia e l'adolescenza. Terminata la scuola superiore, intraprende la carriera universitaria presso la locale Università di Agraria, ma abbandona gli studi per dedicarsi completamente alla musica.

Negli anni '70 rivoluziona il pop turco insieme alla sua carissima amica (nonché cantante di successo) Ajda Pekkan. La sua fama giunge fino in Grecia e nei Balcani. Pubblica il suo primo singolo, Haydi Şansım/Gel Bana (Orsù, Fortuna mia/Vieni a me), nel 1975 sotto lo pseudonimo di Sezen Seley. Conosce il successo nel 1976 con il singolo Olmaz Olsun/Vurdumduymaz (Che non accada mai/Insensibile), che raggiunge la vetta delle classifiche turche. Il suo primo album, Serçe (Passero), del 1978, le vale tale soprannome dalla penna di un giornalista turco.

La Aksu riesce nell'intento di dare visibilità alla Turchia all' Eurovision song contest negli anni '70, pur non partecipandovi. Infatti, gareggia ben tre volte alle finali nazionali senza mai emergere. Nel 2003, però, è proprio una sua "pupilla" a vincere la kermesse canora e rappresentare il suo Paese nel mondo.

La sua carriera musicale decolla negli anni '80 grazie anche alla sua relazione con il produttore Onno Tunç, mentre negli anni '90 co-produce con lo stesso Tunç il suo album più venduto, Gülümse (Sorridi), da cui è estratta la hit Hadi Bakalım (Suvvia!).

Nel 1995 decide di separare il suo percorso artistico da quello di Tunç e di diventare produttrice in modo indipendente. Grazie ad alcuni album sperimentali di grande raffinatezza musicale, nonché alla sua collaborazione con Goran Bregovic, il suo nome attraversa l'Europa. A partire dal 1998, riprende il sound degli esordi con vari album, tra cui Şarkı Söylemek Lazım (C'è bisogno di cantare), Yaz Bitmeden (Prima che l'estate finisca). Dopo due anni di pausa, ritorna con Bahane (Scusa) nel 2005 e poi con Kardelen (Fiocchi di neve), i cui proventi vanno in beneficenza. Questi ultimi album non fanno altro che premiare ancora una volta la profondità della sua voce e confermare il suo enorme successo.

Ha preso parte a varie cause, tra cui i diritti delle donne, l'ambiente e l'istruzione in Turchia.

Sezen si è sposata ed ha divorziato ben quattro volte, mantenendo però il cognome del suo primo marito, il geologo Ali Engin Aksu. Ha avuto un figlio con Sinan Özer.

Nel 2005 ha interpretato se stessa nel film "Crossing the Bridge: The Sound of Istanbul" esibendosi con la canzone "Istanbul Hatirasi."

Discografiamodifica | modifica sorgente

Gli EP a 45 girimodifica | modifica sorgente

  • Haydi Şansım- Gel Bana (1975)
  • Kusura Bakma- Yaşanmamış Yıllar (1976)
  • Olmaz Olsun- Vurdumduymaz (1976)
  • Allahaısmarladık- Kaç Yıl Geçti Aradan (1977)
  • Kaybolan Yıllar- Neye Yarar (1977)
  • Gölge Etme- Aşk (1978)
  • İlk Gün Gibi- Yalancı (1979)
  • Allahaşkına - Sensiz İçime Sinmiyor (1979)

Gli albummodifica | modifica sorgente

I long playmodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 30686683 LCCN: nr96025927

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License