Simone Luigi di Lippe-Detmold

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Simone Luigi di Lippe-Detmold (Castello di Brake, 14 marzo 1610Detmold, 8 agosto 1636) è stato Conte di Lippe-Detmold.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Era il maggiore tra i figli sopravvissuti del Conte Simone VII di Lippe-Detmold e di sua moglie, Anna Caterina di Nassau-Wiesbaden.

Alla morte del padre nel 1627, Simone Filippo non aveva ancora raggiunto l'età necessaria per succedere al trono paterno e venne posto sotto la tutela del conte Cristiano di Waldeck (1585-1637), suo prozio. I suoi zii, il Conte Ottone di Lippe-Brake e Giovanni Luigi di Nassau-Hadamar, di religione cattolica, tentarono di garantirsi senza successo la tutela del nipote, con l'intento di restaurare il cattolicesimo a Lippe.

Nel 1627 iniziò il proprio Gran Tour in Europa, toccando città di rilievo per l'epoca come Praga, Parigi, Londra e Amsterdam. Dopo il suo ritorno in madrepatria nel 1631 la sua prematura dichiarazione di idoneità al trono venne chiesta dallo stesso Imperatore Ferdinando II.

Sotto l'influenza del Cancelliere Christoph Deichmann, Simone Luigi mantenne una cauta politica di neutralità e si ravvicinò gradualmente alla Svezia, cadendo però in disgrazia presso l'imperatore.

Morì a Detmold di vaiolo all'età di 26 anni, l'8 agosto 1636.

Matrimonio e figlimodifica | modifica sorgente

Il 19 giugno 1631 Simone Luigi sposò la contessa Caterina di Waldeck (1612-1649), figlia del Conte Cristiano di Waldeck e sorella minore della sua matrigna, Maria Maddalena (1606-1671). Da questo matrimonio nacquero i seguenti eredi:

  • Simone Filippo (1632-1650), non contrasse mai matrimonio
  • Ermanno Ottone (1633-1646)
  • Luigi Cristiano (1636-1646)
Predecessore Conte di Lippe-Detmold Successore
Simone VII 1627-1650 Simone Filippo

Controllo di autorità VIAF: 81025693








Creative Commons License