Simone Padoin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simone Padoin
Simone Padoin 2012.JPG
Padoin nell'amichevole estiva contro il Málaga prima dell'inizio della stagione 2012-2013
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179[1] cm
Peso 74[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Juventus Juventus
Carriera
Giovanili
199?-1999
1999-2003
Flag of None.svg Donatello Udine
Atalanta Atalanta
Squadre di club1
2003-2007 Vicenza Vicenza 126 (6)
2007-2012 Atalanta Atalanta 156 (10)
2012- Juventus Juventus 43 (1)
Nazionale
2002-2003
2003-2004
2004-2007
Italia Italia U-19
Italia Italia U-20
Italia Italia U-21
9 (0)
6 (1)
6 (0)
Palmarès
 Europei di Calcio Under 19
Oro Liechtenstein 2003
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 7 aprile 2014

Simone Padoin (Gemona del Friuli, 18 marzo 1984) è un calciatore italiano, centrocampista della Juventus.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nato a Gemona del Friuli, in Friuli Venezia Giulia, è tifoso sin da piccolo dell'Udinese.[2]

Caratteristiche tecnichemodifica | modifica sorgente

"Jolly" di centrocampo, nasce esterno destro, ma può essere impiegato anche come centrocampista centrale, mediano ed esterno sinistro. La sua duttilità ha spesso riscosso apprezzamenti dagli allenatori che ha avuto, in particolare dal suo attuale tecnico Antonio Conte, che ai tempi dell'Atalanta lo aveva soprannominato San Padoin l'Onesto.[3][4]

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Vicenzamodifica | modifica sorgente

Messosi in luce nella primavera dell'Atalanta, con la quale conquista una Coppa Italia Primavera, nell'estate del 2003 passa al Vicenza senza aver mai esordito in prima squadra.

A Vicenza arriva con la formula della compartecipazione insieme al compagno Rantier, nell'ambito del trasferimento di Antonino Bernardini e Michele Marcolini alla squadra bergamasca.

Alla sua prima esperienza in un campionato di Serie B, colleziona 23 presenze ed un gol, confermandosi elemento prezioso ed affidabile. Nella successiva stagione, dopo un inizio incerto, risulta uno dei giocatori più utilizzati e duttili (33 presenze), venendo a più riprese impiegato da mister Viscidi nel ruolo di terzino. Anche nella stagione successiva ha confermato tutta la sua duttilità, giocando 35 partite, con un gol, e venendo impiegato a centrocampo, sulla fascia e come terzino. Anche all'inizio della stagione 2006-2007 viene impiegato inizialmente da terzino, ma dopo l'esonero di Camolese e l'avvento di Gregucci viene riportato a centrocampo, dove le sue ottime prestazioni, 37 presenze e 4 gol, gli valgono l'interesse da parte di grossi club italiani.

Atalantamodifica | modifica sorgente

Padoin con la maglia dell'Atalanta nel 2010

Nell'estate del 2007 torna all'Atalanta in comproprietà. Il 5 gennaio 2008, le buone prestazioni fornite nella prima parte di stagione convincono la società a riscattare completamente il cartellino del giocatore che ritorna ad essere totalmente della squadra bergamasca. Il 16 marzo, segna i suoi primi gol in A (una doppietta) nella gara vinta 4 a 1 contro l'Empoli, per poi ripetersi contro il Livorno, nella terzultima giornata del campionato, con una palombella dopo un gran controllo di tacco. Nella stagione successiva diventa titolare fisso della squadra, impegnato sia come esterno sinistro di centrocampo che come mediano. Realizza una rete contro il Siena alla prima giornata e si ripete contro il Lecce siglando una doppietta. A fine stagione rinnova il contratto che lo lega a Bergamo a all'Atalanta fino al 30 giugno 2013. La stagione 2009-2010 vede Padoin impiegato stabilmente in mezzo al centrocampo insieme a Guarente, risultando essere il giocatore più impiegato nella stagione dei nerazzurri. Nel corso di questa stagione va in rete due volte, entrambe nel girone di ritorno, contro Lazio.[5] e Livorno[6] A fine stagione però la squadra retrocede in Serie B.

Subito dopo la fine della stagione, partecipa ad una tournée di amichevoli negli Stati Uniti con la Juventus.[7]
Nonostante il giocatore abbia molto mercato, la società atalantina riesce a trattenerlo. Il giocatore ripaga la fiducia sin dall'inizio, segnando il primo gol della stagione nella partita di Coppa Italia contro il Foligno del 14 agosto.[8] In campionato, il gol arriva all'ottava giornata, siglando la rete del momentaneo vantaggio nella partita contro il Torino. La partita finirà 2 a 1 per gli orobici.[9] In campo Padoin dimostra tutta la sua duttilità, dimostrando di essere una pedina insostituibile nello scacchiere nerazzurro. Nell'ultima giornata del girone di andata si procura una lesione al menisco che lo farà rimanere lontano dal campo per una quarantina di giorni.[10] Ripreso dall'infortunio, ritorna ad essere una pedina insostituibile del centrocampo orobico, andando anche a segno nell'incontro casalingo contro il Novara.[11] Conclude la stagione con 35 presenze (34 in campionato e una in Coppa Italia) condite da tre reti e con la vittoria del campionato cadetto.

Juventusmodifica | modifica sorgente

Il 31 gennaio 2012 viene acquistato a titolo definitivo dalla Juventus per 5 milioni di euro, firmando un contratto quinquennale.[12] Esordisce con la maglia bianconera l'8 febbraio 2012 durante la gara di Coppa Italia contro il Milan, nella quale dà il via all'azione che porterà al primo gol di Cáceres. Segna il suo primo gol con la nuova squadra il 17 marzo 2012 nella partita contro la Fiorentina terminata 0-5 in favore dei bianconeri. Il 6 maggio 2012 conquista lo scudetto con la maglia bianconera con una giornata d'anticipo, nella partita giocata contro il Cagliari e vinta 2 a 0 sul campo neutro di Trieste, grazie anche alla contemporanea vittoria dell'Inter contro il Milan per 4 a 2.[13][14][15]

La stagione 2012-2013 inizia con la vittoria della Supercoppa italiana a Pechino, match che vede la Juventus battere per 4-2 il Napoli dopo i tempi supplementari.[16][17][18] Il 12 febbraio 2013 fa il suo esordio in Champions League nella trasferta vittoriosa di Glasgow contro il Celtic (0-3), subentrando a Federico Peluso, anch'egli esordiente.[19] Il 5 maggio seguente, grazie al successo interno per 1-0 ai danni del Palermo, conquista – con tre giornate d'anticipo – il secondo campionato consecutivo.[20]

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Disputa la prima partita con la casacca azzurra dell'Under-19 il 2 settembre 2002 nella partita persa contro la Turchia. Con questa selezione disputa nove partite e vince l'Europeo di categoria disputato in Liechtenstein.

L'avventura in azzurro continua con la Nazionale Under-20 dove saranno sei le presenze, suggellate da un gol.

Fa il suo esordio nella Under 21 il 15 agosto del 2006, ed è parte della spedizione italiana all'Europeo Under-21 del 2007.

Statistichemodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Statistiche aggiornate al 7 aprile 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2003-2004 Italia Vicenza B 23 1 CI 1 0 - - - - - - 24 1
2004-2005 B 31 0 CI 3 0 - - - - - - 34 0
2005-2006 B 35 1 CI 0 0 - - - - - - 35 1
2006-2007 B 37 4 CI 1 0 - - - - - - 38 4
Totale Vicenza 126 6 5 0 - - - - 131 6
2007-2008 Italia Atalanta A 31 3 CI 1 1 - - - - - - 32 4
2008-2009 A 36 3 CI 1 0 - - - - - - 37 3
2009-2010 A 36 2 CI 1 0 - - - - - - 37 2
2010-2011 B 34 2 CI 1 1 - - - - - - 35 3
2011-gen. 2012 A 19 0 CI 1 0 - - - - - - 20 0
Totale Atalanta 156 10 5 2 - - - - 161 12
gen.-giu. 2012 Italia Juventus A 6 1 CI 1 0 - - - - - - 7 1
2012-2013 A 20 0 CI 2 0 UCL 3 0 SI 1 0 26 0
2013-2014 A 18 0 CI 1 0 UCL+UEL 1+2 0+0 SI 0 0 21 0
Totale Juventus 43 1 4 0 6 0 1 0 54 1
Totale carriera 325 17 14 2 6 0 1 0 346 19

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Simone Padoin, juventus.com. URL consultato l'11 marzo 2012.
  2. ^ UDINESE - Padoin: non ho esultato per rispetto, ora forza Udinese, Il Friuli, 4 settembre 2012. URL consultato il 5 settembre 2012.
  3. ^ La scheda: Simone Padoin, Canalejuve.it. URL consultato il 15 agosto 2013.
  4. ^ Simone Padoin, Transfermarkt.it. URL consultato il 15 agosto 2013.
  5. ^ L'Atalanta batte tre colpi sulla via della salvezza, atalanta.it
  6. ^ L'Atalanta che vogliamo:travolto il Livorno, atalanta.it
  7. ^ Sconfitta la Juve d'America A New York k.o. per 3-1 in La Gazzetta dello Sport, 23 maggio 2010. URL consultato il 23 maggio 2010.
  8. ^ Atalanta-Foligno 3-1, atalanta.it
  9. ^ Atalanta-Torino 2-1, atalanta.it
  10. ^ Padoin operato al menisco, bergamonews.it
  11. ^ Atalanta-Novara 1-1, Atalanta.it
  12. ^ Comunicato Stampa, juventus.com
  13. ^ Juve Campione d'Italia, 2-0 al Cagliari. Milan ko, tuttosport.com, 6 maggio 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  14. ^ Vucinic e autogol, delirio Juve Per i bianconeri è il 28º scudetto, La Gazzetta dello Sport, 6 maggio 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  15. ^ LA JUVENTUS È CAMPIONE D'ITALIA, sportmediaset.it, 6 maggio 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  16. ^ La Supercoppa è della Juve, Napoli ko 4-2 tra le polemiche, sky.it, 11 agosto 2012. URL consultato il 14 agosto 2012.
  17. ^ Supercoppa, la Juve travolge il Napoli. E gli azzurri disertano la premiazione, lastampa.it, 11 agosto 2012. URL consultato il 14 agosto 2012.
  18. ^ Supercoppa alla Juve, Napoli battuto 4-2 in Ansa.it, 11 agosto 2012. URL consultato l'11 agosto 2012.
  19. ^ Fotonotizia: Peluso e Padoin, esordio in Champions! in Tuttoatalanta.com, 12 febbraio 2012. URL consultato il 14 febbraio 2012.
  20. ^ Riccardo Pratesi, Juventus, scudetto bis: 1-0 sul Palermo. Conte sale ancora sul tetto della Serie A in La Gazzetta dello Sport, 5 maggio 2013. URL consultato il 6 maggio 2013.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License