Simplicio (filosofo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Simplicio (Cilicia, 490 circa – 560 circa) è stato un filosofo e matematico bizantino.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Allievo di Ammonio di Ermia ad Alessandria d'Egitto, fu poi attivo nella Scuola neoplatonica di Atene. Dopo la chiusura di questa scuola, ordinata dall'imperatore bizantino Giustiniano I (527-565) nel 529, fu uno dei sette neoplatonici che emigrarono in Persia, a Carre, dove frequentò Damascio, conosciuto, forse, già in precedenza ad Atene. In quest'ultima città tornò a stabilirsi definitivamente nel 533.

Di lui restano i commenti alla Fisica, alle Categorie, al De coelo e al De anima di Aristotele e quello al Manuale di Epitteto; sono perduti i commenti alla Metafisica e alle Meteore di Aristotele e al primo libro degli Elementi di Euclide.

Tra i maggiori esponenti del tardo neoplatonismo eclettico, cercò di conciliare Platone e Aristotele, identificando il non-essere di Platone con la materia di Aristotele; di quest'ultimo accettò la teoria dell'intelletto agente separato dagli individui, mentre la sua etica è di derivazione stoica.

A lui e a Sesto Empirico si deve gran parte della conservazione del Poema sulla natura di Parmenide.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Simplicius, sa vie, son oeuvre, sa survie. Actes du Colloque international de Paris (28 septembre - 1er octobre 1985) / organisé par le Centre de recherche sur les oeuvres et la pensée de Simplicius ‪(‬RCP 739-CNRS‪)‬ ; édités par Ilsetraut Hadot, Berlin & New York, Walter de Gruyter, 1987
  • F. Cioffi-G. Luppi-A. Vigorelli-E. Zanette Il testo filosofico 1, Trento, 2000.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 71399875 LCCN: n82102480








Creative Commons License