Sini (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sini
comune
Sini – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Oristano-Stemma.png Oristano
Sindaco Biagio Atzori (lista civica) dal 31-5-2010
Territorio
Coordinate 39°45′00″N 8°54′00″E / 39.75°N 8.9°E39.75; 8.9 (Sini)Coordinate: 39°45′00″N 8°54′00″E / 39.75°N 8.9°E39.75; 8.9 (Sini)
Altitudine 255 m s.l.m.
Superficie 8,73 km²
Abitanti 523[1] (31-12-2010)
Densità 59,91 ab./km²
Comuni confinanti Baradili, Genoni (NU), Genuri (VS), Gonnosnò
Altre informazioni
Cod. postale 09090
Prefisso 0783
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 095060
Cod. catastale I749
Targa OR
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti sinesi
Patrono santa Chiara
Giorno festivo 12 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Sini
Posizione del comune di Sini all'interno della provincia di Oristano
Posizione del comune di Sini all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Sini è un comune italiano di 528 abitanti della Provincia di Oristano in Sardegna, nella regione storica della Marmilla.

È conosciuta in tutta la Sardegna per la sagra de su pani saba che si svolge il 25 aprile, giorno in cui il paese festeggia San Giorgio.

Societàmodifica | modifica sorgente

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[2]

Monumenti e luoghi di interessemodifica | modifica sorgente

Nel territorio di Sini sono presenti sette nuraghi:

  • Nuraghe Bruncu Suergiu, sulla Giara, al confine col territorio di Genoni. Nei pressi del complesso nuragico emergono i resti di un insediamento punico-romano.
  • Nuraghe Bruncu su Sensu
  • Nuraghe Buccascala
  • Nuraghe Perdosu
  • Nuraghe Scala'e Brebeis
  • Nuraghe Sedda
  • Nuraghe Siorus

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente


Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna







Creative Commons License