Siria (provincia romana)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Siria Salutare)
Siria
Mappa di localizzazione
Syria SPQR.png
La provincia romana (in rosso cremisi) al tempo dell'imperatore Traiano
Informazioni generali
Nome ufficiale (LA) Syria
Capoluogo Antiochia (l'odierna Antakya)
400.000/600.000[1] abitanti (I secolo d.C.)
Dipendente da Repubblica romana, Impero romano, Impero bizantino
Amministrazione
Forma amministrativa Provincia romana
Governatori Governatori romani della Siria
Evoluzione storica
Inizio 64 a.C. con Marco Emilio Scauro
Fine VII secolo
Preceduto da Succeduto da
Seleucidi

La Siria era una provincia romana, corrispondente grosso modo all'attuale Siria. La capitale provinciale era Antiochia.

Statutomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Province romane, Oriente (diocesi) e Governatori romani della Siria.

La provincia venne istituita già nel 64 a.C. da Gneo Pompeo Magno dopo la deposizione dell'ultimo sovrano seleucide, Antioco XIII, nel corso della terza guerra mitridatica. Ottaviano ricostituì nel 27 a.C. la provincia, con capitale ad Antiochia e classificata come provincia imperiale. Vi erano stanziate quattro legioni ed era governata da un legato di rango proconsolare, mentre le finanze furono affidate ad un procuratore di rango ducenario. Da Settimio Severo divisa in Siria Celesiria (Syria Coele) e Siria Fenice (Syria Phoenice). Con la riforma tetrarchica le due province della Celesiria e della Siria Fenice entrarono a far parte della diocesi di Oriente, nella Prefettura del pretorio d'Oriente. Sotto Teodosio I la Celesiria fu ulteriormente suddivisa nelle province di "Siria" (Syria), "Siria Salutare" (Syria Salutaris) e Siria Eufratense (Syria Euphratensis), mentre la Siria Fenicia in quelle di Fenicia (Phoenice) e Fenicia Libanese (Phoenicia Libanesia): tutte e cinque le nuove province rimasero nella diocesi di Oriente, quest'ultima ancora compresa nella prefettura al pretorio per l'Oriente. La nuova provincia era governata da un questore propretore (quaestor propraetore), il primo dei quali fu Marco Emilio Scauro.

EVOLUZIONE DELLE PROVINCE ORIENTALI-MERIDIONALI (FUTURA DIOCESI ORIENTIS)
prima della conquista romana
regno di Siria (Seleucidi)
regno di Commagene
(vassall. regno d'Armenia)
Palmira
(città indipendente)
regno di Giudea (Asmonei)
regno dei Nabatei
dal 64/63 a.C.
prov. di Siria
regno di Commagene
(vassall. regno d'Armenia)
Palmira
(città indipendente)
regno di Giudea
("cliente" di Roma)
regno dei Nabatei
dal 37 a.C.
Siria
regno di Commagene
(vassall. Parti)
Palmira
(città indipendente)
regno di Giudea
("cliente" di Roma)
regno dei Nabatei
dal 24 a.C.
Siria
regno di Commagene
("cliente" di Roma)
Palmira
("cliente" di Roma)
regno di Giudea
("cliente" di Roma)
prov. di Arabia Petrea (?)
dal 6 d.C.
Siria
regno di Commagene
("cliente" di Roma)
Palmira
("cliente" di Roma)
prov. di Giudea
regno dei Nabatei
("cliente" di Roma)
dal 19 d.C.
Siria
(annessa Palmira)
regno di Commagene
("cliente" di Roma)
Palmira
(annessa a Siria)
Giudea
regno dei Nabatei
("cliente" di Roma)
dal 72
Siria
(annessa Commagene)
Giudea e Palestina
regno dei Nabatei
("cliente" di Roma)
dal 105/106
Siria
Giudea e Palestina
prov. di Arabia Petrea
dal 193/198
Syria Phoenice
Syria Coele
Syria Palaestina
Arabia Petrea
al momento della divisione tetrarchica 293
Syria Phoenice
Siria Coele
Augusta Euphratensis
Syria Palestina
Palaestina Salutaris
Arabia
al momento della Not. Dign. 400
Phoenice
Phoenice Libanensis
Syria Salutaris
Syria
Augusta Euphratensis
Palestina I
Palestina II
Palaestina Salutaris
Arabia

Storiamodifica | modifica sorgente

Tardo periodo repubblicanomodifica | modifica sorgente

Busto di Gneo Pompeo Magno, che fece della Siria una provincia romana.

Al termine della terza guerra mitridatica, fu costituita da Gneo Pompeo Magno la nuova provincia di Siria. Si racconta che Gneo Pompeo Magno, dopo essere avanzato da nord,[2] raggiunse i territori della Cilicia che non erano ancora sotto il dominio romano e li occupò (64 a.C.).[3] Frattanto il suo legatus Afranio aveva sottomesso gli Arabi della zona di Amanus.[4] L'obbiettivo strategico generale era quello di raggiungere il Mar Rosso, occupando sulla strada tutti i territori compresi tra questo mare e quello d'Ircania.[5] La stessa cosa fece con i territori della vicina Siria fino all'Eufrate (compresa la Coele, la Phoenicia, la Palestina, l'Idumea e l'Iturea), non solo non attribuendoli ad Antioco XIII (figlio di Antioco X), ma organizzandoli in provincia romana (nel 63 a.C.).[4][6] E non che ciò fosse dovuto a qualche comportamento sbagliato di Antioco, ma semplicemente poiché, avendo battuto Tigrane, che a suo tempo aveva sottratto questi territori ai Seleucidi, ora appartenevano alla Repubblica romana.[3]

Della Giudea ne fece uno regno cliente o protettorato romano. Ricostruì Gadara, che era stata distrutta dai Giudei.[7] Proclamò libere dai Giudei, le città di Ippo, Scitopoli, Pella, Samaria, Iamnia, Marisa, Azoto, Aretusa, Gaza, Ioppe, Dora e Torre di Stratone,[8] per poi aggregarle alla nuova provincia di Siria, a cui diede come governatore Emilio Scauro con due legioni.[9]

I territori che entrarono a far parte della nuova provincia, già fortemente ellenizzati, comprendevano sia la Siria vera e propria a nord, dominio seleucide, sia la Celesiria a sud, già da lungo tempo dominio dell'Egitto tolemaico. Il potere regio era inoltre stato limitato dalle autonomie cittadine, sia per le antiche poleis greche, sia per le nuove città di fondazione regia, e dei santuari più importanti, ed esistevano numerosi piccoli stati di fatto indipendenti, che in buona parte si mantennero tali, pur sotto il protettorato romano (Giudea, Commagene, Emesa, Nabatei).

Negli anni successivi, in seguito alla disfatta di Carre nel 53 a.C., la provincia subì diverse invasioni da parte dei Parti. Dopo l'uccisione di Cesare fu governatore Publio Cornelio Dolabella, che assediato a Laodicea da Cassio nel 43 a.C. si suicidò, mentre la città veniva saccheggiata.

Con il secondo triumvirato rientrò nella sfera di influenza di Marco Antonio, che affidò la Celesiria ai sovrani dell'Egitto, Cleopatra e Cesarione, mentre nella Siria settentrionale stabilì un regno per il figlio Tolomeo Filadelfo, avuto dalla stessa Cleopatra, mentre il regno di Giudea venne assegnato a Erode Antipatro e quindi a Erode il Grande dopo la battaglia di Azio nel 31 a.C.

Da Augusto ai Severi (30 a.C. - 235 d.C.)modifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Politica orientale augustea, guerre romano-partiche e guerre giudaiche.

La presenza di Augusto in Oriente subito dopo la battaglia di Azio, nel 30-29 a.C. poi dal 22 al 19 a.C., oltre a quella di Agrippa fra il 23-21 a.C. e ancora tra il 16-13 a.C., dimostrava l'importanza di questo settore strategico. Fu necessario raggiungere un modus vivendi con la Partia, l'unica potenza in grado di creare problemi a Roma lungo i confini orientali. Di fatto entrambi gli imperi avevano più da perdere da una sconfitta, di quanto potessero realisticamente sperare di guadagnare da una vittoria. E così la Partia accettò di fatto che ad ovest dell'Eufrate Roma organizzasse gli stati a suo piacimento:[10] Augusto inglobò così alcuni stati vassalli, trasformandoli in province romane (come la Giudea di Erode Archelao nel 6, dopo che vi erano stati dei primi disordini nel 4 a.C. alla morte di Erode il Grande) e rafforzò vecchie alleanze con re locali, divenuti ora "re clienti di Roma" (come accadde per i sovrani di Emesa, Iturea,[11] Commagene, Cilicia e Nabatea).[12] È possibile che a protezione dei questo settore di confine, siano state poste tre legioni in Siria: la IV Scythica a Cyrrhus (Khoros), la III Gallica ad Antiochia e la XII Fulminata a Raphaneae (Châma).

I maggiori torbidi furono legati alle guerre giudaiche, che comportarono la distruzione di Gerusalemme nel 70 e la diaspora degli Ebrei. Al termine della prima guerra giudaica degli anni 66-74, portata a termine dal figlio del nuovo Imperatore Vespasiano, Tito, fu lasciata per la prima volta nell'area giudea una legione, la X Fretensis a Gerusalemme, mentre con l'annessione della Commagene, altre due legioni furono trasferite lungo il fiume Eufrate in Cappadocia (la XII Fulminata e la XVI Flavia Firma).

Vent'anni di guerre giudaiche (dal 115 al 135) portarono inevitabilmente ad insediare in tutta l'area giudea forti contingenti militari, per scongiurarne nuove ed eventuali. La seconda aveva costretto lo stesso Traiano, nel pieno della sua campagna militare contro i Parti a rivedere i piani di annessione delle nuove province d'oltre Eufrate, quali l'Armenia, l'Assiria e la Mesopotamia da parte del suo successore, Adriano. La terza, a riorganizzare l'intera area.

Il forte peso della forza militare stanziata nella provincia dava un grande potere al governatore che ne era a capo e rese possibili ribellioni al potere imperiale (come quella di Avidio Cassio nel 175 contro Marco Aurelio). Nel 193 Pescennio Nigro, governatore della Siria, si oppose a Settimio Severo, eletto dalle legioni della Pannonia: la Siria venne quindi divisa nelle due nuove province di Celesiria (Syria Coele) e Siria Fenice (Syria Phoenice).

Crisi del III secolomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Anarchia militare e Imperatori illirici.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi campagne mesopotamiche di Ardashir I e Campagne siriano-mesopotamiche di Sapore I.

A partire dal 230, le armate sasanidi avanzarono nella Mesopotamia romana ponendo sotto assedio molte guarnigioni romane lungo l'Eufrate,[13] cercando inoltre, senza riuscirvi, di conquistare Nisibis (importante centro del commercio con l'Oriente e la Cina), e forse invadendo le province romane di Siria e Cappadocia.[14][15][16] Vi è da aggiungere che, in seguito a questa prima invasione sasanide, furono lasciati presso Hatra alcuni distaccamenti dell'esercito romano (della legio I Parthica e della Cohors IX Maurorum Gordiana).[17][18]

Pochi anni più tardi una nuova invasione colpì sia la Mesopotamia, sia la stessa Siria, arrivando forse ad assediare ed occupare la stessa Antiochia nel 240,[19] come sembra suggerire anche il fatto che la sua zecca smise di battere moneta nel 240 e 241.[20]

Invasioni barbariche di Goti, Borani, Carpi, contemporanee a quelle dei Sasanidi di Sapore I, degli anni 252-256, durante il regno di Valeriano e Gallieno.

In questo periodo furono eletti dalle legioni siriane diversi usurpatori (Iotapiano, nel 248-249 contro Filippo l'Arabo, Uranio Antonino, nel 253-254 contro Treboniano Gallo), proprio dopo che Sapore I era succeduto al padre Ardashir I. Sapore I, durante il regno di Treboniano Gallo (251-253),[21] scatenò una nuova offensiva contro le province orientali dell'impero romano. Le truppe persiane sfondarono il limes ed occuparono numerose città della provincia di Mesopotamia[22] (compresa la stessa Nisibis[23][24]), per poi si spingersi ad ovest dell'Eufrate, in Cappadocia,[24] Licaonia[24] e Siria, dove batterono l'esercito romano accorrente a Barbalissos. Il successo in battaglia portò le armate sasanidi ad impossessarsi della stessa Antiochia,[25][26][27][28] dove ne distrussero numerosi edifici, razziarono un ingente bottino e trascinarono con loro numerosi prigionieri (253).[29][30][31] Nel 256[32] una nuova invasione di Sapore I, sottraeva importanti roccaforti limitanee al dominio romano in Siria,[33] come Dura Europos, che fu distrutta definitivamente insieme all'intera guarnigione romana: si trattava di una vexillatio della legio IIII Scythica[34] oltre alla cohors XX Palmyrenorum sagittariorum equitata.[35]. Durante l'ultima invasione di Sapore I furono, inoltre, assediate Edessa e Carrhae tanto che il Cesare Valeriano fu obbligato a marciare contro le armate sasanidi, senza ottenere il successo sperato.[36]

Nel corso di questi anni, più volte gli imperatori romani furono, quindi, costretti ad intervenire per cacciare il nemico persiano dai territori romani di Siria, Cappadocia e Mesopotamia. Il primo fu Alessandro Severo, poi fu la volta di Gordiano III, ed infine Valeriano.[37] Quest'ultimo però fu sconfitto in battaglia, catturato dal re Sapore I e costretto a trascorrere gli ultimi anni di vita, in prigionia, aprendo così le porte ad una nuova e devastante invasione dei territori siriaci, che culminarono con una nuova occupazione della metropolis di Antiochia (nel 260).[38]

Dopo la sconfitta di Valeriano nella battaglia di Edessa (260) e la rivolta dei Macriani contro i figlio di questi, Gallieno, occupato in occidente, la situazione venne salvata dal dinasta di Palmira, Settimio Odenato, che sconfisse i Persiani e debellò la rivolta, ottenendone in cambio il titolo di corrector totius Orientis. Palmira divenne uno stato indipendente, che proseguì anche dopo la morte di Odenato con la regina Zenobia, reggente in nome del figlio Vaballato, fino alla sua sconfitta nel 274 ad opera di Aureliano.

Protezione della frontiera siriana: la Strata Diocletiana (298-300 ca.)modifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi campagne sasanidi di Galerio e Strata Diocletiana.

Al termine delle campagne sasanidi di Galerio del 293-298, fu costruita una nuova linea di fortificazioni: la strata Diocletiana. Si trattava di una via militaris, lungo il cosiddetto tratto di limes arabicus, e quindi comprendente forti, fortini e torri di avvistamento, e che rimase in uso fino al VI secolo.

La strada era munita di una lunga serie di fortificazioni, costruite tutte allo stesso modo: si trattava di castra rettangolari con mura molto spesse e con torri sporgenti verso l'esterno. Erano situate normalmente ad un giorno di marcia (ca. 20 miglia romane) le une dalle altre. Il percorso cominciava presso l'Eufrate a Sura, lungo il confine prospiciente il nemico sasanide, e continuava verso sud-ovest, passando prima per Palmira e poi per Damasco e congiungendosi, quindi, con la Via Traiana Nova. Vi era poi una diramazione che si spingeva ad est dell'Hauran, per Imtan, fino all'oasi di Qasr Azraq. Si trattava in sostanza di un sistema continuo di fortificazioni che dall'Eufrate collegava il Mar Rosso presso Aila.

Difesa ed esercitomodifica | modifica sorgente

Limes della Siria romana
Localizzazione
Stato attuale Siria Siria
Informazioni generali
Tipo strada militare romana affiancata da fortezze legionarie, forti e fortini, burgi, ecc.
Utilizzatore Impero romano
Inizio fiume Eufrate
Fine Arabia e Giudea
Funzione strategica a protezione della provincia romana della Siria
Inizio costruzione Gneo Pompeo Magno
Termine costruzione VII secolo
Condizione attuale numerosi resti antichi rinvenuti in varie località.

vedi bibliografia sotto

voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Esercito romano e limes orientale.

Legioni romanemodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Legione romana.

Con la formazione della nuova provincia (nel 63 a.C.), furono lasciate a guardia della stessa, sotto il comando di un governatore, due legioni.[9] Poco prima della morte di Cesare c'erano ben sette legioni in Siria (e tre in Egitto, tra cui la XXVII[39], la XXXVI[40] e la XXXVII[40][41]) in vista dell'imminente campagna contro i Parti.[42] Marco Antonio ottenne per sé la provincia di Macedonia e le legioni che Cesare vi aveva ammassato per la spedizione contro i Parti, mentre per un suo valido collaboratore, Publio Cornelio Dolabella, la provincia di Siria e le sue armate.[43][44]

Sappiamo che all'epoca dell'imperatore Augusto, poco dopo la fine della rivolta dalmato-pannonica del 6-9 e poco prima della disfatta di Teutoburgo, c'erano 28 legioni lungo i confini imperiali romani, tre delle quali erano in Siria, così come è evidenziato qui sotto nella tabella riassuntiva sulla loro dislocazione:[45]

N. fortezze legionarie
Augusto 30aC - 6dC 55%CS jpg.JPG
unità legionaria località antica località moderna provincia romana
1
Legio IV Scythica Cyrrhus Khoros Siria
2
legio III Gallica Antiochia Antakya Siria
3
Legio XII Fulminata Raphaneae Châma Siria

Lo storico Tacito racconta che nel 23, le forze legionarie erano stanziate nelle province, a salvaguardia dei confini imperiali e per reprimere eventuali rivolte interne: quattro legioni erano stanziate tra la Siria ed il fiume Eufrate.[46]

Dopo la disfatta di Varo e la distruzione di tre intere legioni nel 9 (la legio XVII, XVIII e XIX), rimasero, durante tutto il principato di Tiberio solo 25 legioni. E se 8 nuove legioni furono create nel periodo compreso tra Caligola e la guerra civile del 68-69, 4 furono poi "sciolte", per cui sotto Vespasiano vi erano 29 legioni complessive: solo una in più, rispetto all'iniziale numero voluto da Augusto (di 28). Questa la situazione di come appariva la loro distribuzione dopo la morte dell'imperatore Nerone: c'erano 30/31 legioni attorno al 68, cinque delle quali in Siria:

N. fortezze legionarie unità legionaria località antica località moderna provincia romana
1
Legio V Macedonica Antiochia Antakya Siria
2
Legio IV Scythica Cyrrhus o Zeugma? Khoros o Belkis? Siria
3
Legio VI Ferrata Apamea Qalat al Madiq Siria
4
Legio X Fretensis Laodicea Latakia Siria
5
Legio XII Fulminata Raphaneae Siria

Alla morte di Alessandro Severo c'erano 34 legioni in tutto l'Impero, cinque delle quali ancora in Siria, così come è evidenziato qui sotto nella tabella riassuntiva sulla loro dislocazione (nel 235):

N. fortezze legionarie unità legionaria località antica località moderna provincia romana
1
Legio IV Scythica Zeugma Belkis Syria Coele
2
Legio XVI Flavia Firma Sura Sura Syria Coele
3
Legio III Gallica Danaba Mehin Syria Phoenicia
4
Legio X Fretensis Aelia Capitolina Jerusalem Syria Palaestina
5
Legio VI Ferrata Caparcotna Kfar Otnay Syria Palaestina

Con la crisi del III secolo che vide più volte i Sasanidi vittoriosi e "sfondare" il limes orientale romano, come accadde nel 252, quando occuparono la stessa Antiochia,[47][48] e la provincia di Mesopotamia romana.[49] Negli anni successivi le incursioni persiane continuarono,[50] fino al 260, sottraendo importanti roccaforti al dominio romano anche in Siria,[33] tra cui Carre, Nisibi (252), Doura Europos (256).[51] Poi ci fu la disfatta di Valeriano presso Edessa, nell'aprile-maggio del 260, che mise in ginocchio le armate romane orientali.[52] In Oriente fu, poco dopo, il Regno di Palmira a subentrare a Roma nel governo delle province dell'Asia minore, di Siria ed Egitto, difendendole dagli attacchi dei Persiani, prima con Odenato (260-267), nominato da Gallieno "Corrector Orientis", e poi con la sua vedova secessionista, Zenobia (267-271). Fu solo grazie alla ripresa dell'iniziativa in Oriente di Aureliano che l'intero limes del settore orientale fu potenziato, e con esso la stessa Siria (ben 7 legioni), come evidenziato qui sotto:

N. fortezze legionarie unità legionaria località antica località moderna provincia romana
1
Legio IV Scythica Zeugma Belkis Syria Coele
2
Legio XVI Flavia Firma Sura Sura Syria Coele
3
Legio III Gallica Danaba Mehin Syria Phoenicia
4
Legio I Illyricorum Palmira Tadmor Syria Phoenicia
5
Legio X Fretensis Aelia Capitolina Jerusalem Syria Palaestina
6
Legio VI Ferrata Caparcotna Kfar Otnay Syria Palaestina
7
Legio V Martia[53]  ?  ? Syria Palaestina?[53]

Auxiliamodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Truppe ausiliarie dell'esercito romano.

Vi erano poi numerose unità ausiliarie a difesa dei confini e delle principali strade che conducevano all'interno della provincia romana, per un totale di oltre 30.000 armati a partire dai principati di Domiziano-Traiano. Sappiamo da tutta una serie di iscrizioni epigrafiche che nella provincia c'erano:

nel 89 (sotto Domiziano)
3 alae di cavalleria e 17 cohortes di fanteria (o miste),[54] i cui nomi erano:
  • per le ali ricordiamo: II Pannoniorum, III Augusta Thracum veterana Gallica e I Flavia civium Romanorum;
  • per le coorti, ricordiamo: I milliaria, I Lucensium, I Ascalonitanorum, I Sebastena, I Ituraeorum, I Numidarum, II Italica civium Romanorum, II Thracum civium Romanorum, II classica, III Augusta Thracum, III Thracum Syriaca, IIII Bracaraugustanorum, IIII Syriaca, IIII Callaecorum, Lucensium, Augusta Pannoniorum e Musulamiorum.
nel 129 (sotto Adriano)
2 alae di cavalleria e 11 cohortes di fanteria (o miste),[55] i cui nomi erano:
  • per le ali ricordiamo: Augusta Xoitana e I Flavia Agrippiana;
  • per le coorti, ricordiamo: I Ascalonitanorum sagittaria, I Ulpia Dacorum, I Ulpia sagittaria civium Romanorum, I Ulpia Petreorum sagittaria, II Classica, II Gemina Ligurum et Corsorum, II Ulpia equitum sagittaria civium Romanorum, II Italica civium Romanorum, III Thracum Syriaca sagittaria, IIII Callaecorum Lucensium e V Ulpia Petreorum sagittaria.
nel 138 (sotto Adriano)
3 alae di cavalleria e 12 cohortes di fanteria (o miste),[56] i cui nomi erano:
  • per le ali ricordiamo: Gallorum et Thracum Constantia, Antiana Gallorum et Thracum sagittaria e VII Phrygum;
  • per le coorti, ricordiamo: V Gemella, I Thracum milliaria, I Sebastenorum milliaria, I Damascenorum Armeniacum sagittaria, I Montanorum, I Flavia civium Romanorum, II Ulpia Galatarum, III Callaceorum, IV Callaceorum, IV Bracaraugustanorum, IV Ulpia Petreorum e VI Ulpia Petreorum.
nel 160 (sotto Antonino Pio)
3 alae di cavalleria e 12 cohortes di fanteria (o miste),[57] i cui nomi erano:
  • per le ali ricordiamo: Gallorum et Thracum Constantia, Antiana Gallorum et Thracum sagittaria e VII Phrygum;
  • per le coorti, ricordiamo: V Gemella, I Thracum milliaria, I Sebastenorum milliaria, I Damascenorum Armeniacum sagittaria, I Montanorum, I Ulpia Galatarum, II Ulpia Galatarum, III Callaceorum, IV Callaceorum, IV Bracaraugustanorum, IV Ulpia Petreorum e VI Ulpia Petreorum.
nel 186 (sotto Commodo)
2 alae di cavalleria e 7 cohortes di fanteria (o miste),[58] i cui nomi erano:
  • per le ali ricordiamo: Antiana Gallorum e Thracum et Antiana;
  • per le coorti, ricordiamo: VII Gemella civium Romanorum, I Thracum milliaria, I Sebastena milliaria, I Damascenorum, I Ulpia Galatarum, II Ulpia Galatarum e IIII Bracaraugustanorum.

Classis Syriacamodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Classis Syriaca.

Detta anche Classis Syriaca Seleucena, la Classis Syriaca[59] fu istituita nel 63 a.C. da Gneo Pompeo Magno per debellare i pirati della Cilicia che rendevano insicure per i commerci le acque orientali del Mediterraneo e del mare Egeo; diventò operativa come flotta stabile sotto l'imperatore Vespasiano nel 70. Di stanza a Seleucia Pieriae (o Seleucia di Pieria, l'attuale Samandag in Siria).

Fortezze, forti e fortini lungo/oltre il limes siriacomodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Elenco delle fortezze legionarie romane e Strata Diocletiana.

L'esercito legionario della Siria (Exercitus Syriae) utilizzò nei secoli i seguenti castra legionari:

Geografia economica e politicamodifica | modifica sorgente

Panorama di Palmira all'alba.

La Siria era una provincia prospera, la cui economia si basava su diversi prodotti dell'agricoltura (olio di oliva e di sesamo, cotone, lino, spezie, legname) dell'allevamento e di alcune rinomate attività industriali (tintura di porpora, vetri, papiro). Particolarmente importante era il commercio, rappresentando la via obbligata tra i porti del mar Mediterraneo e le vie carovaniere verso l'Oriente (Dura Europos e Palmira) e l'Arabia (Petra e Gerasa).

Maggiori centri provincialimodifica | modifica sorgente

La romanizzazione non intaccò la cultura greca locale, commista da elementi semitici indigeni. Poche furono le nuove colonie (l'attuale Beyrut, con il nome di Colonia Iulia Augusta Felix Berytus, Baalbeck, come Colonia Augusta Iulia Felix Heliopolis, sotto Augusto, Tolemaide sotto Claudio, Aelia Capitolina sul sito di Gerusalemme sotto Adriano).

Principali vie di comunicazionemodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Via Traiana Nova e Strata Diocletiana.

La Via Traiana Nova fu costruita dall'imperatore Traiano tra il 111 ed il 114. Era chiamata così, per distinguerla dalla Via Traiana in Italia. Essa collegava Aelana sul Mar Rosso con la fortezza legionaria di Bostra, distante 267 miglia romane. Il suo proseguimento naturale fu dalla fine del III secolo, la Strata Diocletiana, che congiungeva Bostra con il fiume Eufrate.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Giuseppe Flavio, Guerra giudaica, III, 2.4.
  2. ^ Plutarco, Vita di Pompeo, 39.1.
  3. ^ a b Appiano di Alessandria, Guerre mitridatiche, 106.
  4. ^ a b Plutarco, Vita di Pompeo, 39.2.
  5. ^ Plutarco, Vita di Pompeo, 38.2-3.
  6. ^ Cassio Dione Cocceiano, Storia romana, XXXVII, 7a.
  7. ^ Flavio Giuseppe, Guerra giudaica, I, 7.7.155.
  8. ^ Flavio Giuseppe, Guerra giudaica, I, 7.7.156.
  9. ^ a b Flavio Giuseppe, Guerra giudaica, I, 7.7.157.
  10. ^ D. Kennedy, L'Oriente, in Il mondo di Roma imperiale: la formazione, a cura di J. Wacher, Bari 1989, p. 305.
  11. ^ Giuseppe Flavio, Antichità giudaiche XV, 10.
  12. ^ D. Kennedy, L'Oriente, in Il mondo di Roma imperiale: la formazione, a cura di J. Wacher, Bari 1989, p. 306.
  13. ^ Erodiano, Storia dell'impero dopo Marco Aurelio , VI, 2.3-5.
  14. ^ Zonara, L'epitome delle storie, XII, 15.
  15. ^ Giorgio Sincello, Selezione di cronografia, 437, 15-25 (pp. 673, 17-674).
  16. ^ Erodiano, Storia dell'impero dopo Marco Aurelio , VI, 2.1.
  17. ^ A. Maricq, Les dernières années d'Hatra: l'alliance romaine, in Syria 34 (1957), p. 288; AE 1958, 238 databile al 5 giugno del 235; AE 1958, 239; AE 1958, 240.
  18. ^ F. Millar, The Roman near East (31 BC - AD 337), Cambridge Massachusetts & London 1993, p. 129.
  19. ^ Historia Augusta, Gordiani tres, 26, 5-6.
  20. ^ Pat Southern, The Roman Empire: from Severus to Constantine, p. 70.
  21. ^ Zonara, L'epitome delle storie, XII, 21.
  22. ^ Eutropio, op. cit., 9, 8.
  23. ^ Tabari, Storia dei profeti e dei re, pp. 31-32 dell'edizione tedesca di Theodor Nöldeke (del 1879).
  24. ^ a b c Eutychius (Sa'id ibn Batriq o semplicemente Bitriq), Annales, 109-110.
  25. ^ Ammiano Marcellino, Storie, XX, 11.11; XXIII, 5.3.
  26. ^ Grant, op. cit., p. 226.
  27. ^ Historia Augusta, Triginta tyranni, 2.
  28. ^ Giovanni Malalas, Cronografia, XII.
  29. ^ Oracoli sibillini, XIII, 125-130.
  30. ^ Libanio, Oratio XV, 16; XXIV, 38; LX, 2-3.
  31. ^ Res Gestae Divi Saporis, righe 11-19.
  32. ^ Rémondon, op. cit., p. 75.
  33. ^ a b Eutropio, Breviarium ab urbe condita, 9, 8.
  34. ^ AE 1929, 181; AE 1931, 113.
  35. ^ AE 1923, 23.
  36. ^ Res Gestae Divi Saporis, righe 19-20.
  37. ^ John Drinkwater, Maximinus to Diolcetian, in The Cambridge Ancient History: The Crisis of Empire, A.D. 193-337, p. 42.
  38. ^ Grant, op. cit., p. 231.
  39. ^ L. Keppie, The making of the roman army, from Republic to Empire, Oklahoma 1998, p. 200.
  40. ^ a b L. Keppie, The making of the roman army, from Republic to Empire, Oklahoma 1998, p. 201.
  41. ^ L. Keppie, The making of the roman army, from Republic to Empire, Oklahoma 1998, p. 112.
  42. ^ L. Keppie, The making of the roman army, from Republic to Empire, Oklahoma 1998, p. 113.
  43. ^ H. Parker, Roman legions, p. 70.
  44. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita libri, Epitome CXXII.
  45. ^ J. R. González, Historia de las legiones Romanas, pp.695; G.Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. II - Da Augusto ai Severi, Rimini 2008, p. 15.
  46. ^ Tacito, Annales, IV, 5.
  47. ^ Zosimo, Storia nuova, I.27.2 e I, 28.1-2; Grant, p. 220-221.
  48. ^ Mazzarino, p. 526.
  49. ^ Eutropio, Breviarium ab urbe condita, 9, 8.
  50. ^ Rémondon, p. 75.
  51. ^ Grant, p. 226.
  52. ^ Eutropio, Breviarium ab urbe condita, IX.7; Grant (p. 227) suggerisce che Valeriano abbia chiesto "asilo politico" al re persiano Sapore I, per sottrarsi ad una possibile congiura, in quanto nelle file dell'esercito romano che stava assediando Edessa, serpeggiavano evidenti segni di ammutinamento.
  53. ^ a b Historia Augusta, Divus Claudius, 14.2.
  54. ^ AE 1939, 126.
  55. ^ Chiron-36-241.
  56. ^ AE 2005, 1730.
  57. ^ Michmanim-2011-7.
  58. ^ AE 1976, 690.
  59. ^ CIL III, 421; AE 1987, 827; AE 2002, 1746.
  60. ^ AE 1939, 233.
  61. ^ CIL III, 434.
  62. ^ Tacito, Annales, II.57.
  63. ^ a b c D.B. Campbell, p. 15.
  64. ^ AE 1908, 272, CIL III, 14393, AE 1993, 1583.
  65. ^ a b c D.B. Campbell, p. 30.
  66. ^ AE 2003, 1789, AE 2003, 1791a-g.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • F.A. Arborio, L'impero persiano. Da Ciro il grande alla conquista araba, Milano 1980.
  • G.Brizzi, Storia di Roma. 1.Dalle origini ad Azio, Bologna 1997.
  • M.H.Crawford, Origini e sviluppi del sistema provinciale romano, in Storia Einaudi dei Greci e dei Romani, Ediz. de Il Sole 24 ORE, Milano, 2008 (vol. 14°).
  • J. Drinkwater, Maximinus to Diolcetian, in The Cambridge Ancient History: The Crisis of Empire, A.D. 193-337.
    • E. Horst, Costantino il grande, Milano 1987.
  • E. Iorwerth & Stephen Edwards, The Cambridge Ancient History - XII The Crisis of Empire, Campbridge University Press, 2005, ISBN 0-521-30199-8.
  • D. Kennedy, L'Oriente, in Il mondo di Roma imperiale: la formazione, a cura di J. Wacher, Bari 1989.
  • Y. Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma 2008.
  • A.Maricq, Les dernières années d'Hatra: l'alliance romaine, in Syria 34 (1957).
  • F.Millar, The Roman near East (31 BC - AD 337), Cambridge Massachusetts & London 1993.
  • André Piganiol, Le conquiste dei Romani, Milano 1989.
  • J.Rodríguez González, Historia de las legiones romanas, Madrid 2003.
  • H.H. Scullard, Storia del mondo romano.
  • P. Southern, The Roman Empire: from Severus to Constantine.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License