Slayer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Slayer
Gli Slayer al The Fields of Rock festival nel 2007. Da sinistra: Jeff Hanneman, Tom Araya, Kerry King e (dietro) Dave Lombardo.
Gli Slayer al The Fields of Rock festival nel 2007. Da sinistra: Jeff Hanneman, Tom Araya, Kerry King e (dietro) Dave Lombardo.
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Thrash metal[1][2][3]
Speed metal[1][4]
Periodo di attività 1981in attività
Etichetta Metal Blade
Def Jam
American
Album pubblicati 14
Studio 11
Live 2
Raccolte 1
Sito web
Slayer wordmark.svg
(EN)
« Their downtuned rhythms, infectious guitar licks, graphically violent lyrics and grisly artwork set the standard for dozens of emerging thrash bands, and Slayer's music was directly responsible for the rise of death metal. »
(IT)
« I loro ritmi oscuri, i loro riff cattivi, i loro testi violenti e le loro tetre copertine hanno formato gli standard per dozzine di gruppi thrash metal emergenti e la musica degli Slayer è direttamente responsabile della nascita del death metal. »
(Commento di MTV sugli Slayer[5])

Gli Slayer sono un gruppo thrash metal, formatosi a Los Angeles nel 1981, noto per il contenuto dei testi, che toccano argomenti riguardanti satanismo, nazismo, guerra, violenza, morte e serial killer.[6][7][8] Dall'inizio della loro carriera, sono sempre stati al centro delle polemiche, ricevendo una moltitudine di critiche per presunte idolatrie naziste e sataniste e il gruppo è stato anche citato in vari episodi di cronaca nera, cosa che ha scatenato numerosi dibattiti sull'impatto della loro musica sui giovani.[6][7][8]

Sono ritenuti tra i principali sviluppatori del loro genere, insieme a Metallica, Megadeth ed Anthrax.[2]

Tratti distintivi della loro musica sono assoli veloci e caotici, rapidi groove batteristici, tremolo picking e doppia cassa martellante, peculiarità che hanno reso gli Slayer uno dei più importanti gruppi per lo sviluppo del metal estremo e il loro terzo album, Reign in Blood, è stato una profonda influenza per il death metal.[9][10] A differenza della maggioranza dei gruppi thrash della loro era che negli anni intrapresero nuovi percorsi musicali, gli Slayer conservano tuttora il loro tipico stile, nonostante il cambio generazionale e l'arrivo di nuove forme musicali.[11] Si stima che abbiano venduto circa 20 milioni di album in tutto il mondo finora.

Storia del gruppomodifica | modifica sorgente

Gli inizi (1981-1982)modifica | modifica sorgente

Gli Slayer durante il Reading Festival del 2006

Il gruppo si è formato nel 1981 ad Huntington Park, un sobborgo sudorientale di Los Angeles, ad opera dei chitarristi Kerry King e Jeff Hanneman. L'incontro tra i due fu fortuito. King, per caso, lo sentì suonare con alcuni suoi amici. Dopo essersi conosciuti, i due chitarristi, assieme al batterista di Hanneman, provarono alcuni pezzi dei Judas Priest e degli Iron Maiden.[12] Dopo un po' , King gli chiese di fondare assieme una band e Hanneman gli diede una risposta positiva.[12] Così King conobbe il suo futuro collega. Hanneman era anche un grande ammiratore dell'hardcore punk e i suoi gusti musicali contribuirono a formare lo stile del quartetto californiano.[13]

Successivamente, King contattò il bassista Tom Araya, con il quale aveva già suonato in un gruppo chiamato "Quits". L'ultimo arrivato fu Dave Lombardo, ex batterista di Escape e Sabotage (questi ultimi solamente omonimi al gruppo metal italiano), che conobbe King mentre lavorava come fattorino per consegna pizze.[14] Completata la formazione, il ruolo di cantante venne affidato a Tom Araya (che divenne così bassista e cantante della band).

Inoltre, girano voci che Slayer sia l'acronimo di "Satan Laughs As You Eternally Rot" (Satana ride mentre tu marcisci eternamente).senza fonte Araya smentì che il nome della band derivasse da ciò, sostenendo che esso venne scelto per un semplice motivo, perché "straordinario e facile da cantare". Successivamente, iniziarono ad esibirsi in vari locali nel sud della California, suonando, principalmente, cover heavy metal di Judas Priest, Iron Maiden e altri gruppi della NWOBHM.[15]

Show No Mercy (1983)modifica | modifica sorgente

Jeff Hanneman

Nel mese di maggio del 1983, gli Slayer composero il loro primo demo, il quale conteneva i brani Fight 'Til Death, Black Magic e The Antichrist; in seguito, inseriti nel loro disco d'esordio. Il 27 agosto 1983, il gruppo aprì uno show dei Bitch in un locale di Los Angeles chiamato "Woodstock" e, mentre stava suonando Phantom of the Opera degli Iron Maiden, venne notato da Brian Slagel,[16] titolare di una casa discografica appena nata denominata Metal Blade Records. Slagel ammirò con stupore la loro esibizione e, al suo termine, si recò nel backstage per invitare la band ad incidere un brano per la raccolta pubblicata dalla sua label chiamata Metal Massacre vol. III, dove comparirono altri gruppi come Virgin Steele e Warlord. La band compose per l'album della Metal Blade il brano Aggressive Perfector.

Dopo aver firmato un contratto con la Metal Blade, gli Slayer pubblicarono sul mercato, nel dicembre del 1983, il loro debutto discografico: Show No Mercy, fortemente influenzato, a detta di Tom Araya, da Venom, Judas Priest, Iron Maiden e Mercyful Fate.[17]

I testi trattano argomenti di satanismo, con il Demonio che gioca un ruolo da protagonista nella maggioranza dei brani. Altro tema esposto è quello della seconda guerra mondiale con riferimenti al nazismo, in particolare nel brano The Final Command, il quale fece trasparire il sospetto che gli Slayer seguano dottrine nazionalsocialiste, che li accompagnerà per tutta la loro carriera. La produzione del disco fu finanziata da Tom Araya e dal padre di Kerry King ed esso, assieme a Kill 'Em All dei Metallica, segnò la nascita del thrash metal.[18]

Hell Awaits (1984-1985)modifica | modifica sorgente

Tom Araya

Tramite Slagel, il quartetto intraprese il tour promozionale del disco, noleggiando un Van e usando anche, per problemi di spazio, la Chevrolet Camaro di Araya. I primi concerti degli Slayer furono caratterizzati da un'iconografia prettamente satanista ed anche un make-up horrorifico[1] che però fu abbandonato ben presto dalla band. Il tour, tuttavia, presentò vari problemi; gli Slayer vennero ben accolti, ma furono costretti a pernottare, in certe serate, a casa di alcuni spettatori per problemi di denaro. Oltre a questo inconveniente, al ritorno la band dovette subire la lamentela del suo produttore in quanto tutti i soldi che gli doveva non furono dati, perché i quattro li spesero in cibo e alcolici.

Completata la tournée, Kerry King, nel 1984, ricevette un'offerta da Dave Mustaine, ex chitarrista solista dei Metallica, per suonare negli esordienti Megadeth. King decise di accettare e ciò portò un malcontento nell'organico, temendo che egli sarebbe entrato in pianta stabile nel gruppo di Mustaine. King, invece, non abbandonò gli Slayer e la sua esperienza nei Megadeth durò molto poco, in quanto suonò con il gruppo solamente in cinque concerti e se ne andò a causa di divergenze personali con Mustaine e per concentrarsi solamente sugli Slayer.[19] Nello stesso anno venne pubblicato un disco dal vivo chiamato Live Undead e Haunting the Chapel, un EP contenente tre brani poi anche inserito come allegato alla versione rimasterizzata di Live Undead. In entrambe le produzioni, si iniziò a notare un ulteriore irrobustimento nel loro sound, con le chitarre abbassate di tonalità e con l'adozione della doppia cassa, che in Show No Mercy non c'era. Questo anche grazie all'apporto di Gene Hoglan, a quel tempo roadie della band, che insegnò a Lombardo l'uso delle due cassesenza fonte.

Nel 1985, uscì il secondo album in studio, Hell Awaits, un disco che segnò un rilevante cambiamento stilistico del gruppo. La produzione è più pulita ed il suono diviene ancor più veloce e possente. Se Haunting the Chapel iniziò a distaccarsi dalle influenze della NWOBHM contenute in Show No Mercy, Hell Awaits delineò lo stile per cui gli Slayer sono noti al giorno d'oggi, uno stile che sarà da esempio per varie formazioni estreme venute dopo.[20] Nello stesso anno, la band partecipò al Combat Tour assieme a Venom ed Exodus, suonando varie date nel Nord America. Da alcune performance di questa tournée venne estratta la videocassetta The Ultimate Revenge, attualmente fuori catalogo. Durante una data di questo tour, Hanneman e Lombardo si trovavano dietro l'autobus dei Venom con Cronos e ad un tratto si presentò Araya totalmente ubriaco che chiese a loro dove si trovava il bagno. Cronos gli rispose "Qui, qui nella mia bocca!" ed il cantante degli Slayer urinò in testa al leader dei Venom, il quale gli scagliò un pugno in faccia. Dopo questo aneddoto, Araya fece il resto del tour con un occhio viola.[21]

Reign in Blood (1986-1987)modifica | modifica sorgente

L'imponente "muro Marshall" degli Slayer

Dopo Hell Awaits, gli Slayer decisero di cambiare casa discografica. Rick Rubin della Def Jam Recordings, seguiva la loro musica anche se, fino a quel momento, la sua etichetta si occupò solo di artisti hip hop come LL Cool J e Beastie Boys. Dave Lombardo, venuto a conoscenza del suo interesse, entrò in contatto con lui grazie all'ausilio del fotografo Glen E. Friedman. Incontratisi durante una riunione tenuta da Slagel, gli Slayer e Rubin stipularono un contratto ed il gruppo entrò a far parte della sua label, in quel momento alla prima esperienza con un gruppo heavy metal.

Il 1986 vede l'uscita del terzo album in studio, Reign in Blood, il primo prodotto con l'ausilio di Rubin, uno dei più grandi dischi della storia del thrash metal.[10][22] Con questo album, il sound degli Slayer divenne ancor più duro ed essenziale, scarno. A differenza di lavori come Master of Puppets dei Metallica e Peace Sells...But Who's Buying dei Megadeth, entrambi dischi più tecnici e melodici, Reign in Blood si distinse per la sua velocità esecutiva e per la sua brutalità sonora. La rivista Kerrang! lo definì "l'album più pesante di tutti i tempi".[23] Alla sua uscita, il gruppo ricevette una moltitudine di accuse da parte dei media, perlopiù di simpatie naziste; parte della causa è Angel of Death,[22] oggetto di forti controversie ancora oggi e Reign in Blood, a causa dei suoi contenuti scabrosi, trovò difficoltà ad essere pubblicato, a causa anche della cattiva pubblicità fatta dalla Parents Music Resource Center di Tipper Gore.

Nonostante le critiche, l'importanza di Reign in Blood fu tale da essere tra i dischi che hanno dato vita al death metal,[11] ma anche da influenzare molti gruppi thrash e black metal venuti dopo.[24] L'album contiene classici come la già menzionata Angel of Death, Altar of Sacrifice, Criminally Insane e le conclusive Postmortem e Raining Blood, entrambe immancabili in ogni concerto della formazione californiana. Dopo aver intrapreso il tour del disco (Reign in Pain) con gli Overkill negli Stati Uniti d'America e con i Malice in Europa, Dave Lombardo esce dal gruppo per dedicare più tempo a sua moglie.[25] Gli Slayer chiamarono immediatamente Tony Scaglione, preso in prestito dai Whiplash, che partecipò ad un'altra tournée con i W.A.S.P..[25] Finito il tour, Scaglione tornò nei Whiplash per dare spazio al ritorno di Lombardo, il quale venne convinto da sua moglie a tornare negli Slayer.

South of Heaven, Season in the Abyss e l'addio di Dave Lombardo (1988-1992)modifica | modifica sorgente

Kerry King

Nel 1988, venne pubblicato il quarto album, South of Heaven. Esso segnò un altro cambiamento: vennero rallentate le ritmiche e venne dato anche un piccolo spazio alla melodia, mantenendo però il sound sempre incisivo.[26] La composizione dei brani (dal punto di vista lirico) vide un'importante partecipazione di Araya. Il disco ebbe un buon riscontro, sebbene inferiore a Reign in Blood. Nello stesso anno, la band preparò il World Sacrifice Tour assieme ai Nuclear Assault, suonò poi con i W.A.S.P. e partecipò come band di supporto nel tour di Ram It Down dei Judas Priest.

Nel 1990 uscì Seasons in the Abyss per la nuova etichetta di Rubin, la Def American, che successivamente cambiò definitivamente nome in American Recordings. L'album divenne un grande successo nel suo genere ed il singolo War Ensemble divenne un punto fisso di Headbangers Ball, programma statunitense dedicato all'heavy metal, trasmesso da MTV in quel periodo.[22]

Con questo lavoro, gli Slayer confermarono la formula adottata da South of Heaven, brani con ritmiche sia veloci che più lente e un piccolo spazio per la melodia.[27]

Anche se vennero accennate già in Hell Awaits, la musica degli Slayer fu arricchita da tematiche sui serial killer (Dead Skin Mask è un esempio), di cui se ne occupò principalmente Araya. Nello stesso anno il gruppo partì per il Clash of the Titans, tour mondiale in compagnia di Anthrax, Megadeth e Alice in Chains in Nord America e con Megadeth, Suicidal Tendencies e Testament in Europa. Le performance degli Slayer furono documentate nel doppio live Decade of Aggression (1991).[28]

Terminato il tour, nella band ritornarono i problemi. Mentre tra Araya, King e Hanneman si creò un ottimo rapporto di amicizia e di cooperazione, Lombardo sembrò non essersi integrato bene con i suoi colleghi, riprendendo forti discussioni con loro. Fu così che Lombardo uscì di nuovo dal gruppo, a causa di discussioni con gli altri membri contrari alla presenza di sua moglie nelle tournée.[29]

La partenza di Lombardo riportò il gruppo in uno stato di precarietà e i membri rimanenti si misero alla ricerca di un sostituto. Tramite il batterista John Tempesta, Paul Bostaph, già membro di Testament e Forbidden, ebbe modo di conoscere il guitar tech di King il quale lo presentò a quest'ultimo.[30]

Dopo un'audizione, gli Slayer lo ritennero il batterista adatto al loro sound e venne assoldato come sostituto di Lombardo. Bostaph aveva uno stile diverso da quello del suo predecessore; mentre il batterismo di Lombardo era più semplice e diretto, quello del suo sostituto era più tecnico e variegato.

Gli Slayer con Paul Bostaph (1992-1995)modifica | modifica sorgente

Gli Slayer all'Heineken Jammin' Festival 2007

La band, con il nuovo arrivato, si preparò per l'edizione del Monsters of Rock del 1992 al Circuito di Donington Park, Inghilterra. A questa manifestazione parteciparono gli Slayer con Iron Maiden, W.A.S.P., Skid Row, Thunder e altre formazioni. Terminata l'attività dal vivo, la formazione si recò in studio per la registrazione del brano Disorder, suonato in compagnia del rapper Ice-T, per la colonna sonora del film Judgement Night. Il pezzo è un medley di tre brani degli Exploited: War, UK '82 e Disorder tratti dall'album Troops of Tomorrow.

A distanza di quattro anni dall'ultimo disco in studio, uscì Divine Intervention (1994), un album molto feroce, decisamente più aggressivo del precedente Seasons in the Abyss,[11] in cui il batterismo di Bostaph ebbe una grande influenza.[11] L'album ricevette critiche positive e fu certificato disco d'oro.[31] Con Divine Intervention, uscito quando il thrash era ormai decaduto e generi come grunge e alternative rock erano il nuovo target dei discografici in quegli anni, gli Slayer non si distanziarono dal loro stile originario, contrariamente agli altri epigoni Metallica, Megadeth e Anthrax.[11]

Subito dopo l'uscita del disco, la band parte per il Divine Intourvention, assieme a Machine Head e Biohazard. L'attività dal vivo del gruppo continuò anche con la partecipazione ad altre due edizioni del Monsters of Rock; nel 1994 allo Stadio monumentale Antonio Vespucio Liberti di Buenos Aires (Argentina) con gruppi come KISS, Black Sabbath, Manowar e nel 1995 di nuovo al Circuito di Donington Park con Metallica, White Zombie, Corrosion of Conformity e altri.

Innovazioni stilistiche (1996-2000)modifica | modifica sorgente

Nel 1996 la band incise un disco di cover hardcore punk chiamato Undisputed Attitude, contenente anche tre brani inediti, due dei quali scritti da Hanneman a metà anni ottanta. La scelta di fare un disco del genere fu contestata da molti fans e le vendite non furono buone.[22][32] Terminata l'incisione in studio, Paul Bostaph decise di dedicarsi ai "The Truth About Seafood", un suo progetto che ebbe vita breve dato che non arrivò mai alla pubblicazione di un album, e venne reclutato Jon Dette proveniente dai Testament.

Gli Slayer con Dette si imbarcarono per l'Ozzfest del 1996, partecipando come attrazione principale ed essendo secondi solo all'organizzatore Ozzy Osbourne. Appena tornati, Dette decise di andarsene, forse a causa dei vari scontri verbali con Arayasenza fonte, e il ruolo di batterista torna a tormentare la stabilità dell'organico. In questo periodo si vociferò, addirittura, che gli Slayer si sarebbero sciolti ma tutto ciò venne smentito immediatamente.[33]

Dietro i tamburi tornò Bostaph, pronto per la composizione e l'incisione del nuovo lavoro, Diabolus in Musica nel 1998. Questo album vide una rilevante trasformazione stilistica: i brani divennero più lenti e oscuri, vennero sperimentate sonorità groove metal[22] e delle ritmiche thrash, che li avevano contraddistinti fino a quel momento, rimase qualche traccia.[34] Nonostante alcuni abbiano definito il disco creativo e aggressivo come in passato,[22] esso venne contrastato da molti fans della vecchia guardia. Nello stesso anno, il quartetto partecipa per la seconda volta consecutiva all'Ozzfest assieme a Pantera, KoЯn, Fear Factory e gli headliners Black Sabbath e Ozzy Osbourne.

Il ritorno di Lombardo (2001-2005)modifica | modifica sorgente

Dave Lombardo con gli Slayer nel 2009

Dopo questo esperimento criticato, fu distribuito sul mercato God Hates Us All nel 2001, disco nel quale il gruppo decise di abbandonare la nuova formula adottata e di riprendere le vecchie sonorità, anche se rimasero parvenze di sonorità groove.[35] L'album convinse certi fans delusi da Diabolus in Musica, ma per altri non fu così. Dopo la pubblicazione del lavoro, gli Slayer parteciparono al Tattoo The Planet Festival assieme a Pantera, Static-X e Biohazard, spettacolo che però venne rimandato a causa degli attentati terroristici alle torri gemelle di New York. Proprio in concomitanza di questa tragedia, l'11 settembre 2001 venne pubblicato il loro nono album in studio God Hates Us All.

Nel dicembre 2001, Bostaph lasciò, improvvisamente, gli Slayer, durante il tour di God Hates Us All, probabilmente per problemi fisici ad un ginocchio. Dopo l'uscita di Bostaph, Lombardo venne chiamato temporaneamente dalla band per concludere il tour. Al termine di esso, Bostaph non fece più ritorno nel gruppo e questo avvenimento fece circolare dicerie riguardanti diverbi con i restanti membri degli Slayer. Invece, lo stesso batterista dichiarò di aver preso questa decisione per motivi artistici, interessato a cimentarsi con sonorità diverse.

Con l'addio di Bostaph partirono nuove audizioni. Joe Nunez dei Soulfly fu consigliato al gruppo da Lombardo ma King sostenne che Nunez non volle unirsi alla band perché sua madre non apprezzava le visioni antireligiose espresse nella loro musica. In seguito venne audizionato Kevin Talley (Dying Fetus, DÅÅTH), considerato un batterista talentuoso ma troppo giovane. Adrian Erlandsson dei Cradle of Filth non piaceva al chitarrista degli Slayer, poiché ritenne il suo tocco non sufficientemente pesante per la loro musica. King sostenne che Raymond Herrera dei Fear Factory avrebbe voluto unirsi a loro ma non lo ritenne una scelta adatta, poiché Herrera usa i trigger e il suo stile è prevalentemente basato sulle intricate diteggiature di doppia cassa e poco incentrato sull'uso dei rulli, cosa fondamentale per la musica degli Slayer.[36]

Successivamente si assiste ad un susseguirsi di conferme e smentite di un ritorno fisso di Lombardo negli Slayer e solamente nel 2002 arriva la dichiarazione ufficiale, Lombardo riapprodò stabilmente nel gruppo.[37] La band, tornata con la formazione originaria partecipa a festival come l'Ozzfest ed il Download Festival ed organizzò il The Unholy Alliance, tour intrapreso in Nord America ed Europa, dove gli Slayer vennero accompagnati da Slipknot e Hatebreed. Nel novembre 2003 hanno pubblicato, per celebrare il ventennale della loro carriera, Soundtrack to the Apocalypse.

Christ Illusion e World Painted Blood (2006-2009)modifica | modifica sorgente

Tornato in studio, il quartetto pubblicò nel 2006 Christ Illusion, album atteso impazientemente dai fans per ben 5 anni e immediatamente attaccato dalle comunità ecclesiastiche, per i suoi contenuti anti-religiosi. Le influenze groove metal si affievolirono sempre di più, intensificando la presenza di sonorità e ritmiche thrash che caratterizzarono i loro esordi.[38] Comunque, anche questo disco continuò a dividere i fans del gruppo. Nonostante i pareri discordanti, Christ Illusion si piazzò al quinto posto nella classifica di Billboard,[39] il massimo raggiunto dagli Slayer.[40]

In seguito, il quartetto intraprese il seguito del tour The Unholy Alliance, chiamato The Unholy Alliance II: Preaching To The Perverted, in cui gli Slayer suonarono assieme a Children of Bodom, Lamb of God, Thine Eyes Bleed e In Flames che vennero chiamati in sostituzione dei Mastodon. L'11 febbraio 2007, il gruppo ha vinto un Grammy Award come "Best Metal Performance" grazie al singolo tratto dall'ultimo disco, Eyes of the Insane. Questo pezzo è stato anche incluso nella colonna sonora del film Saw III - L'enigma senza fine.

Nel mese di aprile dello stesso anno, gli Slayer hanno effettuato un tour in Australia con i Mastodon, e sono apparsi al Download Festival in Gran Bretagna e all'Heineken Jammin' Festival a Venezia. Hanno partecipato inoltre al Greenfield Festival in Svizzera e in estate ad una tournée con Marilyn Manson. Assieme a Trivium, Mastodon e Amon Amarth gli Slayer hanno effettuato il tour con date europee The Unholy Alliance: Chapter III, tra ottobre e novembre 2008.

Il 29 ottobre 2009[41] uscì l'undicesimo album della band, World Painted Blood, che ricevette pareri positivi e si piazzò al dodicesimo posto nella classifica di Billboard.[42] Tom Araya, il cantante e bassista della band, ha dichiarato che questo sarà probabilmente l'ultimo disco della loro carriera.[43] Dall'album vennero estratti tre singoli, Psychopathy Red, Hate Worldwide e World Painted Blood.[44]

Nuovo album, la morte di Hanneman e il nuovo addio di Lombardo (2010-oggi)modifica | modifica sorgente

Gary Holt in concerto con gli Slayer nel 2012

L'anno successivo il gruppo, insieme a Metallica, Megadeth e Anthrax, ha suonato per la prima volta nella storia, nel Big Four Tour il 16 giugno al Bemowo Airport in Polonia. La seconda data del tour, tenutasi a Sofia (Bulgaria) il 22 giugno 2010, è stata trasmessa via satellite in diretta mondiale tramite alcuni cinema selezionati.[45] Visto il grandissimo successo ottenuto in queste due occasioni le band decisero di proseguire questa esperienza annunciando quattordici date a partire dal 16 giugno 2010 fino al 14 settembre 2011.

Verso l'inizio del 2011 Jeff Hanneman è stato costretto a non partecipare ai vari tour a cui prese parte il gruppo a causa di un'operazione al braccio che lo ha impossibilitato a suonare la chitarra.[46] Il gruppo decise così di sostituire temporaneamente Hanneman in attesa della sua guarigione, a partire dal 27 febbraio, con il chitarrista degli Exodus Gary Holt.[46]

In una successiva intervista, Dave Lombardo si disse sicuro per un ritorno in studio degli Slayer con un nuovo album, non appena le condizioni di Hanneman sarebbero migliorate; tuttavia, il 21 febbraio 2013, Lombardo annunciò che non avrebbe partecipato ai tour che si terranno in Australia a causa di problemi finanziari legati al tour disputato con il gruppo nell'anno precedente.[47] Il suo posto è stato temporaneamente preso da Jon Dette, già membro temporaneo del gruppo nel 1996, quando l'allora batterista Paul Bostaph abbandonò il gruppo per dedicarsi al side-project The Truth about Seafood.

Il 2 maggio 2013 il gruppo annunciò attraverso la propria pagina Facebook la morte per insufficienza epatica del chitarrista Jeff Hanneman;[48][49] tuttavia, una settimana più tardi, i rimanenti componenti del gruppo affermarono che la causa della morte di Hanneman fu in realtà una cirrosi epatica, che il chitarrista contrasse dopo anni di dipendenza dall'alcool.[50]

Il 31 maggio, Kerry King e Tom Araya annunciarono che Paul Bostaph avrebbe preso il posto di Dette alla batteria per tutti i rimanenti concerti che il gruppo terrà nel corso del 2013, mentre Gary Holt avrebbe mantenuto il suo posto come chitarrista all'interno del gruppo.[51]

Le accusemodifica | modifica sorgente

Uno stemma della Wehrmacht, da certi accostato a quello degli Slayer

Gli Slayer, nel corso della loro attività, sono stati oggetto di accese discussioni per gli argomenti trattati e per il linguaggio utilizzato. Inoltre, è stata sempre posta in discussione la loro immagine, caratterizzata da citazioni e simbologie naziste. Il loro fanclub ufficiale si chiama "Slaytanic Wehrmacht", ove Wehrmacht era il nome dell'esercito nazista dal 1935 fino alla fine della seconda guerra mondiale; inoltre il loro logo raffigura l'Aquila Romana, stemma riscontrabile sugli elmi di questa milizia (usato spesso anche durante il fascismo) e la S di "Slayer" è stata accostata al simbolo delle SS. Altri sospetti che gli Slayer siano seguaci di questa ideologia riguardano il chitarrista Jeff Hanneman, un grande appassionato della seconda guerra mondiale, conosciuto per possedere una vasta collezione di memorabilia nazista. Ad ogni modo, la band si è sempre dichiarata solamente interessata ai contenuti storiografici e non alle sue ideologie.[52] Inoltre il padre di Hanneman fu un soldato delle truppe alleate che partecipò alla battaglia di Normandia contro i nazisti.

Angel of Deathmodifica | modifica sorgente

Il noto brano Angel of Death descrive le sadiche operazioni di Josef Mengele, dottore del campo di sterminio di Auschwitz, che eseguiva atroci esperimenti sugli internati del lager. Questa canzone portò raffiche di contestazioni perché considerata antisemita, le quali vengono specialmente rivolte all'autore del brano, Jeff Hanneman. Questo brano, come tanti altri della band, è tuttora oggetto di dibattito tra il gruppo e le associazioni di censura ed i gruppi religiosi.[15]

Max Cavaleramodifica | modifica sorgente

Dopo la pubblicazione di Divine Intervention, contro di loro prese posizione anche Max Cavalera, allora leader dei Sepultura che, nonostante fosse un grande amico degli Slayer, li additò come una banda di neonazisti, accusandoli di attirare naziskin ai loro concerti per via della loro immagine e della loro musica. Tutto questo suscitò una forte avversione tra i due gruppi, sebbene i rapporti, attualmente, siano tornati alla normalità.[22]

Elyse Marie Pahlermodifica | modifica sorgente

Nel 1996, gli Slayer vennero citati in giudizio con l'accusa di aver spinto alcuni giovani ad uccidere una ragazza. La vittima era Elyse Marie Pahler, un'adolescente di 15 anni, massacrata senza pietà il 22 luglio del 1995. All'epoca, gli assassini Roger Casey, 17 anni, Jacob Delashmutt, 16 anni e Joseph Fiorella, 15 anni suonavano in un gruppo ispirato agli Slayer chiamato "Hatred". I tre confessarono di aver rapito la giovane, di averla drogata, stuprata e pugnalata a morte su un altare satanico, per poi concludere le sevizie con atti di necrofilia. I ragazzi, dopo l'arresto, dissero di essere stati plagiati dalle canzoni degli Slayer come Altar of Sacrifice (Reign in Blood), Kill Again e Necrophiliac (Hell Awaits).[53] Questa tragedia incitò i genitori della vittima a fare causa nei confronti della band californiana e alla loro etichetta discografica. Il processo terminò nel 2001, a 6 anni dall'accaduto, e si concluse con l'assoluzione degli Slayer, motivata dal fatto che la legge americana non può censurare la libertà di espressione musicale. Il giudice, inoltre, non ritenne la loro musica oscena, indecente e lesiva per i minori.

Bestie di Satanamodifica | modifica sorgente

Negli ultimi anni, si è tornato a parlare degli Slayer per un fatto di cronaca avvenuto proprio in Italia. Infatti il 28 maggio 2004, vennero ritrovati due cadaveri in una fossa di un bosco, nei pressi di Somma Lombardo (VA). Erano Fabio Tollis e Chiara Marino, uccisi da alcuni membri di una setta chiamata "Le Bestie di Satana", di cui i due erano parte integrante. Dopo i ritrovamenti, iniziano le indagini che condurranno al gruppo satanico, portando così numerosi arresti. Il brano Kill Again (Hell Awaits)[7] venne imputato per aver incitato Volpe e i suoi adepti ad uccidere i ragazzi. Un altro membro della setta, Davide R., venne trovato impiccato con il filo da bucato nel bosco dietro casa sua. Si presume che egli si sia tolto la vita a causa delle continue minacce di morte che riceveva da parte di Volpe e la sua banda ma altri vociferano che venne influenzato dal brano Richard Hung Himself (Undisputed Attitude) che significa "Richard si è impiccato".

Dopo questa tragedia, Luigi Offeddu e Ferruccio Sansa, rispettivamente giornalisti del Corriere della Sera e de la Repubblica, hanno scritto il libro I ragazzi di Satana, nel quale la formazione californiana viene citata. Dopo questi sanguinari eventi, Jeff Hanneman, in un'intervista di Metal Hammer, rispose a queste accuse considerando ignorante chi ha cercato nella loro musica le cause di questi delitti, sostenendo che un simile gesto potrebbe essere influenzato da numerosi fattori negativi.[8]

Christ Illusionmodifica | modifica sorgente

Altri duri linciaggi vennero rivolti alla band per il loro album Christ Illusion, probabilmente il più chiacchierato della loro carriera. Come già detto, l'album presenta tematiche, perlopiù, anti-religiose, scatenando l'ira dei credenti. La copertina è il primo oggetto di critica (viene raffigurato un Cristo sanguinante e mutilato e le teste degli Apostoli e di Maria in un mare di sangue) e i testi delle canzoni (soprattutto Cult) non sono passati inosservati. Il brano Jihad, che parla degli attentati dell'11 settembre, ma raccontati dalla parte degli estremisti islamici, ha generato rabbia da parte di alcuni parenti delle vittime di quella tragedia. Kerry King ribatte asserendo che Dio e la religione dividono il mondo, fomentando odio e mettendo gli uni contro gli altri.[54] Invece, per quanto riguarda le critiche a Jihad, il chitarrista disse che questo brano non condanna nessuno o non dice chi ha ragione e chi ha torto.[55] Il leader degli Slayer non si dichiara satanista, ma ateo e anti-religioso.[56] In India, dopo le proteste dei gruppi religiosi, sia cristiani che musulmani, l'11 ottobre 2006 la EMI ha ritirato e distrutto tutte le copie in vendita ed è stato proibito il commercio del disco in questa nazione.[57]

Influenza musicale e riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Gli Slayer fanno parte del cosiddetto "The Big Four Of Thrash",[58] nome dato dai media ai quattro maggiori gruppi della scena thrash metal, in cui figurano, oltre a loro, i Metallica, gli Anthrax e i Megadeth. A partire dall'EP Haunting the Chapel del 1984, la band iniziò ad assumere dei connotati musicali propri e diversi dagli altri gruppi appartenenti a questa tetrade, che saranno un modello di ispirazione per il thrash più estremo (Kreator,[59] Dark Angel,[59] Sepultura[60] e Necrodeath[61] sono degli esempi). Reign in Blood, il loro disco più conosciuto, ha rivestito un'enorme importanza per l'origine del death metal (secondo All Music Guide l'album ha influenzato l'intero genere)[10] e fu oggetto di ispirazione per i capofila dell'allora nascente movimento (Death, Obituary e Morbid Angel).[62] Gli Slayer sono citati come influenza da artisti come Death, Obituary,[63] Cannibal Corpse,[64] Entombed,[65] Suffocation,[66] Samoth degli Emperor e dei Zyklon,[67] Fire Trails,[68] Nocturno Culto dei Darkthrone,[69] Mayhem, Behemoth,[69] Stormlord[70] e Enthroned. Il gruppo ha raccolto giudizi anche da parte di vari media del settore:

  • MTV inserì gli Slayer all'11º posto nella classifica dei "10 migliori gruppi metal di tutti i tempi"[5].
  • VH1 classificò la band al 101º posto tra i "100 migliori gruppi hard rock".
  • I nomi di Kerry King e Jeff Hanneman vennero piazzati al 10º posto nella graduatoria dei "100 migliori chitarristi metal di sempre" dalla rivista Guitar World nel 2004.[71]
  • Nel 2007, i lettori della rivista Revolver Magazine hanno giudicato gli Slayer "il gruppo dell'anno" e Christ Illusion "l'album dell'anno".

Kerry King e Jeff Hanneman vennero inseriti al 1º posto come "miglior guitar team" e Dave Lombardo come "miglior batterista". Nel 2006, i lettori di Spin hanno definito gli Slayer "il miglior gruppo dal vivo", superando gruppi come Panic! at the Disco e The Killers.[72]

Ostilitàmodifica | modifica sorgente

Dave Mustainemodifica | modifica sorgente

Dave Mustaine

Nel corso della loro carriera, gli Slayer sono stati protagonisti in diverbi con alcuni personaggi dell'heavy metal. La più famosa inimicizia è quella tra Kerry King e il leader dei Megadeth, Dave Mustaine. Tutto ciò (come già accennato all'inizio) ebbe inizio nel 1984, quando Mustaine convocò King per suonare nei Megadeth come secondo chitarrista. La sua militanza fu brevissima e Kerry lasciò il gruppo perché non sopportava il carattere da lui ritenuto arrogante di Mustaine. La diatriba riprese nel 1990, durante il Clash of the Titans, dato che Mustaine non accettava che gli Slayer fossero gli headliner, insistendo che il suo gruppo non veniva mai dopo.[22] Tra i due finì di mezzo anche Tom Araya, che avrebbe avuto uno scontro fisico con Mustaine dopo che questi avrebbe detto al frontman degli Slayer di succhiargli i genitali (Araya, durante una data del tour, lo definì "omosessuale" davanti al pubblico). Nel 2004, sulla rivista Guitar World Magazine, King rilasciò questa dichiarazione su Mustaine:

« Ho suonato durante i loro primi cinque concerti e se fossi rimasto probabilmente non sarei durato più di un anno, perché Dave Mustaine è un dittatore e ha idee molto più allucinate delle mie. Non avrebbe mai funzionato. Io e Jeff andavamo spesso a vedere i Metallica e ci stupivamo di quanto fosse bravo Mustaine, così mi sentii onorato quando mi chiamò per aiutarlo. Ma dopo cinque concerti, pensai, 'Sono negli Slayer e non si cambia'. Tutto ciò non andò molto bene. »
(Kerry King[19])

Inoltre etichettò il fondatore dei Megadeth "cocksucker" (ciucciacazzi) e "miserable person" (persona miserabile)[73] tuttavia sembra che il diverbio si sia placato.[74]

Machine Headmodifica | modifica sorgente

Robb Flynn

Un altro noto litigio è quello avuto con i Machine Head che vede protagonisti ancora Kerry King e Robb Flynn. La lite iniziò a metà degli anni novanta, durante gli esordi dei Machine Head. Kerry ammirò molto il loro disco d'esordio, Burn My Eyes, e li invitò a partecipare nelle tournée degli Slayer. Col tempo, però, i rapporti si deteriorarono. Flynn disse che King li aveva pesantemente insultati dopo la loro svolta nu metal e non sopportò tale dichiarazione. Dopo l'uscita dell'album dei Machine Head, Supercharger (2001), Flynn dichiarò che King definì lui e la sua band "venduti" e disse anche "Loro sono i responsabili del rap metal", "Si presero gioco di me credendo di essere metal", "Non hanno nessuna coerenza". Il fondatore dei Machine Head, che considerava Kerry un suo idolo, dichiarò questo in una intervista riportata dal sito della Roadrunner Records:

« L'altro giorno, qualcuno mi domandò cosa ne pensavo di Kerry King degli Slayer che continuamente insulta i Machine Head e me. Volete sapere cosa ne penso? Penso che il ragazzo sia un idiota. Penso che il ragazzo sia un culo lardoso. Penso che il ragazzo abbia mangiato così tanti cheesburgers che il suo cervello abbia iniziato a intasarsi e non può più ragionare. Non pensate male, io sono un grande fan degli Slayer, ma non un fan di Kerry. »
(Robb Flynn[75])

Dopo anni di astio, al Metal Hammer Award del 2008, King e Flynn si sono chiariti e hanno messo da parte le ostilità.[76]

Formazionemodifica | modifica sorgente

Attuale
Turnisti
  • Gary Holt – chitarra ritmica e solista (2011-presente)
Ex componenti
Ex turnisti

Timeline della formazionemodifica | modifica sorgente

Discografiamodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia degli Slayer.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c (EN) Slayer in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 31 maggio 2013.
  2. ^ a b Joel McIver, 2000 , op. cit., p. 13.
  3. ^ Riccardo Bertoncelli, op. cit., p. 654.
  4. ^ (EN) Chad Broar, Slayer Profile, Heavymetal.about.com. URL consultato il 19-3-2010.
  5. ^ a b (EN) Slayer, MTV.com. URL consultato il 19-3-2010.
  6. ^ a b Roberto Vanazzi, Il thrash satanico degli Slayer anche nel nuovo album, MusicParade.it, 25 novembre 2009. URL consultato il 31 luglio 2011.
  7. ^ a b c Luigi Offeddu, Satanisti, altri due suicidi e un cd maledetto, Corriere.it, 15 luglio 2004. URL consultato il 20 marzo 2010.
  8. ^ a b c Metal Hammer, Novembre 2004, pag. 10.
  9. ^ Joel McIver, 2000 , op. cit., p. 138.
  10. ^ a b c (EN) Reign in Blood in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 31 maggio 2013.
  11. ^ a b c d e Stephen Thomas Erlewine, op. cit., p. 368.
  12. ^ a b (EN) Brian Davis, Exclusive! Interview With Slayer Guitarist Jeff Hanneman, Knac.com, 26-6-2004. URL consultato il 19-3-2010.
  13. ^ (EN) Charlie Steffens, Gnarly Charlie’s exclusive interview with Slayer Guitarist Jeff Hanneman, Knac.com, 30-5-2006. URL consultato il 19-3-2010.
  14. ^ (EN) Dave Lombardo, Drummerworld.com. URL consultato il 19-3-2010.
  15. ^ a b Joel McIver, 2000 , op. cit., p. 139.
  16. ^ (EN) Eric German, INTERVIEW WITH BRIAN SLAGEL, Metalupdate.com. URL consultato il 19-3-2010.
  17. ^ (EN) Interview: Slayer lyric, Askmen.com. URL consultato il 19-3-2010.
  18. ^ (EN) Show No Mercy in Allmusic, All Media Network.
  19. ^ a b (EN) Slayer's Kerry King: "Dave Mustaine Is A Dictator", Metalunderground.com, 9-6-2004. URL consultato il 19-3-2010.
  20. ^ (EN) Hell Awaits in Allmusic, All Media Network.
  21. ^ (EN) SLAYER Recount VENOM 'Pissing' Incident, Blabbermouth.net, 25 giugno 2006. URL consultato il 19 marzo 2010.
  22. ^ a b c d e f g h Joel McIver, 2000, op. cit., p. 140.
  23. ^ (EN) Kerrang! Hall of Fame: Slayer, Kerrang.typepad.com, 24-8-2006. URL consultato il 20-3-2010.
  24. ^ Luca Signorelli, 2001, op. cit., p. 167.
  25. ^ a b Paolo Piccini, Intervista a Kerry King, Rawandwild.com. URL consultato il 20-3-2010.
  26. ^ (EN) South of Heaven in Allmusic, All Media Network.
  27. ^ (EN) Seasons in the Abyss in Allmusic, All Media Network.
  28. ^ (EN) Decade of Aggression in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 31 maggio 2013.
  29. ^ (EN) Andy Patrizio, Slayer - Christ Illusion, Au.music.ign.com, 14-8-2006. URL consultato il 20-3-2010.
  30. ^ (EN) PAUL BOSTAPH Interview, Metal-rules.com. URL consultato il 20-3-2010.
  31. ^ (EN) Divine Intervention in Allmusic, All Media Network.
  32. ^ (EN) Undisputed Attitude in Allmusic, All Media Network.
  33. ^ (EN) Slayer News, Slaytanic.com. URL consultato il 20-3-2010.
  34. ^ (EN) Diabolus in Musica in Allmusic, All Media Network.
  35. ^ (EN) God Hates Us All in Allmusic, All Media Network.
  36. ^ (EN) Stefany Jones, Slayer's Kerry King Gives The Scoop On Their Current Drummer Status, Knac.com, 12-6-2002. URL consultato il 20-3-2010.
  37. ^ (EN) Original Slayer Drummer Dave Lombardo Returns to Fill in for 2002 God Hates Us All Tour, Findarticles.com, 21-12-2001. URL consultato il 20-3-2010.
  38. ^ (EN) Christ Illusion in Allmusic, All Media Network.
  39. ^ (EN) Slayer - Christ Illusion, Billboard.com. URL consultato il 31-7-2011.
  40. ^ (EN) Slayer - Chart History, Billboard.com. URL consultato il 31-7-2011.
  41. ^ Slayer - World Painted Blood, Metallized.it. URL consultato il 20-3-2010.
  42. ^ (EN) SLAYER: 'World Painted Blood' Debuts At No. 12 On BILLBOARD, Roadrunnerrecords.com, 11-11-2009. URL consultato il 20-3-2010.
  43. ^ (EN) The End Of Slayer?, Ultimate-guitar.com, 8-7-2007. URL consultato il 20-3-2010.
  44. ^ (EN) World Painted Blood in Allmusic, All Media Network.
  45. ^ (EN) Andre Paine, Metallica Heading To Cinemas, Billboard.com, 10-6-2010. URL consultato il 25-6-2010.
  46. ^ a b (EN) SLAYER: Gary Holt sostituirà Jeff Hanneman, Metallized.it, 16 febbraio 2011. URL consultato l'11 luglio 2011.
  47. ^ (EN) Stato di Dave Lombardo su Facebook, Facebook.com, 21 febbraio 2013. URL consultato il 22 febbraio 2013.
  48. ^ (EN) Stato degli Slayer su Facebook, Facebook.com, 2 maggio 2013. URL consultato il 3 maggio 2013.
  49. ^ (EN) Gary Graff, Slayer Guitarist Jeff Hanneman Dead at 49, Billboard.com, 2 maggio 2013. URL consultato il 3 maggio 2013.
  50. ^ (EN) Spencer Kaufman, Slayer’s Jeff Hanneman Died of Alcohol-Related Cirrhosis; Band + Family Planning Memorial Event, Loudwire.com, 9 maggio 2013. URL consultato il 2 giugno 2013.
  51. ^ (EN) SLAYER WELCOMES PAUL BOSTAPH BACK TO THE FOLD, Facebook.com, 31 maggio 2013. URL consultato il 31 maggio 2013.
  52. ^ (EN) Johnson Cummins, Slayer’s Tom Araya on Satanism, serial killers and his lovable kids, Montrealmirror.com. URL consultato il 20-3-2010.
  53. ^ Robert M. O'Neil , op. cit., p. 163.
  54. ^ Rock Hard "Giugno 2006", pag. 19
  55. ^ (EN) Slayer Spark 9/11 Controversy, Contactmusic.com, 26-5-2006. URL consultato il 20-3-2010.
  56. ^ (EN) SLAYER's KERRY KING: 'My Thing Is Rebelling Against Organized Religion', Roadrunnerrecords.com, 4-8-2006. URL consultato il 20-3-2010.
  57. ^ (EN) 'Offensive' album pulled in India', News.bbc.co.uk, 11-10-2006. URL consultato il 20-3-2010.
  58. ^ (EN) Rick Ernst, Get Thrashed: The Story of Thrash Metal, Stylusmagazine.com. URL consultato il 20-3-2010.
  59. ^ a b (EN) Slayer History, Nolifetilmetal.com. URL consultato il 20-3-2010.
  60. ^ (EN) Sepultura in Allmusic, All Media Network.
  61. ^ (EN) Necrodeath : Biography, Necrodeath.net. URL consultato il 20-3-2010.
  62. ^ (EN) Death metal by Metal Hammer, Metalhammer.com. URL consultato il 20-3-2010.
  63. ^ (EN) Steffi Mahsmann, OBITUARY (JOHN TARDY/DONALD TARDY), Musik.terrorverlag.de, 3-8-2005. URL consultato il 20-3-2010.
  64. ^ (EN) Interview with Paul Mazurkiewicz of Cannibal Corpse, Metalunderground.com, 11-12-2006. URL consultato il 20-3-2010.
  65. ^ (EN) Vassilis Avlonitis, Lars Göran Petrov Interview, Metal-invader.com, 3-10-2007. URL consultato il 20-3-2010.
  66. ^ (EN) Suffocation Interview, Metalstorm.ee, 17-11-2005. URL consultato il 20-3-2010.
  67. ^ (EN) Samoth interview, Digitalmetal.com. URL consultato il 20-3-2010.
  68. ^ Intervista a Pino Scotto, Metalinside.it. URL consultato il 20-2-2010.
  69. ^ a b (EN) Darkthrone - Anointing the Spiritually Diseased, Metal-observer.com. URL consultato il 20-3-2010.
  70. ^ (EN) Interview with Francesco Bucci, Bass Player for Stormlord, Metal-rules.com, 26-1-2001. URL consultato il 20-3-2010.
  71. ^ (EN) GUITAR WORLD's 100 Greatest Heavy Metal Guitarists Of All Time, Roadrunnerrecords.com, 23-1-2004. URL consultato il 20-3-2010.
  72. ^ (EN) The Fans Have Spoken: SLAYER Comes Out On Top In Readers' Polls, Roadrunnerrecords.com, 1-3-2007. URL consultato il 20-3-2010.
  73. ^ (EN) SLAYER's KERRY KING Says DAVE MUSTAINE Is 'A Cocksucker', Roadrunnerrecords.com, 12-2-2005. URL consultato il 20-3-2010.
  74. ^  Megadeth & Slayer. YouTube. URL consultato in data 6 gennaio 2013.
  75. ^ (EN) MACHINE HEAD's FLYNN: 'I'm Disappointed In SLAYER's KERRY KING', Roadrunnerrecords.com, 9-3-2003. URL consultato il 19-3-2010.
  76. ^ (EN) Robb Flynn Diary, Machinehead1.com. URL consultato il 19-3-2010.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Enciclopediemodifica | modifica sorgente

  • Luca Signorelli, Heavy metal: i Classici, Giunti Editore, 2007. ISBN 978-88-09-05383-0.
  • (EN) Peter Buckley, Jonathan Buckley, The Rough Guide to Rock, Rough Guides, 2003. ISBN 1-84353-105-4.
  • Federico Guglielmi, Cesare Rizzi, Grande Enciclopedia Rock, Firenze, Giunti editore, 2002. ISBN 88-09-02852-X.
  • Stephen Thomas Erlewine, Chris Woodstra, Vladimir Bogdanov, All Music Guide: The Experts Guide to the Best Recordings, Backbeat Books, 2001. ISBN 0-87930-627-0.
  • (EN) Robert M. O'Neil, The First Amendment and Civil Liability, Indiana University Press, 2001. ISBN 0-253-34033-0.
  • Luca Signorelli, Metallus. Il libro dell'Heavy Metal, Giunti Editore, 2001. ISBN 88-09-02230-0.
  • Joel McIver, Metal estremo, Edizioni Lo Vecchio, 2000. ISBN 88-7333-005-3.
  • Luca Signorelli, Heavy Metal, i Moderni, Giunti Editore, 2000. ISBN 88-09-01697-1.
  • Deena Weinstein, Heavy metal: the music and its culture, Da Capo Press, 2000. ISBN 978-0-306-80970-5.
  • Martin C. Strong, The great rock discography, Giunti Editore, 1998. ISBN 88-09-21522-2.
  • (EN) Robert Walser, Running with the Devil: power, gender, and madness in heavy metal music, Wesleyan University Press, 1993. ISBN 978-0-8195-6260-9.
  • Riccardo Bertoncelli, Enciclopedia rock anni ottanta, Arcana, 1989. ISBN 88-85859-34-8.

Testi monograficimodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal
Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 5 marzo 2007 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Archivio  ·  Voci in vetrina in altre lingue   ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki








Creative Commons License