Società Max Planck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo ufficiale della Società Max Planck.
L'edificio amministrativo principale di Monaco.

La Società Max Planck è un ente pubblico tedesco di ricerca scientifica, fondato dai governi federali e di stato della Germania. Spesso viene indicato utilizzando l'acronimo MPG, dal tedesco "Max-Planck-Gesellschaft zur Förderung der Wissenschaften", in italiano Società Max Planck per l'avanzamento delle scienze.

La società ha assunto fama mondiale nel campo della ricerca scientifica e tecnologica. La sua organizzazione consiste di oltre 100 tra strutture e scuole di ricerca, ampiamente diffuse nel territorio tedesco e in qualche caso presenti anche in altre nazioni europee, tra cui l'Italia. L'attività di ricerca spazia dalle scienze naturali alle scienze sociali e umanistiche. In relazione al lavoro svolto, ogni singolo istituto assume una denominazione specifica: ad esempio, il Max-Planck-Institut für Mathematik di Bonn si occupa di ricerca matematica. In Italia sono presenti la Bibliotheca Hertziana - Istituto Max Planck per la storia dell'arte a Roma e l'Istituto di Storia dell'Arte - Kunsthistorisches Institut a Firenze.

Gli Istituti Max Planck, pur collaborando strettamente con le università, lavorano autonomamente e tendono a focalizzarsi sulla ricerca innovativa che a causa del proprio carattere interdisciplinare o della necessità di particolari risorse non può essere affrontata dalle università statali. Sono stati molti gli scienziati MPG divenuti premi Nobel.

L'organizzazione interna degli Istituti Max Planck consta in dipartimenti di ricerca con a capo direttori diversi, similmente alla situazione di un professore ordinario capo-dipartimento all'università. La Società Max Planck è, dal punto di vista legale, un'organizzazione simile a una associazione; ogni direttore, in qualità di membro scientifico, ha eguale diritto di voto. I fondi economici derivano principalmente dalle istituzioni federali e statali, ma anche da compensi legati a ricerche e licenze oltre che da donazioni.

La Società Max Planck fu fondata a Gottinga da Otto Hahn nel 1948 succedendo alla Società Kaiser Wilhelm fondata nel 1911. È stata così denominata in onore dello scienziato Max Planck, morto un anno prima. Il logo ufficiale della Società riporta l'effigie di Minerva, dea romana della saggezza. Includendo anche il suo diretto predecessore, la Società Max Planck vanta più premi Nobel di qualsiasi altra istituzione mondiale.

Ha sempre attratto gli scienziati da tutto il mondo, attribuendo gli incarichi direttivi indipendentemente dalle nazionalità. Ad esempio dal 1985 al 2002 direttore del Max-Planck-Institut für Züchtungsforschung di Colonia, Dipartimento di Miglioramento Genetico e Fisiologia delle Piante, è stato l'italiano Francesco Salamini.

Negli Istituti lavorano approssimativamente 12.300 impiegati permanenti, inclusi 4.200 scienziati più circa 9.000 scienziati temporanei e altri ospiti.

Data la sua particolare eccellenza ed efficienza, al modello organizzativo e gestionale della Società Max Planck è ispirata la struttura organizzativa dell'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, fondato nel 2006.

Articolazione della societàmodifica | modifica sorgente

La società Max Planck si divide in diversi istituti sparsi per la Germania, di solito denominati secondo lo schema Istituto Max Planck della tal materia.

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale (Spagna)
— 2013

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License