Sofferenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Van Gogh, Sorrow ("Tristezza" in italiano), litografia del 1882
Madre che piange davanti alla tomba del figlio
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dolore e Dolore (filosofia).

La sofferenza è una condizione di dolore, che può riguardare il corpo e/o il vissuto emotivo del soggetto.

Essa può derivare direttamente da un trauma, fisico o emotivo, oppure può essere espressione di una afflizione interiore più profonda, di cui può essere difficile o impossibile individuare un fondamento oggettivo. In particolare quando la sofferenza è legata a una condizione interiore del soggetto ed è prolungata nel tempo, ovvero la sua intensità è tale da inibire o danneggiare la normale attività emotiva e pratica del soggetto, essa costituisce sintomo di un disturbo psicologico, ad es. nell'ambito patologico della depressione. La sofferenza è anche un insieme di sensazioni corporali anomale. Nella malattia mentale, che disturba la mente, è un dolore fisico.

Sofferenza dell'anima o sofferenza del corpomodifica | modifica sorgente

Si distinguono vari tipi di sofferenza:

  • La sofferenza interiore legata all'anima e che agisce sulla parte più intima dell'uomo, che è sottoposta ai sentimenti, molte volte contraddittori.
  • La sofferenza fisica è più facilmente definibile e le sue cause possono essere meglio contrastate ad es. mediante la terapia del dolore o l'eliminazione della causa della sofferenza stessa.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia







Creative Commons License