Sphoeroides pachygaster

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sphoeroides cutaneus)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pesce palla liscio
Sphoeroides pachygaster.jpg
Stato di conservazione
Status iucn2.3 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Acanthopterygii
Ordine Tetraodontiformes
Sottordine Tetraodontoidei
Famiglia Tetraodontidae
Genere Sphoeroides
Specie S. pachygaster
Nomenclatura binomiale
Sphoeroides pachygaster
Müller & Troschel, 1848
Sinonimi

Sphoeroides cutaneus,
Sphaeroides cutaneus,
Liosaccus pachygaster,
Tetraodon pachygaster

Il pesce palla liscio (Sphoeroides pachygaster) è un pesce di mare appartenente alla famiglia Tetraodontidae dell'ordine Tetraodontiformes.

Distribuzione e habitatmodifica | modifica sorgente

Si tratta di una specie a vastissimo areale, considerata circumtropicale, ovvero diffusa in tutti i mari e gli oceani caldi e temperati caldi. Nell'Oceano Atlantico si rinviene tra l'Irlanda (rarissimo) e il New Jersey a nord e le acque argentine e sudafricane a sud. Nel mar Mediterraneo questa specie era del tutto ignota fino agli anni ottanta, da quel periodo si è diffuso inarrestabilmente a partire dalle acque spagnole ed è oggi presente anche nei bacini più orientali di questo mare. Nei mari italiani è presente ovunque tranne che nel nord Adriatico ma non comune. Si crede che questa invasione del Mediterraneo da parte di questa specie rientri nel fenomeno generale noto come Tropicalizzazione del Mediterraneo[2].
Vive su fondi a prateria, mobili o rocciosi, tra 20 e 250 m.

Descrizionemodifica | modifica sorgente

Ha il caratteristico aspetto dei pesci palle, con corpo tozzo, gonfiabile, pinne dorsale ed anale brevi ed arretrate, testa ed occhi grandi, bocca dotata di 4 grossi denti. La pinna caudale ha margine dritto. le pinne ventrali sono assenti mentre le pinne pettorali sono ampie.
Il colore è bruno sul dorso ed argenteo su fianchi e ventre.
Raggiunge i 25 cm di lunghezza, le femmine sono più grandi dei maschi.

Riproduzionemodifica | modifica sorgente

La stagione riproduttiva in Mediterraneo va da aprile a ottobre.

Alimentazionemodifica | modifica sorgente

Si ciba soprattutto di calamari.

Biologiamodifica | modifica sorgente

Se spaventato, al pari di tutti gli altri pesci palla, può riempire il suo stomaco di acqua o aria e gonfiarsi come una palla.

Pescamodifica | modifica sorgente

Occasionale, soprattutto con reti a strascico. Non ha alcuna importanza e non viene commercializzato, alcune specie della stessa famiglia hanno carni altamente tossiche per il contenuto di tetrodotossina, non è ben chiaro se questa specie sia da considerarsi velenosa.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Patrick Louisy in Trainito, Egidio (a cura di), Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, Milano, Il Castello, 2006. ISBN 888039472X.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Liosaccus pachygaster
  2. ^ Sphoeroides pachygaster

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci







Creative Commons License