Stadio Via del Mare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 40°21′55″N 18°12′32″E / 40.365278°N 18.208889°E40.365278; 18.208889

Stadio Via del Mare
Stadio via del mare.jpg
Informazioni
Ubicazione Via per San Cataldo
73100 Lecce (LE)
Italia Italia
Inizio lavori 1966
Inaugurazione 1966
Copertura Tribuna centrale
Pista d'atletica Presente
Ristrutturazione 1985
Mat. del terreno Erba
Dim. del terreno 105 x 68 m
Proprietario Comune di Lecce
Progetto Costantino Rozzi
Uso e beneficiari
Calcio Lecce Lecce (1966-)
Gallipoli Gallipoli (2009-2010)
Capienza
Posti a sedere 40.670[1] (14.287 omologati[2])
 

Lo stadio Via del Mare è un impianto sportivo di Lecce. Ospita le partite casalinghe dell'Unione Sportiva Lecce e prende il nome dalla via dove è situato. Nel 2009-2010 è stato sede, in via eccezionale, anche delle partite del Gallipoli Calcio, per l'inagibilità dello stadio Antonio Bianco della città ionica[3].

Storiamodifica | modifica sorgente

Tifosi del Lecce della Curva Nord, Lecce-Lazio 5-3, 1º maggio 2005

Sostituì lo stadio Carlo Pranzo, antico impianto intitolato alla memoria di un giovane leccese caduto nel 1942 in Africa all'età di 31 anni durante la Seconda guerra mondiale (dal libro "Lecce Cento" di Enzo Bianco e Antonio Corcella).

Fu inaugurato l'11 settembre 1966 in occasione di un'amichevole tra Lecce e Spartak Mosca, terminata con il punteggio di 1-1 e seguita da 13.000 spettatori. Il 2 ottobre dello stesso anno ospitò la prima partita tra squadre italiane, il derby pugliese tra Lecce e Taranto (1-0), di fronte a 25.000 spettatori. Il 24 giugno del 1967 il Via del Mare ospitò un'altra prestigiosa amichevole tra il Lecce e il Santos di Pelé. La partita terminò 5-1 per i brasiliani con tripletta di Pelé e gol della bandiera salentino di Mammì.

La capienza iniziale era di 16.000 spettatori. Nel 1976, grazie ad un intervento di ampliamento, si arrivò a 20.500 posti.

Con la prima storica promozione del Lecce in Serie A nel 1985 lo stadio fu quasi completamente ricostruito e ammodernato sotto la guida di Costantino Rozzinon chiaro. La capienza arrivò a ben 55.000 posti. Furono rifatte le due curve, sedi del tifo organizzato: la Nord (oggi sede degli Ultrà Lecce) e la Sud (oggi sede della Gioventù). Inoltre furono ricostruite la Tribuna Centrale e Laterale e furono creati i settori Distinti e Tribuna Est (con il cosiddetto "Crescent"), la quale rimase invariata. In seguito, per far sì che tutti i posti a sedere fossero numerati, la capienza fu ridotta a 40.670 posti. A causa dell'aumento del numero di casi di violenze negli stadi, per motivi di sicurezza una parte della curva sud (quella che confina con il settore ospiti) è stata chiusa e il numero dei posti omologati è, attualmente, ridotto a 33.876. Il 31 gennaio 2013, con la caduta del Lecce in Lega Pro, è stata chiusa la Curva Sud portando così la capienza a 14.287 posti.

Le poltroncine sono di colore rosso e giallo (i colori sociali della squadra) e compongono sulla Tribuna Est la scritta "U.S. Lecce". Dopo la sua quasi totale ristrutturazione, lo stadio di Lecce, insieme allo stadio Friuli di Udine, era l'unico stadio pronto per il Mondiale di Italia 1990. Ciò nonostante l'assegnazione dei Mondiali nella regione Puglia andò allo stadio San Nicola di Bari, fatto che causò alcune polemiche.

Nel 1994 lo stadio ospitò un discorso di papa Giovanni Paolo II.

Durante la prima giornata di campionato di Serie B 2007-2008 la sala stampa dello stadio è stata intitolata al giornalista leccese Sergio Vantaggiato, scomparso tragicamente ad agosto 2007. La targa è stata scoperta dal figlioletto di Sergio, Martino, alla presenza delle varie autorità locali, della dirigenza dell'Unione Sportiva Lecce e di alcuni giornalisti delle diverse testate.

Il 1º novembre 2007, durante una fase di allenamento della squadra locale nello stadio, un fulmine ha colpito il magazziniere dell'U.S. Lecce Antonio De Giorgi, uccidendolo sul colpo. Sono rimasti illesi l'allenatore Giuseppe Papadopulo, il direttore sportivo Guido Angelozzi e il calciatore Elvis Abbruscato.

Nel luglio 2011 lo stadio ha ospitato l'edizione 2011 dell'Italia Wave, che ha visto salire sul palco, tra gli altri, Lou Reed e i Kaiser Chiefs.

Con Delibera del Consiglio Comunale lo stadio è stato intitolato al sindaco Ettore Giardiniero, che diede il via libera alla sua ricostruzione.

Lo stadio di Lecce nel 2010

Curiositàmodifica | modifica sorgente

Lo stadio leccese ha ospitato anche per una stagione in Serie B (2009-2010) le partite interne dell'allora esordiente Gallipoli Calcio, ma dopo la fine del campionato, culminato con la retrocessione, il fallimento e la conseguente iscrizione in Promozione Pugliese, la squadra gallipolina è tornata a disputare le partite casalinghe nello stadio Antonio Bianco.

Struttura dello stadiomodifica | modifica sorgente

Curva Nord del Via del Mare, Lecce-Roma 4-2, 7 aprile 2012

Lo stadio è suddiviso nei seguenti settori:

  • Poltronissime
  • Tribuna Ovest Superiore
  • Tribuna Ovest Inferiore
  • Distinti Nord/Ovest
  • Distinti Nord/Est
  • Distinti Sud/Ovest
  • Distinti Sud/Est (Settore Ospiti)
  • Tribuna Est
  • Curva Nord
  • Curva Sud
  • Tribuna Stampa
  • Zona Parterre Handicap

Partite della Nazionale italianamodifica | modifica sorgente

Il Via del Mare ha ospitato quattro partite della Nazionale italiana, con un bilancio di due vittorie e due sconfitte.

Lecce
25 settembre 1985, ore 20:50 CEST
Amichevole
Italia Italia 1 – 2 Norvegia Norvegia Stadio Via del Mare
Arbitro Germania Ovest Fökler

Lecce
13 novembre 1999, ore 20:50 CEST
Amichevole
Italia Italia 1 – 3 Belgio Belgio Stadio Via del Mare
Arbitro Germania Steinborn

Lecce
12 ottobre 2005, ore 20:50 CEST
Qualicazioni al campionato del mondo 2006
Italia Italia 2 – 1 Moldavia Moldavia Stadio Via del Mare (28.167 spett.)
Arbitro Portogallo Benquerença

Lecce
15 ottobre 2008, ore 20:50 CEST
Qualificazioni al campionato del mondo 2010
Italia Italia 2 – 1
referto
Montenegro Montenegro Stadio Via del Mare (20.162 spett.)
Arbitro Portogallo Proença

Galleriamodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Stadio Via del Mare, Wlecce.it.
  2. ^ Chiusura curva sud
  3. ^ Calcio, ufficiale: il Gallipoli giocherà al Via del Mare

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License